Le autostrade del futuro caricheranno le batterie delle auto elettriche

Le autostrade del futuro caricheranno le batterie delle auto elettriche

I ricercatori della Cornell University stanno sviluppando una carreggiata speciale in grado di caricare le batterie dei veicoli mentre sono in percorrenza

di pubblicata il , alle 15:01 nel canale Tecnologia
 

La Cornell University, situata a Ithaca, nello stato di New York, propone una visione del futuro in cui gli automobilisti proprietari di auto elettriche non dovranno più preoccuparsi di conoscere l'ubicazione delle stazioni di ricarica, perché le corsie autostradali ricaricheranno automaticamente le loro auto.

Quando un veicolo sta per esaurire la carica della batteria, può spostarsi nella corsia specializzata alla ricarica. Dopo averla percorsa per un po' di chilometri, la batteria del veicolo risulterà carica, il veicolo verrà identificato e una fattura verrà inviata al conducente.

Ricarica wireless per rendere la mobilità elettrica alla portata di tutti

Per fare in modo che la corsia ricarichi le batterie delle auto elettriche, i ricercatori della Cornell University hanno sviluppato delle speciali piastre metalliche da affogare nell'asfalto. Le piastre, collegate a una linea elettrica e a un inverter, creano campi elettrici che possono caricare la batteria di un veicolo mentre attraversa le varie piastre che si trovano nel manto stradale.

Cornell University

Si tratta di una tecnologia di ricarica wireless non molto dissimile nella sua idea di base rispetto a quella che troviamo nei dispositivi di ricarica degli smartphone. Rimangono molte sfide prima che le corsie con ricarica wireless diventino la norma, ma se questi progetti si concretizzassero potrebbero cambiare definitivamente il modo di concepire la mobilità elettrica. Alleviando l' "ansia da ricarica", renderebbero molto più appetibili i veicoli elettrici.

La Cornell University, così come gli altri ricercatori che stanno portando avanti i progetti di ricarica wireless delle auto, devono però affrontare una serie di problemi. Principalmente legati ai costi e all'efficienza. Da questo punto di vista si spera che l'uso di frequenze più alte possa essere la risposta, rendendo più fattibile la ricarica wireless.

"Il trasferimento di potenza in wireless si basa sullo stesso principio fisico sottostante l'invio dei messaggi attraverso le onde radio ai veicoli spaziali come il Voyager", sostengono i ricercatori in questo documento. "La differenza principale, ovviamente, è che nella nostra applicazione inviamo molta più energia e su distanze molto più corte".

In altre parole, le stesse frequenze che si utilizzano per la comunicazione nello spazio profondo potrebbero essere utilizzate per trasmettere potenza ai veicoli su brevi distanze. Fino a oggi il team della Cornell University è riuscito ad alimentare veicoli alla distanza di 18 centimetri. Ma questo ovviamente non vuol dire che la ricarica wireless tramite le corsie stradali sia dietro l'angolo. L'installazione di molte piastre metalliche è sicuramente molto costosa e non è ancora chiaro se le attuali infrastrutture debbano essere demolite e ricostruite, il che richiederebbe sforzi enormi.

Resta il fatto che un sistema del genere cambierebbe non poco il modo in cui ci spostiamo in automobile. Anche se i ricercatori stimano almeno 5 o 10 anni perché la tecnologia possa essere messa a punto, questa consentirebbe di alleviare le pressioni circa l'adeguamento della rete di punti di ricarica, ancora insufficiente per poter sostenere il passaggio in massa alla mobilità elettrica. Inoltre, la tecnologia potrebbe avere ambiti di impiego ancora più ampi: per esempio, potrebbe essere usata nei magazzini dai carrelli elevatori autonomi per caricarsi da soli mentre sono al lavoro.

