Lexgo R10, arriva in Italia il nuovo monopattino elettrico per la città: prezzi e specifiche

Lexgo R10, arriva in Italia il nuovo monopattino elettrico per la città: prezzi e specifiche

Design e soluzioni di sicurezza e comodità a un prezzo competitivo. Ecco la ricetta di Lexgo per la urban mobility

di pubblicata il , alle 16:01 nel canale Tecnologia
 

Lexgo LEX R10 è adesso disponibile online. Viene annunciato a 499€ ma su Unieuro è disponibile al prezzo di 349€ con 150€ di sconto sul listino ufficiale. Si tratta del prodotto flagship dell'azienda, caratterizzato da alcune soluzioni rivolte alla massima comodità e sicurezza per la città.

Il monopattino elettrico adotta un'ampia pedana che consente una guida comoda e sicura anche in caso di repentini cambi di direzione. Abbiamo anche un sistema di illuminazione, anche posteriore, per facilitare la guida e la visibilità del monopattino da parte di altri veicoli, mentre alla base di tutto è presente un motore da 400W di picco, ruote Fat da 10", freni a disco, il tutto in un peso contenuto in 17 Kg e mezzo. Il monopattino di Lexgo è inoltre in grado di trasportare fino a 100 kg di peso.

Lexgo LEX R10 è progettato per offrire "prestazioni ed efficienza agli utenti della smart mobility", capace di raggiungere i 25 km/h. Implementa un telaio ripiegabile, display con indicatore della velocità e dello stato della batteria, e gli pneumatici sono gonfiabili. La batteria è da 7.5000mAh, con l'utente che può selezionare tre modalità di accelerazione.

Prezzo di listino, come abbiamo detto, 499,00 euro con disponibilità online presso Unieuro. Al momento in cui scriviamo può essere acquistato al prezzo di 349,00€.

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
pipperon16 Novembre 2020, 16:45 #1
massima sicurezza per la città.
Un monopattino.
Va bene la marchetta...
ma vediamo di non esagerare con questo tritacarne.

per la forma questo fa parte di quelli (il 99.99%) che non frenano per design.

http://allarovescia.blogspot.com/20...tini-again.html
chaosblade16 Novembre 2020, 17:06 #2
Adesso non esageriamo, postare un test crasch non ha senso perché i manichini non reagiscono di riflesso
aald21316 Novembre 2020, 17:20 #3
Originariamente inviato da: chaosblade
Adesso non esageriamo, postare un test crasch non ha senso perché i manichini non reagiscono di riflesso


Prenditi due minuti per leggere almeno i punti salienti dell'articolo (che è molto interessante). Da quello che hai scritto è evidente che hai guardato solo l'immagine in testa.
Whitelight16 Novembre 2020, 19:24 #4

Ruote fat e batteria slim

Batteria da 7500 mAh, praticamente la metà dello Xiaomi Pro, quindi autonomia max 20 km... la tristezza proprio
pipperon17 Novembre 2020, 01:36 #5
Originariamente inviato da: chaosblade
Adesso non esageriamo, postare un test crasch non ha senso perché i manichini non reagiscono di riflesso


al di la che l'articolo e' tutto tranne che in crash test, ricordo che anche se tu avessi la prontezza di un super eroe, poi dovresti averne anche i muscoli.
A quelle velocita' e decelerazioni non puoi fare molto di piu' di un manichino.

Persino un gatto, che ha altri rilessi e potenze dimostrati dal rimaner vivo saltando dal 4to piano, si spiattella sulle auto come un sacco di patate.
milly17 Novembre 2020, 11:05 #6
tutto giusto, ma che differenza ci sarebbe con le biciclette? come mai non si fanno le stesse considerazioni? è ovvio che vi sia un pericolo intrinseco con qualunque mezzo in grado di sviluppare una velocità appena superiore ad una passeggiata. non credo che la situazione sarebbe sostanzialmente diversa se si facessero le stesse prove con le scarpe da ginnastica...intendo correndo.
lucusta17 Novembre 2020, 14:31 #7
anche se passeggi ti ficcano sotto, ma difficile che te la vai a cercare facendo zig zag tra le auto.
sono i comportamenti che devono essere sanzionati, non i mezzi.
Mparlav17 Novembre 2020, 15:46 #8
Originariamente inviato da: milly
tutto giusto, ma che differenza ci sarebbe con le biciclette? come mai non si fanno le stesse considerazioni? è ovvio che vi sia un pericolo intrinseco con qualunque mezzo in grado di sviluppare una velocità appena superiore ad una passeggiata. non credo che la situazione sarebbe sostanzialmente diversa se si facessero le stesse prove con le scarpe da ginnastica...intendo correndo.


Questo è il periodo del "diamo addosso ai monopattini", nulla di nuovo.

E' già capitato con vespini, ciclomotori, pattini, skateboard, scooter.
Ma il primato ce l'hanno le biciclette: quelle vengono "massacrate" fin dalla loro nascita, quando intralciavano il traffico dei calessi.

Per alcuni esistono solo le auto, tutto il resto è un intralcio.
Podz17 Novembre 2020, 18:17 #9
Originariamente inviato da: milly
tutto giusto, ma che differenza ci sarebbe con le biciclette? come mai non si fanno le stesse considerazioni?

Semplicemente perché il controllo di un monopattino è ridicolo rispetto a quello di una bicicletta.
aald21317 Novembre 2020, 19:08 #10
Originariamente inviato da: Mparlav
Questo è il periodo del "diamo addosso ai monopattini", nulla di nuovo.

E' già capitato con vespini, ciclomotori, pattini, skateboard, scooter.
Ma il primato ce l'hanno le biciclette: quelle vengono "massacrate" fin dalla loro nascita, quando intralciavano il traffico dei calessi.

Per alcuni esistono solo le auto, tutto il resto è un intralcio.


A differenza di coloro che fanno teorie varie, io dal monopattino ci sono caduto per davvero, e la dinamica è esattamente quella descritta nell'articolo critico: quando un monopattino si ferma bruscamente, il passeggero viene catapultato in avanti, con l'ulteriore complicazione che il manubrio blocca la parte inferiore del corpo, risultando in cadute incontrollabili (io mi sono preso una distorsione a un polso, nonostante abbia esperienza con molteplici sport in cui si cade di routine).

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^