Monopattini elettrici, 20 lesioni più o meno gravi su 100 mila corse: i dettagli dello studio

Monopattini elettrici, 20 lesioni più o meno gravi su 100 mila corse: i dettagli dello studio

Secondo uno studio gli incidenti sui monopattini elettrici possono diventare un problema senza le giuste normative. Ogni 100 mila viaggi con il piccolo mezzo di trasporto urbano, infatti, ci sono 20 lesioni più o meno gravi

di pubblicata il , alle 16:41 nel canale Tecnologia
 

I monopattini elettrici sono una realtà in diverse parti del mondo, e anche in Italia stiamo avendo le prime apparizioni. Ma, secondo uno studio condotto dal Public Health and Transportation di Austin, in Texas, i nuovi mezzi di trasporto elettrici sono arrivati con qualche problematica. L'indagine è stata effettuata insieme al Centers for Disease Control and Prevention (CDC), che ha identificato un totale di 271 persone con infortuni legati all'uso dei monopattini nel periodo fra il 5 Settembre e il 30 Novembre 2018.

I numeri: nel periodo preso in esame sono state analizzate 182.333 ore di viaggi in monopattino per un totale di 1,43 milioni di chilometri percorsi all'interno di 936 mila viaggi. Nell'indagine il team di ricercatori ha calcolato una media di 20 infortuni ogni 100 mila viaggi nel periodo di tre mesi. La metà circa ha riportato infortuni alla testa, mentre il 15% traumi cranici: infortuni, insomma, che potevano essere evitati con l'uso di un casco, ma solo uno su 190 conducenti lo indossava durante gli incidenti presi in esame.

"Questi infortuni potevano essere evitati", si legge nei commenti della ricerca. "Diversi studi hanno dimostrato che i ciclisti riducono il rischio di traumi cranici indossando un caschetto". E la stessa cosa vale anche per i monopattini elettrici. L'uso del nuovo piccolo mezzo di trasporto è esploso soprattutto in alcune città del mondo al punto che società come Uber e Lyft stanno considerando l'idea di entrare nel mercato dello sharing dei monopattini. Nel 2018, e solo in America, inoltre, sono state effettuate 38,5 milioni di corse con i monopattini in sharing.

Così come in Italia, anche in altre parti del mondo i monopattini elettrici sono soggetti a limitazioni e restrizioni e spesso si è abusato di buchi nella normativa per utilizzarli in città. L'Italia ha lanciato un periodo di prova consentendo ad alcune compagnie di circolare in città come Milano (dove c'è ad esempio Helbiz), proprio al fine di capire come realizzare delle regole specifiche sulla base delle moderne esigenze del trasporto urbano, senza limitare i cittadini e al tempo stesso senza esporli a rischi.

Lo studio condotto ad Austin è il primo ad essere stato supervisionato da epidemiologi federali, e indica che circa la metà degli infortuni analizzati può essere considerato "grave": fra questi fratture ossee (84%), lesioni a nervi, tendini o legamenti (45%) e, in pochi casi (1%), anche danni prolungati a organi. Non ci sono stati, comunque, morti durante il periodo preso in esame, ma in generale negli USA ci sono già stati casi di decessi durante la guida dei monopattini elettrici. Il 33% degli incidenti, inoltre, è avvenuto sui marciapiedi.

Solo il 10% degli incidenti considerati durante lo studio è avvenuto con un'automobile, mentre il 37% è avvenuto per via di velocità troppo sostenute. Di norma si pensa che gli incidenti con mezzi di questo tipo avvengano soprattutto durante le ore notturne, ma in realtà lo studio ha dimostrato che solo il 39% degli infortuni è avvenuto fra le 18 e le 6. Un terzo degli intervistati ha risposto che il proprio incidente è avvenuto durante la prima corsa.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

42 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Zurlo03 Maggio 2019, 17:47 #1
Vorrei una comparativa per lo stesso periodo, per tutti i viaggi in bicicletta ... che secondo me e' piu' o meno "pericolosa" allo stesso modo.

Sembra chiaro che abbiamo bisogno di piu' piste ciclabili e/o percorsi preferenziali per la mobilita' leggera.
AlPaBo03 Maggio 2019, 17:58 #2
Originariamente inviato da: Zurlo
Vorrei una comparativa per lo stesso periodo, per tutti i viaggi in bicicletta ... che secondo me e' piu' o meno "pericolosa" allo stesso modo.

Sembra chiaro che abbiamo bisogno di piu' piste ciclabili e/o percorsi preferenziali per la mobilita' leggera.


Abbiamo anche bisogno che i ciclisti si fermino quando il semaforo è rosso e non vadano per marciapiedi pedonali a venti chilometri all'ora suonando il campanello. E, posso assicurarti, _anche_ dove ci sono le piste ciclabili.
Mandalore03 Maggio 2019, 18:28 #3
Originariamente inviato da: AlPaBo
Abbiamo anche bisogno che i ciclisti si fermino quando il semaforo è rosso e non vadano per marciapiedi pedonali a venti chilometri all'ora suonando il campanello. E, posso assicurarti, _anche_ dove ci sono le piste ciclabili.


