Michelin vuole reinventare la ruota per l'età moderna: soluzioni airless e stampate in 3D

Michelin vuole reinventare la ruota per l'età moderna: soluzioni airless e stampate in 3D

Presentato come The Visionary Concept, questo insieme di reticolati è basato per la maggior parte sull'adozione di materiali biodegradabili, tra cui gomma naturale, bambù, carta, lattine, legno; oltre all'aspetto ecologico però Michelin vuole puntare anche ad un passo in avanti dal punto di vista tecnologico incorporando sensori RFID per la raccolta live dei dati

di Carlo Pisani pubblicata il , alle 09:21 nel canale Tecnologia
 

Michelin, produttore di pneumatici da oltre 128 anni, con sede a Clermont-Ferrand, in Francia, ha recentemente presentato un concept di pneumatico+ruota interamente stampato in 3D, affermando che potrebbe essere la strada giusta da intraprendere per i prossimi anni, bisogna solo studiare come realizzarlo nel miglior modo possibile e nella maniera più green.

Presentato come The Visionary Concept, questo insieme di reticolati, che possono ricordare la struttura ad esempio di una spugna, è basato per la maggior parte sull'adozione di materiali biodegradabili, tra cui gomma naturale, bambù, carta, lattine, legno, rifiuti elettronici e plastici, fieno, cartone ed altri alimenti organici. Oltre all'aspetto ecologico però Michelin vuole puntare anche ad un passo in avanti dal punto di vista tecnologico: questo insieme di elementi dovrà premettere di  incorporare sensori RFID per la raccolta dati, dando la possibilità al veicolo di prevedere le prestazioni, la durata ed il comfort, seguendo in tutto e per tutto la direzioni delle ultime novità in fatto di Smart Tyre.

"Questa nostro concept è un sogno per una soluzione ideale a lungo termine", ha dichiarato Terry Gettys, direttore esecutivo Michelin per la ricerca e lo sviluppo "Siamo fiduciosi di poter sostituire una combinazione di pneumatici e ruote con una struttura unica, in grado di sostenere il carico di un veicolo, offrire un buon comfort e un rumore contenuto, e siamo molto incoraggiati per farla diventare la soluzione del futuro".

Altro punto preso in considerazione da Michelin, è quello d rivedere il ruolo dei pneumatici in abbinamento a veicoli a guida autonoma: ingegneri e designer stanno già pensando a come modificare gli interni di un veicolo autonomo rispetto ai tradizionali a cui siamo abituati, ad esempio rimuovendo il volante, aggiungendo ripiani oppure posizionando i sedili l'uno di fronte all'altro.

"Quando i veicoli diventeranno più automatizzati, i requisiti necessari per fornire il piacere di guida saranno notevolmente ridimensionati", ha sempre dichiarato Gettys "Infatti i passeggeri quando si affideranno alla guida autonoma, non si preoccuperanno nemmeno della sensazione di movimentazione. E come tale, ci sarà un grande cambiamento nelle aspettative dei clienti verso prestazioni, comfort e rumore percepito".

Oltre alle sensazioni che i futuri pneumatici dovranno offrire, bisognerà garantire anche una maggiore flessibilità di utilizzo, nel video sotto riportato, per la gioia di tutti i gommisti, viene presentato un futuristico sistema di adattamento del battistrada in funzione della condizione di guida: ad esempio per una gita in montagna su possibili fondi innevati, viene mostrato come cambiare tipo di gomme passando attraverso una stazione di stampa Michelin ottenendo pneumatici adattati per tale tipologia di terreno.

Il pneumatico stampato 3D è stato già presentato nei mesi scorsi in varie occasioni, la prima volta alla conferenza Movin 'On di Montreal all'inizio dell'anno, successivamente Michelin ha presentato dei modelli a New York City all'inizio di agosto fornendo una maggiore credibilità.

