MiMoto: lo scooter sharing milanese si fa elettrico

MiMoto: lo scooter sharing milanese si fa elettrico

Parte sabato 14 ottobre l'avventura di MiMoto, servizio di scooter sharing 100% elettrico basato sul concetto free floating, senza stazioni di ricarica e con la possibilità di lasciare il mezzo dove si vuole (all'interno dell'area di utilizzo e in regola con il codice della strada)

di Roberto Colombo pubblicata il , alle 16:01 nel canale Tecnologia
 

Free flow o free floating - flusso libero - è questa la parola più in voga nei servizi di sharing sulla cresta dell'onda. Il concetto è quello, in atto da tempo per le auto, ma ora esteso sempre più ad altri servizi di condivisione di mezzi, di non avere punti fissi di ritiro e riconsegna, ma di trovare i mezzi sparsi in giro per la città, terminando il noleggio (circa) dove si vuole.

Parlando della città di Milano Mobike e Ofo stanno - con qualche problema a dire il vero - sperimentando questo tipo di approccio sul bike sharing, facendo una concorrenza abbastanza feroce al servizio prima più in voga, quello fornito da ATM (gestore delle metropolitane e dei mezzi pubblici milanesi).

Dal 14 ottobre si aggiunge a Milano un nuovo servizio di mobilità condivisa in salsa free flow, MiMoto. Dopo l'ormai chiuso esperimento di Enjoy con i grossi scooter torna un servizio di sharing di mezzi a motore a due ruote, con però una fondamentale differenza: qui siamo di fronte a piccoli e leggeri scooter elettrici.

I cardini su cui il progetto dei tre giovani imprenditori italiani si basa sono semplici: mobilità sostenibile, a prezzi accessibili anche per giovani e studenti, flusso libero e mezzi leggeri e facili da guidare adatti anche al pubblico femminile. Non ci sono stazioni di ricarica dove riconsegnare il mezzo, che deve essere parcheggiato laddove il codice della strada lo permette: i mezzi hanno batteria estraibile e un servizio di distribuzione delle batterie cariche provvederà a non lasciare i mezzi a secco. In linea con la filosofia sostenibile del progetto, anche il furgone che opera la distribuzione delle batterie è un mezzo a propulsione elettrica.

Per ora l'area coperta dal servizio MiMoto è quella all'interno della cerchia della 90/91, ma l'azienda sta lavorando per espanderla, portandola ad esempio fino all'università Bicocca. All'interno della cerchia è possibile circolare e parcheggiare il mezzo: con esso si può uscire dall'area, ma per finire il noleggio è necessario rientrare all'interno di essa. Per accedere al servizio è necessario essere in possesso di patentino o patente e bisogna essere maggiorenni. La registrazione avviene tramite app ed è gratuita, con un costo di attivazione di 9,90€ (che comprende un'ora di servizio) per limitare l'attivazione a chi effettivamente è intenzionato a usare poi il servizio.

Lo scooter elettrico è equiparato per potenza a un cinquantino ed è omologato per portare anche un passeggero. Nel bauletto posteriore sono ospitati due caschi, con cuffiette igieniche monouso. Il servizio costa di listino 23 centesimi al minuto, con prezzi forfait di 6,90€ l'ora (tariffa che scatta automaticamente al superamento della cifra, che avviene dopo mezz'ora) e di 29,90€ al giorno. MiMoto sta lavorando per attivare convenzioni con le aziende presenti sul territorio e proporrà prezzi scontati per gli studenti.

Sono diversi i partner del progetto, tutti italiani: la vicentina Askoll costruisce gli e-scooter, PLT Puregreen fornisce l'energia 100% da fonti rinnovabili, mentre la torinese Nobis è il partner assicurativo. Inizialmente la flotta sarà composta da 100 mezzi, ma se la domanda sarà quella sperata entro 12 mesi si dovrebbe arrivare a 500.

[HWUVIDEO="2426"]MiMoto: lo scooter sharing milanese si fa elettrico[/HWUVIDEO]

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
dominator8413 Ottobre 2017, 16:12 #1
ottimo, c'e' il porta macete?
sara' + comodo spostarsi per la mala sud-americana
ripe13 Ottobre 2017, 16:20 #2
Originariamente inviato da: dominator84
ottimo, c'e' il porta macete?
sara' + comodo spostarsi per la mala sud-americana


Dovrebbe essere una battuta?
dominator8413 Ottobre 2017, 16:54 #3
assolutamente no
prima risolverei quel problema, visto che girano armati industurbati come degli intoccabili
se esco con il coltellino svizzero io, mi fermano, mi portano in centrale la mattina e probabilmente esco la sera... diamogli pure dei mezzi facili facili e siamo a posto
giovanbattista13 Ottobre 2017, 18:48 #4
dovevo andarci a lavorare alla askoll lo scorso anno quando risiedevo in zona vi, non sono male
metrino13 Ottobre 2017, 18:49 #5
E perché non il coprifuoco allora? così non girano di notte che è più difficile vederli ... @dominator84 mi sa che hai un po' esagerato. Tra l'altro hai spostato l'attenzione dal tema mobilità al tema sicurezza , andando quindi OT.