Appunto, in città i ciclisti fanno quel capzo che gli pare e stanno ovunque tranne che sulla pista ciclabile.
Ho perso il conto di quelli che tagliano rotonde e altro e non rispettano il semaforo.
Gli manca proprio l'istinto di sopravvivenza di base a certe persone
supertigrotto03 Maggio 2019, 19:27 #4

Concordo con gli utenti sopra

Sono un ciclista,ho la bici da corsa,odio i ciclisti indisciplinati,quelli che passano col rosso etc.
Una volta mi sono arrabbiato e ho inseguito uno che era passato con in rosso, finché ero fermo in bici che aspettavo il verde, mi sono affiancato e sapete cosa ha fatto? Mi ha riso in faccia.
Proporrei una legge per mettere le targhe sulle bici e tante telecamere con ia in giro per le strade (anche per punire il resto dei guidatori folli di auto etc) ,se passi con il rosso o usi le strisce pedonali e marciapiedi come ti pare,ritiro della patente,multa ,sequestro del mezzo senza possibilità di riscatto e inibizione per 1 anno all'uso di una bici su strada.
Voglio vedere se passano ancora con il rosso quando ti portano via una bici da 4000 euro o più .
Mi sa che sono uno dei pochi che segnala con il braccio la svolta,guardo dietro per non dare fastidio alle macchine,viaggio sulla linea bianca laterale per non impedire e rallentare il traffico stradale.
thresher325303 Maggio 2019, 19:28 #5
Originariamente inviato da: AlPaBo
Abbiamo anche bisogno che i ciclisti si fermino quando il semaforo è rosso e non vadano per marciapiedi pedonali a venti chilometri all'ora suonando il campanello. E, posso assicurarti, _anche_ dove ci sono le piste ciclabili.


Originariamente inviato da: Mandalore
Appunto, in città i ciclisti fanno quel capzo che gli pare e stanno ovunque tranne che sulla pista ciclabile.
Ho perso il conto di quelli che tagliano rotonde e altro e non rispettano il semaforo.
Gli manca proprio l'istinto di sopravvivenza di base a certe persone


Non vi preoccupate che adesso con la nuova riforma del CdS... ah no.
Flortex03 Maggio 2019, 20:00 #6
Targa, casco, assicurazione e bollo per bici e monopattini.
YellowT03 Maggio 2019, 22:32 #7
Quanta acredine verso i ciclisti. Sarà perché ci mettono meno in media nei tragitti cittadini? Sarà perché sono più in forma? Sarà perché non perdono le mezzore a cercare parcheggio? Non sarà che siete invidiosi perché qualcuno è riuscito a cambiare in meglio le sue abitudini e voi no?
Flortex03 Maggio 2019, 22:43 #8
Originariamente inviato da: YellowT
Quanta acredine verso i ciclisti. Sarà perché ci mettono meno in media nei tragitti cittadini? Sarà perché sono più in forma? Sarà perché non perdono le mezzore a cercare parcheggio? Non sarà che siete invidiosi perché qualcuno è riuscito a cambiare in meglio le sue abitudini e voi no?


No, è solo perchè pretendono trattamenti irragionevolmente di favore, manifestando una inesistente superiorità morale, che in effetti dimostri anche tu.
YellowT03 Maggio 2019, 23:04 #9
Originariamente inviato da: Flortex
No, è solo perchè pretendono trattamenti irragionevolmente di favore, manifestando una inesistente superiorità morale, che in effetti dimostri anche tu.


Irragionevolmente lo dici tu perché non tieni a mente tutti i fattori. Chi va in bici (come chi va a piedi) fa del bene a tutti, anche a te.
Anche se vecchiotto è ancora attuale. http://ec.europa.eu/environment/arc.../cycling_it.pdf
kamon03 Maggio 2019, 23:06 #10
Originariamente inviato da: Zurlo
Vorrei una comparativa per lo stesso periodo, per tutti i viaggi in bicicletta ... che secondo me e' piu' o meno "pericolosa" allo stesso modo.

Sembra chiaro che abbiamo bisogno di piu' piste ciclabili e/o percorsi preferenziali per la mobilita' leggera.


Non so... non ne ho mai adoperato uno ma mi sembra che non sia la stessa cosa, con la bici sei assicurato mani piedi e sedere, sul monopattino elettrico sei semplicemente in piedi su un coso piuttosto veloce senza quasi controllo quando rallenti, in una posizione tremendamente "sbilanciabile" in frenata... Magari mi sbaglio ma mi pare assai poco distribuito il peso per essere paragonabile ad una bicicletta.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^