Mercedes Vision AVTR: al CES 2020 arriva l'auto ispirata al film Avatar con 33 ''lembi'' che la fanno respirare

Mercedes Vision AVTR: al CES 2020 arriva l'auto ispirata al film Avatar con 33 ''lembi'' che la fanno respirare

Al CES 2020 di Las Vegas non si è parlato solo di notebook, smartphone e tablet ma anche di auto e di quel legame che sembra stare a cuore alle case produttrici: il legame tra l'auto e il guidatore, in una sorta di anima unica. Mercedes ha pensato ad Avatar (il film) in tal senso creando la Vision AVTR. Eccola

di pubblicata il , alle 19:21 nel canale Tecnologia
Mercedes-Benz
 

Nel film futuristico Avatar di James Cameron si parla di Pandora quale mondo in cui cui gli esseri "blu" sono i protagonisti principali. Le creature su Pandora sono collegate "con l'anima" agli animali che fanno loro anche da mezzi di trasporto. Ecco che Mercedes ha deciso di rifarsi proprio a questo legame per portarlo nella realtà tra l'uomo e la sua auto e renderlo fattibile in futuro con la nuova VISION AVTR ossia un'auto del tutto futuristica capace di "respirare" grazie a 33 lembi multifunzionali posizionati nella parte superiore della sua scocca.

Si possono muovere tutti e 33 in maniera sistematica proprio come se respirassero e come se l'auto prendesse effettivamente vita. I movimenti dei 33 lembi sono ovviamente una funziona aerodinamica che garantisce all'auto di avere la minima resistenza all'avanzamento e quindi una potenziale migliore efficienza aerodinamica. La linea è del tutto futuristica, tra spigoli completamente assenti, curve mozzafiato e soprattutto LED in ogni parte della carrozzeria. L'estetica sicuramente la fa da padrona ma è palese come Mercedes voglia far vedere di cosa è capace per il futuro.

 

Mercedes VISION AVTR: una super car che "respira"

Gli esterni, gli interni ma anche l'interfaccia utente risultano un unico elemento. La carrozzeria è composta di vetrate ampie rotondeggianti con gruppi ottici fortemente ridotti che lasciano spazio ai LED presenti sottoforma di linee nei punti giusti. Passaruota bombati capaci di risaltare le ruote "enormi" della Mercedes VISION AVTR completamente illuminate da LED in questo concept. Come detto sul lunotto esterno sono presenti i 33 lembi o per meglio dire "flap bionici" capaci di muoversi in maniera indipendente o anche tutti assieme e capaci di comunicare con il guidatore e il mondo esterno in una sorta di simbiosi. Alcuni sono dotati anche di pannelli solari per recuperare energia durante la marcia o in sosta.

I comandi tradizionali come il volante o i pedali dell'acceleratore o del freno non ci sono più. Qui è il futuro a farla da padrone e se l'auto sostanzialmente potrà ancora essere comandata dall'uomo, l'intelligenza artificiale potrà renderla autonoma. Nel primo caso però il guidatore dovrà adattarsi a guidarla attraverso la superficie della console centrale dovrà basterà posizionare una mano per collegarsi all'auto e rendere possibile il riconoscimento biometrico.

Vi sono contenuti olografici per il controllo del veicolo ma anche un display enorme curvo facente parte della plancia ed un tunnel centrale per separare i due posti anteriori. La microfibra la fa da padrona internamente con inserti anche in legno indonesiano di giunco Karuun e sedili con sensori capaci di riconoscere il passeggero e adattarsi dunque alle sue condizioni psicofisiche.

L'auto è chiaramente in grado di camminare e questo grazie a quattro propulsori disposti uno su ciascuna ruota. Insieme forniscono una potenza di 470 CV e sono alimentati da una capacità della batteria di 110 kWh per oltre 700 km di autonomia grazie all'alta densità di energia. Questa è composta in parte in grafene e materiale organico completamente riciclabili. Secondo Mercedes, la sua ricarica può essere effettuata in un periodo di soli 15 minuti.

Mercedes VISION AVTR non è solo un esercizio di stile per l'azienda tedesca. La casa di Stoccarda va a concretizzare quello che è l'obiettivo e l'impegno preso nei confronti del mondo e dell'ambiente. Il legame tra l'ambiente, l'uomo e l'auto deve essere primario anche nella mobilità e la volontà deve essere quella di raggiungere un impatto zero nella realizzazione e nell'uso degli autoveicoli con una prospettiva di realizzare auto riciclabili al 95% almeno. Mercedes sembra avere già il passo e il futuro potrebbe non essere poi così lontano.

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Utonto_n°108 Gennaio 2020, 23:08 #1
"...sono alimentati da una capacità della batteria di 110 kWh per oltre 700 km di autonomia grazie all'alta densità di energia. Questa è composta in parte in grafene e materiale organico completamente riciclabili."

A parte l'errore di sintassi grossolano: dopo il punto la nuova fase non dovrebbe avere il soggetto?
Se le batterie sono da 110 kWh, possono avere tutta la densità alta che si vuole, ma mediamente, tot kW al km consuma l'auto e tot km riesce a fare, altrimenti, potrebbe essere che, riformulando il concetto, a parità di kW degli altri modelli, hanno un minor peso e quindi permettono maggior autonomia. Ma così com'è scritto l'articolo non si capisce niente, poi sarò io che non capisco...
herger09 Gennaio 2020, 07:15 #2

...ma ogni mattina,

Per andare a lavoro servirà mezz’ora di sceneggiata?!?
emanuele8309 Gennaio 2020, 08:31 #3
Originariamente inviato da: Utonto_n°
"...sono alimentati da una capacità della batteria di 110 kWh per oltre 700 km di autonomia grazie all'alta densità di energia. Questa è composta in parte in grafene e materiale organico completamente riciclabili."

A parte l'errore di sintassi grossolano: dopo il punto la nuova fase non dovrebbe avere il soggetto?
Se le batterie sono da 110 kWh, possono avere tutta la densità alta che si vuole, ma mediamente, tot kW al km consuma l'auto e tot km riesce a fare, altrimenti, potrebbe essere che, riformulando il concetto, a parità di kW degli altri modelli, hanno un minor peso e quindi permettono maggior autonomia. Ma così com'è scritto l'articolo non si capisce niente, poi sarò io che non capisco...


Lo sai che Mucciarelli è uno pseudonimo dei Fratelli, anzi Gemelli Grasso di HW upgrade?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^