La Germania propone il ban delle auto a combustione interna entro il 2030

La Germania propone il ban delle auto a combustione interna entro il 2030

Proposta o provocazione? Il Bundesrat ha proposto alla Commissione Europea di discutere su alcune novità che potrebbero rivoluzionare il panorama delle automobili nei prossimi decenni

di Nino Grasso pubblicata il , alle 18:01 nel canale Tecnologia
Volkswagen
 

La Germania inizia a mettere in discussione il secolare motore a combustione interna. Nello specifico il Bundesrat (il consiglio federale di tutti i sedici stati tedeschi) ha votato a favore di una proposta per ottenere il ban di tutti i veicoli alimentati a benzina o diesel entro il 2030. La notizia, già abbastanza eclatante di suo, sorprende ancor di più se si considera la provenienza: la Germania è infatti una patria fondamentale per le automobili, le quali rappresentano a loro porta una parte importantissima dell'economia locale.

Quello tedesco è lo stato europeo in cui vengono prodotte più auto, ed occupa la terza posizione nelle classifiche mondiali. La risoluzione richiesta dal Bundesrat prevede che la Commissione Europea "valuti l'efficacia delle pratiche recenti sulle tasse e i contributi degli Stati Membri nella promozione della mobilità ad emissioni zero" e, più nello specifico, che "entro il 2030 verranno accettati solo veicoli per passeggeri a zero emissioni". Dopo quella data, quindi, la Germania ritiene che si potranno acquistare solo auto elettriche o con celle a idrogeno.

La prima parte del documento rilasciato dal Bundesrat non è del tutto esplicito, ma probabilmente nei prossimi anni vedremo forti incentivi per facilitare l'acquisto di auto a zero emissioni, ma è anche probabile che verranno eliminate le agevolazioni presenti per l'acquisto di nuove auto a combustione interna, nello specifico quelle a diesel, negli stati europei. La direttiva potrebbe eliminare i vantaggi derivati dall'acquisto di una più costosa auto con motore a diesel, aumentare il costo di proprietà e accelerare la scomparsa della tecnologia.

La direttiva arriva da un paese che ha scommesso molto sul diesel negli ultimi anni, a tal punto che negli ultimi mesi si è sfociati in uno scandalo vero e proprio con il dieselgate da parte di Volkswagen. Al momento il documento rilasciato non è vincolante, tuttavia sarà determinante nella nascita di un nuovo dibattito all'interno della Commissione Europea che stabilirà probabilmente la fine dei veicoli a combustione interna. Un passaggio che ad oggi non sembra comunque così imminente, non tanto per i veicoli di massa, quanto per quelli adibiti ai trasporti.

Sebbene siano già presenti molti modelli di auto completamente elettriche in grado di soddisfare le esigenze della maggior parte degli autisti, dall'altra sembra ancora lontano il tempo in cui i motori elettrici sostituiranno quelli a combustione interna di camion, autobus o navi (che comunque dovranno essere attentamente regolarizzati). Il documento del Bundesrat parla infatti solo delle auto, con l'obiettivo di perseguire il sogno di avere una mobilità a zero emissioni già entro il 2050 senza mettere a rischio l'economia del Vecchio Continente.

Interessante notare che uno degli stati membri del consiglio, la Bassa Sassonia, ha una vasta partecipazione azionaria in Volkswagen. Se ha supportato il nuovo documento quindi non è difficile pensare che la compagnia stia già pianificando un passaggio massiccio all'elettrico, con grossi investimenti per replicare in grande stile allo scandalo Dieselgate che l'ha vista coinvolta direttamente.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

185 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Bivvoz11 Ottobre 2016, 18:22 #1
Sarebbe anche ora.
Sputafuoco Bill11 Ottobre 2016, 18:29 #2
Decidere oggi un divieto per il 2030 è semplicemente da imbecilli.
A parte l'odiosa pratica del vietare tipica di chi pensa di poter disporre della vita altrui, nessuno sa se nel 2030 le auto elettriche costeranno come quelle tradizionali e quali saranno i tempi di ricarica. Bisogna mettere nel conto anche i problemi legati alle materie prime e la produzione di energia elettrica necessaria per ricaricare le batterie.
Questa trovata è solo una bandierina ideologica.
Mparlav11 Ottobre 2016, 18:33 #3
L'obiettivo non è impossibile, ma occorre valutare l'effettiva volontà dei produttori tedeschi.
Tedturb011 Ottobre 2016, 18:44 #4
Quindi boom di acquisti nel 2029
Bivvoz11 Ottobre 2016, 18:46 #5
Originariamente inviato da: Sputafuoco Bill
Decidere oggi un divieto per il 2030 è semplicemente da imbecilli.
A parte l'odiosa pratica del vietare tipica di chi pensa di poter disporre della vita altrui, nessuno sa se nel 2030 le auto elettriche costeranno come quelle tradizionali e quali saranno i tempi di ricarica. Bisogna mettere nel conto anche i problemi legati alle materie prime e la produzione di energia elettrica necessaria per ricaricare le batterie.
Questa trovata è solo una bandierina ideologica.


