Monopattini elettrici come biciclette: con l'anno nuovo riconosciuto il loro utilizzo dal Codice della Strada

Monopattini elettrici come biciclette: con l'anno nuovo riconosciuto il loro utilizzo dal Codice della Strada

Un passo importante, definito con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Legge 27 dicembre 2019 n. 160, che finalmente fa chiarezza su come utilizzare questo tipo di mezzo a due ruote sulle nostre strade, precisando che tale approvazione riguarda esclusivamente i monopattini elettrici

di pubblicata il , alle 09:01 nel canale Tecnologia
 
77 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
canislupus03 Gennaio 2020, 09:46 #21
Originariamente inviato da: Cfranco
Ma questo è un tuo problema, le strade non sono fatte solo per le auto, fattene una ragione o trova qualcuno che riesca ad aiutarti a superare le tue fissazioni.


Ehm ni...
Le strade sono fatte IN PRIMIS per i veicoli a motore, poi in mancanza di piste ciclabili vengono utilizzate anche da altri mezzi come bici o monopattini, ma non è che nascono con lo scopo di farci andare qualsiasi mezzo.


Per il resto sono spiacente di informarti che le "vagonate" di tasse che pagano le macchine sono comunque meno dei danni che arrecano, che ci sono più SUV non assicurati che scorrazzano per la penisola rispetto ai monopattini e che se le due ragazze di Roma fossero state investite da un monopattino invece che da un SUV probabilmente oggi sarebbero ancora qua.


Non è mia intenzione giustificare il SUV (che andava oltre i limiti e il cui conducente era anche ubriaco), ma risulta ancora un po' fumosa la questione sul passaggio con il rosso pedonale, le condizioni di visibilità e imprudenza.
Sia ben chiaro le vittime sono le due ragazze perchè il fenomeno non era totalmente in condizioni di guidare, ma come ho detto più volte le regole esistono per tutti gli attori che circolano in strada, non solo auto o camion.
canislupus03 Gennaio 2020, 09:52 #22
Originariamente inviato da: Mparlav
Siamo alle comiche. Il suv paga le tasse, è assicurato e può fare ciò che gli pare
E lo fanno, nel più classico dei "pago, pretendo".

Naturalmente è solo colpa dei ciclisti se l'Italia uno dei Paesi più pericolosi per circolare con la bici. Così come dei pedoni distratti. Così come in futuro dei monopattini.

Roba da matti.


Ovvio che non sia solo colpa dei ciclisti o dei pedoni (monopattenisti???), ma spesso vedo un senso di impunità laddove non voglia essere stupidità o scarso senso del pericolo da parte di certi personaggi.
Quando svesto i panni del guidatore e cammino per strada, pongo sempre il massimo dell'attenzione a quello che mi circonda, anche se sono nel pieno del rispetto delle regole.
Questo perchè se mi investono, pur avendo la ragione dalla mia, i problemi fisici li subisco io (sempre che possa raccontarli) e non certo chi ha provocato l'incidente.
Quindi per mia tutela preferisco non sentirmi un superuomo e non pensare che il mio comportamento sia sempre giustificabile.
Cfranco03 Gennaio 2020, 10:13 #23
Originariamente inviato da: canislupus
Ehm ni...
Le strade sono fatte IN PRIMIS per i veicoli a motore, poi in mancanza di piste ciclabili vengono utilizzate anche da altri mezzi come bici o monopattini, ma non è che nascono con lo scopo di farci andare qualsiasi mezzo.

Mmmm
Mi risulta che i veicoli a motore esistano da 150 anni, mentre le strade siano un zinzinino più vecchie ...
E mi risulta che per il codice stradale ancora oggi le strade siano percorribili da mezzi a motore, mezzi ippotrainati, cavalli, carretti, mezzi agricoli, bici, pedoni e pure dalle greggi in transumanza.
Per principio le strade nascono per farci passare qualsiasi cosa, che oggi come oggi siano quasi esclusivamente mezzi a motore è un altro discorso, le strade limitate al solo transito dei mezzi a motore sono le autostrade e similari.