Nel merito direi interessante ma la cerchia della 90-91 è troppo piccola perché la soluzione possa essere valida. La cerchia delle tangenziali sarebbe più opportuna.
LORENZ014 Ottobre 2017, 12:21 #6

...beh, almeno questi sono italiani!

Speriamo che il servizio non venga rovinato dai soliti incivili, maleducati, vandalizzatori a prescindere...
Sia il Comune che i gestori dovrebbero, però. agire di più (e con fermezza) nel contrastare i divieti di sosta che sono veramente all'ordine del giorno e fanno venire molto il nervoso! Auto e bici lasciate ovunque, che spesso intralciano...ma se provi a parlare con gli incivili che se ne fregano e parcheggiano male, ti rispondono "eh ma tanto tra 5 minuti qualcun altro la prende e la sposta così lei è contento"...

Auguri comunque per la nuova attività!
SofC14 Ottobre 2017, 18:34 #7
Originariamente inviato da: LORENZ0
Speriamo che il servizio non venga rovinato dai soliti incivili, maleducati, vandalizzatori a prescindere...
Sia il Comune che i gestori dovrebbero, però. agire di più (e con fermezza) nel contrastare i divieti di sosta che sono veramente all'ordine del giorno e fanno venire molto il nervoso! Auto e bici lasciate ovunque, che spesso intralciano...ma se provi a parlare con gli incivili che se ne fregano e parcheggiano male, ti rispondono "eh ma tanto tra 5 minuti qualcun altro la prende e la sposta così lei è contento"...

Auguri comunque per la nuova attività!


mi vuole dire che in una città letteralmente tappezzata di auto in ogni spazio disponibile... strade (prima e seconda fila), piazze, rotatorie, marciapiedi... il problema sono le biciclette?
tallines15 Ottobre 2017, 11:54 #8
Interessante come inziativa, i like

Da fare anche in altre città .
LORENZ015 Ottobre 2017, 12:24 #9
Originariamente inviato da: SofC
mi vuole dire che in una città letteralmente tappezzata di auto in ogni spazio disponibile... strade (prima e seconda fila), piazze, rotatorie, marciapiedi... il problema sono le biciclette?


il problema sono ANCHE le biciclette! Il problema potrebbero anche essere i monopattini se domani qualcuno decidesse di immetterne diecimila in città e la gente si parcheggiasse ovunque senza un se e senza un ma (ma, soprattutto, senza rispettare le regole in quanto, anche per le bici, ci sono regole chiare e spazi appositi dove lasciarle, non so se ci ha mai fatto caso...se vuole le agevolo qualche foto!).
Ma che ragionamento è?! Ci sono già molti incivili, cosa cambia che ne arrivino altre migliaia in bici! Al posto di cercare di migliorare le città, fottiamocene allegramente delle regole: tanto pochi (scemi) le rispettano ma la maggioranza no! Ecco che arrivano i soliti scassa-palle con le loro regole: tanto sia la bici che l'auto in car-sharing, massimo 30 minuti ed arriva qualcun altro che la sposta...vero?! Ormai dicono tutti così! Ma anche fosse vero, allora, dico io, visto l'andazzo, anche se la spostano 5 minuti dopo, le probabilità che chi la prende la riparcheggi male, sono moooooooooooooooolto alte...
genesi8615 Ottobre 2017, 14:28 #10
pazzesco, a milano ci sono 4, ma giusto 4 ciclisti, che non occupano spazio con la propria auto e non creano disastri come molti milanesi fanno scegliendo ogni giorno di usare l'automobile (di proprietà o condivisa) e c'è gente che si lamenta pure, quando dovrebbero solo ringraziarli perchè milano è una distesa di automobili, un orrore che in Europa è battuta solo da Roma. Tutte città orrende a causa della motorizzazione, eppure si "menzionano" le biciclette come possibile problema. Non so voi, ma da quando vivo nel nord Europa, preferisco mille volte una bici parcheggiata male ad un'auto che, anche se parcheggiata bene, mi sottrae spazio sempre e comunque, pericolosa appena la si accende anche se condotta dal più prudente degli automobilisti. In 4 anni lontano dall'italia, vedo che la cultura ancora non accenna a cambiare

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^