Trovo più odioso chi pensa di poter fare ciò che vuole nel nome della libertà danneggiando gli altri.
Qua se non facciamo qualcosa al più presto crepiamo tutti soffocati... sentendoci liberi però oh.
Grizlod®11 Ottobre 2016, 18:47 #6
Per attuare tale "riforma", la Germania per il 2030, dovrebbe avere già intallata una rete capillare di distrubutori atti sia alla ricarica che al rifornimento di idrogeno, su tutto il territorio...cosa non facile neppure per loro.

Daltra parte, dato che la prima parte del documento rilasciato dal Bundesrat non è del tutto esplicito, ritengo, lasci interpretazioni sul tema.

Poi ci sono altre considerazioni sulla sicurezza (es. incidenti con l'idrogeno o scariche elettriche) e non ultimo, politiche...anche se non è l'Italia.
Xeus3211 Ottobre 2016, 18:49 #7
Per me è un obbiettivo ammirabile ma vorrei capire come perdano di sopperire alle materie prime che sono molto costose.
Poi non è detto che con un aumento dei costi, il concetto di mobilità attuale sia possibile tra 10 anni.
In più tra 10 anni, ci saranno anche altri mercati come la Cina che impareranno sulle materie prime
calabar11 Ottobre 2016, 19:00 #8
Originariamente inviato da: Sputafuoco Bill
Decidere oggi un divieto per il 2030 è semplicemente da imbecilli.

Sarebbe da imbecilli fare altrimenti.
Certi cambiamenti hanno bisogno di tempo, e bisogna tener conto della longevità delle auto (che può tranquillamente superare i vent'anni), chi compra ora deve sapere in che direzione si sta andando.
Inoltre se non si comincia a tracciare gli obiettivi diventa difficile veicolare gli investimenti e di conseguenza spingere il mercato nella direzione voluta.

Ovviamente no si sa a che punto saranno le tecnologie tra dieci anni, ma sicuramente chi lavora su queste tecnologie è abbastanza informato sui possibili scenari futuri.
Se poi qualcosa dovesse andare storto si è sempre in tempo per rimandare la scadenza, intanto però le aziende del settore si sono organizzate per rispettarla dirottando appositamente gli investimenti.

Il problema della produzione di energia elettrica non esiste: nel peggiore dei casi si potrebbe usare la benzina stessa che mettiamo nelle auto, ma in centrali molto più efficienti dei motori (spesso vecchi e non a punto) delle nostre auto.
I problemi saranno sicuramente altri, in primis la distribuzione e lo stoccaggio dell'energia.

A mio parere non sarebbe male se un'iniziativa di questo tipo fosse adottata a livello europeo.
RaZoR9311 Ottobre 2016, 19:13 #9
Originariamente inviato da: Grizlod®
Per attuare tale "riforma", la Germania per il 2030, dovrebbe avere già intallata una rete capillare di distrubutori atti sia alla ricarica che al rifornimento di idrogeno, su tutto il territorio...cosa non facile neppure per loro.

Daltra parte, dato che la prima parte del documento rilasciato dal Bundesrat non è del tutto esplicito, ritengo, lasci interpretazioni sul tema.

Poi ci sono altre considerazioni sulla sicurezza (es. incidenti con l'idrogeno o scariche elettriche) e non ultimo, politiche...anche se non è l'Italia.
L'idrogeno non serve. Tutti gli investimenti dei produttori tedeschi sono sull'elettrico.
Bestio11 Ottobre 2016, 19:14 #10
Allora dovrebbero chiudere anche tutte le fabbriche che utilizzano sistemi a combustione comprese le centrali elettriche.
E allora chi la fornisce l'energia? Basteranno le sole energie rinnovabili a sostenere il fabbisogno energetico dell'intero pianeta?
Oppure torneremo tutti al medioevo?
Non ha senso vietare le auto a benzina, se poi per alimentare quelle elettriche bruciamo carbone.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^