James Dyson ha speso personalmente 500 milioni nel progetto di auto elettriche poi accantonato

James Dyson ha speso personalmente 500 milioni nel progetto di auto elettriche poi accantonato

Sarebbe stato un veicolo a propulsione completamente elettrica, in stile SUV e con autonomia di quasi mille chilometri con una ricarica

di pubblicata il , alle 19:21 nel canale Tecnologia
Dyson
 

Il veicolo elettrico di Dyson era noto internamente con la sigla N526 e avrebbe dovuto garantire un'autonomia di circa 600 miglia (quasi mille chilometri) per ricarica ed essere in grado di accelerare da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi. Lo ha dichiarato lo stesso fondatore dell'azienda, James Dyson, in un'intervista al Sunday Times londinese.

Dyson sostiene di aver investito personalmente 500 milioni di sterline (circa 560 milioni di euro) nel progetto. Nello scorso ottobre, tuttavia, ha deciso di sospendere i lavori. "Sebbene siano state fatte molte prove durante il processo di sviluppo, semplicemente non possiamo rendere questo progetto commercialmente fattibile" ha scritto in una lettera rivolta ai dipendenti della sua azienda. Da quel momento Dyson si è concentrata sui progetti legati alle batterie allo stato solido e alle tecnologie di machine learning e intelligenza artificiale.

James Dyson

James Dyson afferma di aver persino guidato il prototipo del veicolo in stile SUV, destinato a competere con i veicoli elettrici di Tesla. Lo ha fatto in un complesso dove non era possibile riprenderlo o fotografarlo. I lavori sul progetto SUV elettrico sono partiti nel 2017 e sono arrivati a coinvolgere 600 dipendenti. Nel 2018, Dyson faceva sapere di voler costruire un impianto di produzione a Singapore per produrre i veicoli elettrici e di aver iniziato lo sviluppo di batterie allo stato solido per il veicolo.

L'auto pesava 2,6 tonnellate e raggiungeva una velocità massima di 200 km/h grazie all'impiego di due propulsori elettrici da 200kW, secondo quanto ha rivelato Dyson al Sunday Times. "C'è grande tristezza e delusione", ha dichiarato Dyson. "La nostra vita è costellata da rischi e fallimenti".

Più di recente, Dyson ha speso circa 25 milioni di dollari per la costruzione di un ventilatore polmonare destinato ai pazienti COVID-19 utilizzando la tecnologia motoristica sviluppata dall'azienda. L'esecutivo britannico il mese scorso ha fatto sapere a Dyson che il suo ventilatore non era più necessario, ma James Dyson ha dichiarato di non essere pentito delle risorse che la società ha stanziato per il progetto, conosciuto come CoVent. "Spero che il nostro ventilatore possa essere d'aiuto in altri paesi, anche se ciò richiede altro tempo e prove", ha affermato.

James Dyson si trova per la prima volta in cima alla classifica delle persone più ricche del Regno Unito, stilata annualmente dal Sunday Times, con una fortuna stimata di £ 16,2 miliardi (circa 18 miliardi di euro).

13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Bartsimpson18 Maggio 2020, 20:37 #1
Grazie al piffero che è straricco, le sue aspirapolveri sono vendute a 10 volte il prezzo di produzione, batte anche la apple come margini di ricavo!
NickNaylor18 Maggio 2020, 21:24 #2
Originariamente inviato da: Bartsimpson
Grazie al piffero che è straricco, le sue aspirapolveri sono vendute a 10 volte il prezzo di produzione, batte anche la apple come margini di ricavo!


e cosa c'è di male? se riesce a venderle care tanto meglio per lui.
NickNaylor18 Maggio 2020, 21:25 #3
mi spiace per il flop, in rete ci sono le foto dell'auto ed è per questo che ha fatto notizia.
giuliop18 Maggio 2020, 22:01 #4
Originariamente inviato da: Bartsimpson
Grazie al piffero che è straricco, i suoi aspirapolvere sono venduti a 10 volte il prezzo di produzione, batte anche la apple come margini di ricavo!


Apple ha, da anni ormai, margini in generale del 20% circa.
m3rcur1o18 Maggio 2020, 23:13 #5
A differenza delle atre case automobilistiche, almeno avremmo avuto strade pulitissime con le auto elettriche Dyson... Mentre ricaricavi la batteria ti avrebbero cambiato anche il sacchetto con lo sporco aspirato.
frankie18 Maggio 2020, 23:44 #6
Ma era turbo o aspirato?
frankie18 Maggio 2020, 23:46 #7
Più concretamente, quando arriva uno come Ford che al posto di fare SUV da 200KW x <5s nello 0-100 si concentra su auto per il pubblico?
Paganetor19 Maggio 2020, 08:34 #8
in effetti quello delle auto elettriche è un cane che si morde la coda.
Vuoi una autonomia decente (diciamo maggiore di 400 km)? Devi mettere più batterie, che però portano una vettura di fascia media a pesare almeno 2 tonnellate (contro i 1300-1500 kg di un'auto "tradizionale". Allora per farla muovere ci metti 2 motori da 200 kW (400 kW sono 544 cavalli, poche supersportive hanno una simile potenza...). Allora siccome i motori elettrici consumano molto è il caso di aggiungerci un altro po' di batterie, se no ti fai due sparini 0-100 e poi devi rimetterla in carica...

Insomma, col peso che hanno secondo me al giorno d'oggi ancora non hanno molto senso (Tesla inclusa)
!fazz19 Maggio 2020, 08:51 #9
Originariamente inviato da: frankie
Ma era tubo o aspirato?

fixed
andbad19 Maggio 2020, 09:40 #10
Originariamente inviato da: Paganetor
in effetti quello delle auto elettriche è un cane che si morde la coda.
Vuoi una autonomia decente (diciamo maggiore di 400 km)? Devi mettere più batterie, che però portano una vettura di fascia media a pesare almeno 2 tonnellate (contro i 1300-1500 kg di un'auto "tradizionale". Allora per farla muovere ci metti 2 motori da 200 kW (400 kW sono 544 cavalli, poche supersportive hanno una simile potenza...). Allora siccome i motori elettrici consumano molto è il caso di aggiungerci un altro po' di batterie, se no ti fai due sparini 0-100 e poi devi rimetterla in carica...

Insomma, col peso che hanno secondo me al giorno d'oggi ancora non hanno molto senso (Tesla inclusa)


In realtà è luogo comune, derivante dalla comune esperienza con i motori termici. In realtà un motore elettrico, data la sua elevatissima efficienza, a parità di velocità consuma più o meno la stessa energia sia che la sua potenza massima sia di 500 come di 50kW.
Semplificando, la stessa auto alla stessa velocità, avrà la medesima autonomia a prescindere dalla potenza massima del motore.
[ovviamente il consumo aumenta leggermente con un motore più potente, ma di pochi punti percentuali]

Semplicemente con batterie più grandi si possono erogare correnti maggiori e dunque pilotare motori più potenti (anche perché un motore il doppio più potente non pesa né costa il doppio).
Ovviamente per le vendite più potenza c'è, meglio è, soprattutto a differenze di prezzo risibili.

By(t)e

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^