Milano: arriva l'obbligo delle colonnine per la ricarica elettrica nei distributori di carburante

Milano: arriva l'obbligo delle colonnine per la ricarica elettrica nei distributori di carburante

Il Consiglio comunale di Milano ha sottoscritto un provvedimento che obbliga l'istallazione di almeno una colonnina per ogni distributore di carburante del capoluogo lombardo entro il 2023

di pubblicata il , alle 17:51 nel canale Soluzioni di ricarica
 
26 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Pino9024 Novembre 2020, 20:09 #21
Originariamente inviato da: batou83
Non solo Milano, ultimamente si stanno vedendo delle forzature veramente forti sia a livello di minchiate eco che a livello di pagamenti elettronici etc.., proprio nel periodo di crisi economica-sanitaria in cui NESSUNO sente il bisogno di questa roba che ci stanno propinando...



A me non sembrano né forzature né min***ate. Per me i pagamenti elettronici sono il requisito minimo per fare acquisti in un negozio, il contante non lo uso e non lo voglio usare. Se poi il commerciante ha problemi a fare un investimento di 15€ per un POS NeXi che è sostanzialmente senza commissioni per la maggior parte delle spese credo che il problema non siano i pagamenti elettronici.

Detto questo di nuovo non capisco il problema sulle stazioni di servizio, affitteranno i parcheggi che normalmente già esistono a compagnie che forniscono colonnine di ricarica. E' una mossa intelligente, in questo modo si attirano clienti alla stazione di servizio e si aiuta la diffusione dei mezzi elettrici che in città vanno benissimo.

La realtà è che agli italiani non va mai bene nulla!!!
\_Davide_/24 Novembre 2020, 22:20 #22
Sui pagamenti assolutamente: ormai le tecnologie NFC sugli smartphone sono collaudate, non vedo perché non devo poter pagare il caffè con il telefono, andando in giro pieno di monetine come fossi una maracas
blobb24 Novembre 2020, 22:54 #23
Originariamente inviato da: Pino90
A me non sembrano né forzature né min***ate. Per me i pagamenti elettronici sono il requisito minimo per fare acquisti in un negozio, il contante non lo uso e non lo voglio usare. Se poi il commerciante ha problemi a fare un investimento di 15€ per un POS NeXi che è sostanzialmente senza commissioni per la maggior parte delle spese credo che il problema non siano i pagamenti elettronici.

Detto questo di nuovo non capisco il problema sulle stazioni di servizio, affitteranno i parcheggi che normalmente già esistono a compagnie che forniscono colonnine di ricarica. E' una mossa intelligente, in questo modo si attirano clienti alla stazione di servizio e si aiuta la diffusione dei mezzi elettrici che in città vanno benissimo.

La realtà è che agli italiani non va mai bene nulla!!!

va benissimo se vuoi pagare con la moneta elettronica, ma non vedo il motivo del perchè lo stato ti deve dare un incentivo per usarla
per quanto riguarda le stazioni mi pare assurdo che il comune ti obblighi a vendere un prodotto, deciderà l'esercente cosa vendere, o sbaglio
blobb25 Novembre 2020, 07:57 #24
Originariamente inviato da: marcoplacido
l' "esercente" non ha nessuna autorità nel decidere cosa vendere , ora si chiamano "presidianti" ......ci sarà un motivo. leggo un po' troppa leggerezza, non sono poi cosi tanti i distributori (a Milano) che hanno tutto sto spazio, poi non è che ci si collega al traliccio dell'Enel e bon , oltretutto non so quanti di voi sappiano che i tubi per le ricariche di un certo livello sono raffreddati a liquido, cosi, tanto per specificare eh . la fate un po' troppo facile , mi pare.


perchè il "presidiante" non ha nessuna autorità nel decidere cosa vendere???
comunque è un discorso in generale, a meno di concessioni particolari tipo tabaccherie o farmacie, hai mai visto un alimentari essere obbligato a vendere un prodotto ???
Pino9025 Novembre 2020, 09:23 #25
Originariamente inviato da: marcoplacido
non stiamo parlando di generi alimentari, stiamo parlando di distributori di benzina e no, non puoi decidere cosa vendere a meno che il distributore sia tuo


"Tuo" nel senso non solo proprietá della pompa ma anche il brand, ossia non sei affiliato con un grande produttore (che in tal caso decide prezzi e prodotti).
Mparlav25 Novembre 2020, 12:06 #26
Originariamente inviato da: blobb
va benissimo se vuoi pagare con la moneta elettronica, ma non vedo il motivo del perchè lo stato ti deve dare un incentivo per usarla
per quanto riguarda le stazioni mi pare assurdo che il comune ti obblighi a vendere un prodotto, deciderà l'esercente cosa vendere, o sbaglio


Un distributore di carburanti è obbligato a vendere carburanti.
Non è che mette il bar/gommista/meccanico per aumentare gli incassi e non vende più carburanti.

Quindi minimo benzina e diesel, e se hanno spazio ed infrastrutture esistenti adeguate, anche gpl e metano.
La corrente elettrica è un carburante, niente di cui stupirsi.

Le attività di distribuzione sono basate su concessioni rinnovabili.
In linea generale il Comune può decidere un obbligo per certe concessioni ed è già stato fatto nel 2018 su scala nazionale, per i nuovi edifici e per le attività commerciali.

E può anche non rinnovare le concessioni, tant'è che molti distributori di carburanti sono stati chiusi, soprattutto nelle aree più centrali.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^