MEB, la piattaforma per i veicoli elettrici del gruppo Volkswagen, sbarca... sugli yacht di lusso

MEB, la piattaforma per i veicoli elettrici del gruppo Volkswagen, sbarca... sugli yacht di lusso

Silent Yachts ha già un'ampia gamma di imbarcazioni di lusso a propulsione elettrica e ricarica solare: con l'utilizzo della piattaforma MEB, nata per i veicoli elettrici del gruppo Volkswagen, punta a ridurre i costi per un modello più accessibile

di pubblicata il , alle 19:21 nel canale Tecnologia
Volkswagen
 

La piattaforma MEB (in tedesco Modulare Elektrifizierungsbaukasten, “Piattaforma di elettrificazione modulare”) è centrale nei piani futuri del gruppo Volkswagen. Tale pianale rappresenta infatti l'ossatura della gamma di auto elettriche del produttore tedesco: è alla base delle Volkswagen ID, ma anche di modelli com Audi Q4 e-tron, Cupra el-Born e Skoda Vision iV. Al momento la piattaforma MEB è già in uso in ben cinque impianti di produzione del gruppo, due in Germania, uno in Repubblica Ceca e due in Cina.

Capita spesso che ci siano travasi di tecnologie tra l'automotive e la nautica e che motori nati per l'autotrazione siano utilizzati anche in ambito marino. Sembra che la piattaforma VW MEB possa seguire un simile percorso già a brevissimo termine.

Dal 2022 dovrebbero iniziare a solcare le acque, infatti, gli yacht del produttore austriaco (con cantieri navali in Italia, Cina e Thailandia) Silent-Yachts basati su 'motorizzazione' MEB. L'azienda ha una storia di ormai 15 anni e già dal 2009 ha creato un vascello a propulsione elettrica e ricarica da pannelli solari, denominato SolarWave 46.

Attualmente offre una gamma di yacht elettrici decisamente articolata, con ben tre modelli a catalogo, con potenze da 100 kW a 680 kW, batterie da 150 kWh a 429 kWh e prezzi a partire da poco meno di due milioni di euro.

Lo yacht diventa elettrico e silenzioso con la piattaforma VW MEB

Il nuovo modello Silent 50, basato sulla piattaforma MEB, dovrebbe posizionarsi al gradino entry level della gamma, visto che l'utilizzo di una soluzioni di produzione industriale su larga scala potrà permettere un netto contenimento dei costi. Dovrebbe essere disponibile a partire dal 2022 e sarà sviluppato sulla piattaforma MEB in collaborazione con gli spagnoli di Cupra, che si occuperanno di adattare il sistema di propulsione e gestione delle batterie, nato per l'auto, in vista delle esigenze di un natante.

Il piano di Silent Yachts è quello di utilizzare la piattaforma MEB sugli yacht dai 50 piedi in su, con la possibilità di accoppiare fino a 6 pacchi batteria e raggiungere potenze fino a 500 kW. L'ampia superficie destinata ai pannelli solari permette fino a 30 kW di potenza di picco per la ricarica delle batterie e dovrebbe permette di viaggiare in modo continuo senza necessità di pause per la ricarica. In caso di assoluta mancanza di sole l'autonomia dell'attuale modello Silent 55 è di circa 100 miglia.

I modelli attuali, comunque, hanno a bordo un generatore a combustione e centinaia di litri di nafta per ricaricare le batterie e in caso di bisogno o alimentare i sistemi di bordo. Tra le particolarità dei Silent Yacht già a catalogo, anche la possibilità di navigare a vela tramite un grosso kite che può essere innalzato tra 70 e 140 metri di altitudine per sfruttare la forza del vento.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
pipperon02 Febbraio 2021, 02:09 #1
follia alla stato puro.
Prendete uno yacht e segategli l'albero.
Perche togliere le vele?
boh

A questo punto avete un catamarano a motorore ma avete il piccolo problema che i cat non aono amici del peso e ve ne fregate e ci caricate sopra 20 tonnellate di motori, benzina e batterie.

Si perche il motopesca risultante pesa la diavoleria di 58 tonnellate, contro gli yacht catamarani che sono per quella lunghezza sui 20T.

sti bidoni infatti caricano 5 tonnellate di gasolio (come era la storia dell'elettrico?) e degli inutili pannelli solari (quasi una tonnellata) che producono un una giornata come un paio di minuti di smotorata.

Dimenticavo, per ragioni non chiare imbarcano anche 425 KWh di batterie (come 10 clio-leaf-) che dureranno 90 minuti, tenete conto che i serbatoi hanno 5000 litri di gasolio per sopperire ai 2 motori da 500CV complessivi.

Questo affare, probabilmente divenuto difficile con il mare formato, con delle batterie inutili se non per il condizionatore fermo in rada (cosa che di certo non vedra' spesso) e che manco e' possibile sapere la velocita' di crociera o l'autonomia prevista che sospettiamo non eccelsa visto il pastrocchio con in piu' la castroneria di VW (un nome di correttezza, no?)

se uno si compra un motopesca i Ferretti sono molto confortevoli, ma se uno vuole un yacth cat
https://www.cata-lagoon.com/it/50#specs
ne trova quanti ne vuole
https://www.catamarans-fountaine-pa...tamaran-new-51/
https://www.nautitechcatamarans.com/en/54.html

Principalmente francesi, ma anche polacchi e americani.

questo e' peggio di un suv, e' un suv ibrido che va in giro con il ruotino emergenziale: ha bucato di serie

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^