Maserati guarda all'elettrico, pronto un piano per modelli ibridi e full electric

Maserati guarda all'elettrico, pronto un piano per modelli ibridi e full electric

Tutti i nuovi modelli Maserati saranno sviluppati, ingegnerizzati e prodotti al 100% in Italia e adotteranno sistemi a propulsione elettrica ibridi e a batteria in grado di fornire sia elevata innovazione che alte prestazioni, tipiche del DNA del Marchio

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale Tecnologia
Maserati
 

Maserati, a seguito del programma di investimenti da 5 miliardi di euro di FCA per l'Italia, annuncia i nuovi piani per i propri modelli futuri tra i quali anche soluzioni ibride, 100% elettriche e basate su guida autonoma.

Nel comunicato, prima ancora di scendere nel dettaglio dei veicoli, si sottolinea in maniera molto marcata l'atteggiamento alla base di questo programma di elettrificazione:

"Tutti i nuovi modelli Maserati saranno sviluppati, ingegnerizzati e prodotti al 100% in Italia e adotteranno sistemi a propulsione elettrica ibridi e a batteria in grado di fornire sia elevata innovazione che alte prestazioni, tipiche del DNA del Marchio. Tutti i modelli elettrici Maserati combineranno la tradizionale dinamica di guida con la tecnologia elettrica di nuova generazione, offrendo modalità di guida uniche, autonomia estesa e capacità di ricarica ultraveloce"

Attuale versione tradizionale del modello Ghibli

Per quanto riguarda invece il parco auto che potremo vedere da qui a qualche anno, Maserati annuncia che il primo modello ad entrare nel mondo elettrico, con una soluzione ibrida, sarà la già nota Ghibli, con produzione fissata a Torino; successivamente, nel 2020, verrà presentata una nuova supersportiva la quale inizialmente adotterà un tradizionale motore a combustione ma, presso lo stabilimento di Modena dove questa nuova vettura sarà prodotta, è già in corso un ingente investimento sulle infrastrutture di processo per la sua futura elettrificazione.

Rendering pensato da Rain Prisk per la futura Supercar Maserati

Andando avanti, nel comunicato si è parlato anche dell'interesse dell'azienda ad investire in un nuovo segmento nel quale sarà riversata molta tecnologia:

"Arriverà un nuovo “utility vehicle” Maserati costruito a Cassino e destinato ad avere un ruolo di primo piano per il Marchio grazie alle innovative tecnologie. Un investimento di circa 800 milioni di euro verrà utilizzato per la costruzione della nuova linea di produzione, che prenderà il via alla fine del primo trimestre del 2020"

Infine in programma anche la realizzazione dei nuovi modelli GranTurismo e GranCabrio, ufficialmente i primi modelli Maserati a presentarsi con una piattaforma 100% elettrica, la cui produzione sarà affidata al polo produttivo di Torino.

Insomma progetti ben chiari, di alto livello, e tutti all'interno di una filiera che inizia e finisce interamente in Italia, cosa oggigiorno non così ovvia anche quando si parla di eccellenze del nostro paese.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
nickname8830 Settembre 2019, 10:22 #1
Oramai Maserati è un brand quasi abbandonato a se stesso.
mattia.l30 Settembre 2019, 12:00 #2
Vendono Magneti Marelli per poi dedicarsi all'elettrico magari con robaccia cinese...
E qualcuno gli regala pure soldi con la Tipo fatta in Turchia o con la torinesissima 500 polacca
nx-9930 Settembre 2019, 12:46 #3
A quando un bel articolo che parli delle infrastrutture della rete elettrica del nostro paese, rischieremo blackout in futuro ?
Notturnia30 Settembre 2019, 13:17 #4
Blackout.. dipende.. alcune città hanno reti di distribuzione tirate al limite per via dei climatizzatori per cui aggiungere le ricariche per le auto le può mettere in seria crisi.. vedi le cabine andate a fuoco a Roma l’anno scorso.
Il problema è serio per molte città ma la rete nazionale reggerà visto che abbiamo molte centrali spente grazie al green e alla crisi.. l’unico problema è che sarà molto poco green
Utonto_n°130 Settembre 2019, 16:25 #5
Originariamente inviato da: nx-99
A quando un bel articolo che parli delle infrastrutture della rete elettrica del nostro paese, rischieremo blackout in futuro ?


ogni volta viene sempre fuori qualcuno che, secondo un'idea personale, ipotizza blackout e crisi di produzione elettrica, ma basta informarsi da chi produce e vende energia, Enel afferma:
"in uno scenario di 1.000.000 di veicoli elettrici l’incremento che si avrebbe sui consumi di elettricità nazionali per la loro ricarica sarebbe di circa lo 0,3%"

https://www.enelx.com/it/it/risorse...rre-piu-energia

Ritengo più affidabile Enel che ipotesi personali, di conseguenza non servono articoli su blackout, magari potrebbero farne uno nel quale si tranquillizzano gli allarmisti...
Notturnia07 Ottobre 2019, 21:19 #6
Bella Enel x chdd ed vuole V ed sere colonnine e sottostima consumi e kilometraggio e parla di un solo milione di auto e non dei 25 milioni attualmente circolanti
Escludendo i mezzi pesanti e i furgoni
La facciamo facile poi parlando anche delle plug in che sono le ibride
Ad ogni modo la produzione c’è è la rete di media che noN C’è la fa e non è terna il problema ma i DL., motivo per cui Enel X non parla di loro ma solo di terna

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^