Detto ciò, la tecnologia Smart Tyre, se pur limitata è già stata resa disponibile ad esempio nel settore degli autotrasporti e su alcune vetture marchiate Porsche, consentendo già oggigiorno il monitoraggio live di temperatura e pressione, quindi tutto sommato pneumatici connessi sono già realtà; la grande sfida più a lungo termine riguarda il processo di stampa dell'intera struttura e soprattutto della scelta dei miglior materiali biodegradabili da adoperare. Questo richiederà ulteriori ricerche, ammette Michelin, la quale però ha già incaricato un certo numero di partner esterni e prevede di essere in grado produrre una gomma come da concept entro il 2023.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
nickname8825 Settembre 2017, 09:33 #1
Una ruota che fa battistrada e sospensione ?
Buona fortuna !
mally25 Settembre 2017, 09:37 #2
effettivamenete che ne sa di ruote e pneumatici questa michelin?
s-y25 Settembre 2017, 09:41 #3
mi par di capire che siano prototipi su futuribili scenari di utilizzo in veicoli a guida completamente autonoma (e suppogo reazioni del telaio completamente prevedibili, con assetti mobili e amenità del genere). 'a voja acqua...
lucusta25 Settembre 2017, 10:12 #4
velocità codice e strade lisce come tavoli da bigliardo, le sospensioni non ti servono...
poi trovi le strade pezzate delle mie zone, e dovresti sostituire gli ammo ogni 2 anni.
nickname8825 Settembre 2017, 10:28 #5
Un pneumatico può aiutare la sospensione ma non rimpiazzarla del tutto. Anche in F1 le spalle alte fungono anch'esse da ammortizzatori ma anche se asfalti lisci e in piano non si può rimpiazzare del tutto, ed anche perchè su strada non offriranno mai la precisione di una sospensione completa.

Stiamo poi parlando della classiche sospensioni tradizionali, non di sospensioni attive intelligenti di ultima generazione, quelle sono tutta un altra storia.
s-y25 Settembre 2017, 10:33 #6
si parla di ipotesi futuribili in scenari immaginifici, un pò presto per fare le pulci
andbad25 Settembre 2017, 10:46 #7
Originariamente inviato da: nickname88
Un pneumatico può aiutare la sospensione ma non rimpiazzarla del tutto. Anche in F1 le spalle alte fungono anch'esse da ammortizzatori ma anche se asfalti lisci e in piano non si può rimpiazzare del tutto, ed anche perchè su strada non offriranno mai la precisione di una sospensione completa.

Stiamo poi parlando della classiche sospensioni tradizionali, non di sospensioni attive intelligenti di ultima generazione, quelle sono tutta un altra storia.


Originariamente inviato da: lucusta
velocità codice e strade lisce come tavoli da bigliardo, le sospensioni non ti servono...
poi trovi le strade pezzate delle mie zone, e dovresti sostituire gli ammo ogni 2 anni.


Non ho capito dove avete letto che il progetto è di eliminare le sospensioni:

Siamo fiduciosi di poter sostituire una combinazione di pneumatici e ruote con una struttura unica


Lo scopo è utilizzare un'unica struttura al posto di cerchio e pneumatico. Di sospensioni ed ammortizzatori non mi pare se ne faccia cenno. La cosa di cui si parla è questa:
E come tale, ci sarà un grande cambiamento nelle aspettative dei clienti verso prestazioni, comfort e rumore percepito


La mia interpretazione è che con le auto autonome la gente se ne fregherà del grip perché non sarà lei a guidare. Quindi l'attenzione sarà piuttosto alla riduzione del rumore da rotolamento (che oltre a quello aerodinamico, è in pratica l'unico rumore delle auto elettriche, associate immagino a quelle autonome).

By(t)e
Spawn758625 Settembre 2017, 10:52 #8
Scusate, ma "sostituire pneumatico+ruota". Dove avete che rimpiazza la sospensione?
s12a25 Settembre 2017, 11:08 #9
Gli pneumatici airless e potenzialmente "stampabili in 3D" esistono da quasi 20 anni (cercare "Michelin Tweel" ma per una serie di motivazioni tecniche non hanno mai avuto seguito fuori dall'ambito dei veicoli da lavoro a bassa velocità.

Link ad immagine (click per visualizzarla)

La PR dell'articolo mi sembra un'accozzaglia di buzzwords vergognosa, comunque.

Infatti i passeggeri quando si affideranno alla guida autonoma, non si preoccuperanno nemmeno della sensazione di movimentazione. E come tale, ci sarà un grande cambiamento nelle aspettative dei clienti verso prestazioni, comfort e rumore percepito

Nel caso degli pneumatici prestazioni sono anche sicurezza attiva, quindi mi sembra un'affermazione a dir poco azzardata.

Comfort e rumore, perché non dovrebbero importare più con la guida autonoma? Semmai aumenteranno di importanza perché magari ci dedicheremo ad altro durante la "guida" e dunque eventuali disturbi daranno ancora più fastidio.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^