40 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
nameman14 Maggio 2021, 15:07 #1
"Le autostrade del futuro caricheranno le batterie delle auto elettriche"

le autostrade del futuro.... futuro possimo o futuro futuro futuro..... ?
Strato154114 Maggio 2021, 15:11 #2
Il tutto dimostra che la tecnologia dell batterie non è assolutamente in grado di soppiantare quella del motore a combustione....
Lo stanno dicendo in molti, dalla Toyota a Stellantis che il passaggio all'elettrico è un'imposizione e forzata di qualcosa che non è maturo..
inoltre si aggiungono problemi come reperimento di materie prime e smaltimento delle batterie, temi sui quali Greta & Co al momento latitano..
D4N!3L314 Maggio 2021, 15:23 #3
Considerando quanto ci hanno messo a fare la SA-RC...

Comunque anche se fosse cosa succede quando esco dall'autostrada?
agonauta7814 Maggio 2021, 15:25 #4
Le autostrade del futuro saranno il cielo e comunque credo che i figli dei figli dei miei figli guideranno ancora auto alimentate da combustibili fossili
io78bis14 Maggio 2021, 15:26 #5
Che p@lle con questa ansia da ricarica.
Volete risolvere veramente il problema? Piantatela di integrare la batteria nel pianale e rendetela sostituibile velocemente.

Darkon14 Maggio 2021, 15:37 #6
Originariamente inviato da: Strato1541
Il tutto dimostra che la tecnologia dell batterie non è assolutamente in grado di soppiantare quella del motore a combustione....
Lo stanno dicendo in molti, dalla Toyota a Stellantis che il passaggio all'elettrico è un'imposizione e forzata di qualcosa che non è maturo..


Ma basta con sta manfrina... certo l'elettrico non è un prodotto all'apice dato che è una nuova tecnologia come quando iniziarono i motori a scoppio non erano i motori che abbiamo oggi. Fatto sta che basta prendersi un ibrido se proprio uno deve cambiare a brevissimo e il problema è risolto. Fra 10 anni non si porrà nemmeno il problema.

inoltre si aggiungono problemi come reperimento di materie prime e smaltimento delle batterie, temi sui quali Greta & Co al momento latitano..


Ormai sono stanco perfino di rispondere a queste fantasie.

Materie prime: Litio e Cobalto (le uniche componenti meno disponibili) non sono così rare come la gente si immagina. In Germania hanno da poco scoperto un giacimento immenso, in Australia ci sono giacimenti che basterebbero per centinaia di anni e le riserve africane che già oggi conosciamo sarebbero sufficienti a fabbricare batterie probabilmente in quantità superiori a quelle di cui avremo mai bisogno. Senza contare che nelle batterie di nuova generazione le quantità laddove ancora usate di Litio e Cobalto sono talmente esigue dove ancora sono usati che il problema non esiste proprio. Quindi ripeto ma perché ripetete a pappagallo sta storia priva di qualsiasi fondamento?!

Riciclo: Io non so perché nella testa della gente le batterie siano il prodotto meno riciclabile del mondo perché AD OGGI è proprio il contrario. Non parlo di future tecnologie o di impianti che hanno da fare... Oggi, in questo momento, abbiamo già tecnologie tali che le batterie vengono riciclate recuperando fino circa il 90%. Sono fra i prodotti più riciclabili in assoluto.

Greta & co. latitano perché non c'è niente da accusare sull'argomento... e Greta non è che mi stia particolarmente simpatica eh ma su questo gli si può dire poco.
Strato154114 Maggio 2021, 15:51 #7
Originariamente inviato da: Darkon
Ma basta con sta manfrina... certo l'elettrico non è un prodotto all'apice dato che è una nuova tecnologia come quando iniziarono i motori a scoppio non erano i motori che abbiamo oggi. Fatto sta che basta prendersi un ibrido se proprio uno deve cambiare a brevissimo e il problema è risolto. Fra 10 anni non si porrà nemmeno il problema.



Ormai sono stanco perfino di rispondere a queste fantasie.

Materie prime: Litio e Cobalto (le uniche componenti meno disponibili) non sono così rare come la gente si immagina. In Germania hanno da poco scoperto un giacimento immenso, in Australia ci sono giacimenti che basterebbero per centinaia di anni e le riserve africane che già oggi conosciamo sarebbero sufficienti a fabbricare batterie probabilmente in quantità superiori a quelle di cui avremo mai bisogno. Senza contare che nelle batterie di nuova generazione le quantità laddove ancora usate di Litio e Cobalto sono talmente esigue dove ancora sono usati che il problema non esiste proprio. Quindi ripeto ma perché ripetete a pappagallo sta storia priva di qualsiasi fondamento?!

Riciclo: Io non so perché nella testa della gente le batterie siano il prodotto meno riciclabile del mondo perché AD OGGI è proprio il contrario. Non parlo di future tecnologie o di impianti che hanno da fare... Oggi, in questo momento, abbiamo già tecnologie tali che le batterie vengono riciclate recuperando fino circa il 90%. Sono fra i prodotti più riciclabili in assoluto.

Greta & co. latitano perché non c'è niente da accusare sull'argomento... e Greta non è che mi stia particolarmente simpatica eh ma su questo gli si può dire poco.


Ti rispondo con una domanda, quale è il componente di un'auto che si sostituisce anche se non viene utilizzata? un piccolo aiutino inizia per "Batt" e finisce per "eria"..

Sì le batterie al LITIO-COBALTO ( non al piombo quelle sono riciclabili al 99%) non sono ancora riciclabili .

Inoltre le vetture a batteria avranno una vita più breve di quelle termiche per ovvi motivi, al momento della scadenza della garanzia (circa 7-8 anni e max 200.000 km) non vi sarà più nessuno disposto a comprarle, creando ancora maggiori rifiuti..

In ultima la produzione dell'energia, con cosa alimentiamo le colonnine fast da 300 kw di picco? 300kw = 100 contatori di casa, tutti insieme tutti concentrati per ricaricare 1 singola auto rapidamente...

A mio avviso puoi anche stancarti di rispondere, ma tra 10 anni vedremo cosa succederà, io senza remore preferisco a seconda delle necessità affidarmi a tecnologie che non mi facciano perdere soldi, tempo e anche il piacere di fare un scampagnata senza dover usare un i7 per sapere se potrò o meno visitare un luogo il giorno successivo...
recoil14 Maggio 2021, 15:52 #8
Originariamente inviato da: io78bis
Che p@lle con questa ansia da ricarica.
Volete risolvere veramente il problema? Piantatela di integrare la batteria nel pianale e rendetela sostituibile velocemente.


non so se è tecnicamente fattibile, ma risolverebbe molti problemi
potresti avere la batteria standard e in più una aggiunta che puoi rimuovere facilmente così in autostrada ti fermi cambi batteria e lasci giù la tua che viene caricata per un altro utente
andrebbe bene come opzione per chi viaggia molto tipo i rappresentanti
bobby1014 Maggio 2021, 15:54 #9
See 5 o 10 anni... ma dove? No perchè considerando che l'Italia è sempre tra gli ultimi paesi in tema di sviluppo..
Immagino poi chissà quando sarà inaugurata quella singola arteria autostradale che sfrutta tutto ciò e al sud... ovviamente niente

Mi auguro che il vero progresso ci porti a superare tutto ciò. Batterie e progresso mi sembrano un ossimoro
TorettoMilano14 Maggio 2021, 15:57 #10
Originariamente inviato da: io78bis
Che p@lle con questa ansia da ricarica.
Volete risolvere veramente il problema? Piantatela di integrare la batteria nel pianale e rendetela sostituibile velocemente.



Originariamente inviato da: recoil
non so se è tecnicamente fattibile, ma risolverebbe molti problemi
potresti avere la batteria standard e in più una aggiunta che puoi rimuovere facilmente così in autostrada ti fermi cambi batteria e lasci giù la tua che viene caricata per un altro utente
andrebbe bene come opzione per chi viaggia molto tipo i rappresentanti


https://www.youtube.com/watch?v=H5V0vL3nnHY

ero molto affascinato dal cambio batteria al volo di tesla. poi boh è stato scartato come progetto

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^