Originariamente inviato da: canislupus
Non è mia intenzione giustificare il SUV (che andava oltre i limiti e il cui conducente era anche ubriaco), ma risulta ancora un po' fumosa la questione sul passaggio con il rosso pedonale, le condizioni di visibilità e imprudenza.
Sia ben chiaro le vittime sono le due ragazze perchè il fenomeno non era totalmente in condizioni di guidare, ma come ho detto più volte le regole esistono per tutti gli attori che circolano in strada, non solo auto o camion.

Sia ben chiaro
Non so di chi sia la colpa e non volevo parlare del caso specifico
Ma ritengo che chiunque sia sano di mente non possa mettere sullo stesso piano la pericolosità di un' auto con quella di un monopattino.
Parlare di assicurazioni o di rischi di danni fatti da una bicicletta o da un monopattino quando a oggi ci sono centinaia di persone uccise o gravemente ferite da autovetture che fuggono dopo l' incidente o che circolano non assicurate è una follia.
E anche se fossero assicurate ti dirò che da morto te ne frega il giusto

Originariamente inviato da: canislupus
Ovvio che non sia solo colpa dei ciclisti o dei pedoni (monopattenisti???), ma spesso vedo un senso di impunità laddove non voglia essere stupidità o scarso senso del pericolo da parte di certi personaggi.

Ti svelo un segreto : quando salgono in macchina si comportano allo stesso modo
Gli imbecilli sono imbecilli e si comportano da imbecilli con qualsiasi mezzo

E sinceramente preferisco che gli imbecilli girino in monopattino piuttosto che in macchina
VanCleef03 Gennaio 2020, 10:25 #24
Originariamente inviato da: Cfranco
Mmmm
Mi risulta che i veicoli a motore esistano da 150 anni, mentre le strade siano un zinzinino più vecchie ...
E mi risulta che per il codice stradale ancora oggi le strade siano percorribili da mezzi a motore, mezzi ippotrainati, cavalli, carretti, mezzi agricoli, bici, pedoni e pure dalle greggi in transumanza.
Per principio le strade nascono per farci passare qualsiasi cosa, che oggi come oggi siano quasi esclusivamente mezzi a motore è un altro discorso, le strade limitate al solo transito dei mezzi a motore sono le autostrade e similari.


vogliamo parlare dei veicoli a braccia?
canislupus03 Gennaio 2020, 10:30 #25
Originariamente inviato da: Cfranco
Mmmm
Mi risulta che i veicoli a motore esistano da 150 anni, mentre le strade siano un zinzinino più vecchie ...
E mi risulta che per il codice stradale ancora oggi le strade siano percorribili da mezzi a motore, mezzi ippotrainati, cavalli, carretti, mezzi agricoli, bici, pedoni e pure dalle greggi in transumanza.
Per principio le strade nascono per farci passare qualsiasi cosa, che oggi come oggi siano quasi esclusivamente mezzi a motore è un altro discorso, le strade limitate al solo transito dei mezzi a motore sono le autostrade e similari.


Le strade in senso lato esistono da almeno un migliaio di anni, ma le strade asfaltate (così forse è più chiaro il concetto) sono nate PER le auto.
Poi che ne sia previsto l'utilizzo anche da tutti quei mezzi che hai detto sono d'accordo, ma ciò non toglie che la loro creazione non era in origine per bici, pedoni o monopattini (altrimenti perchè creare anche delle strade solo pedonali o ciclabili?)


Sia ben chiaro
Non so di chi sia la colpa e non volevo parlare del caso specifico
Ma ritengo che chiunque sia sano di mente non possa mettere sullo stesso piano la pericolosità di un' auto con quella di un monopattino.
Parlare di assicurazioni o di rischi di danni fatti da una bicicletta o da un monopattino quando a oggi ci sono centinaia di persone uccise o gravemente ferite da autovetture che fuggono dopo l' incidente o che circolano non assicurate è una follia.
E anche se fossero assicurate ti dirò che da morto te ne frega il giusto


Chi ha mai sostenuto il contrario.
Un camion sarà più pericoloso di un'auto così come un tir sarà più pericoloso di un camion.
Non è questo il principio.
Dal momento che tu circoli su una strada dove vi sono altre tipologie di mezzi di locomozione, trovo corretto e giusto che tu sia assicurato per la tua e l'altrui incolumità.
Non comprendo perchè se io vado addosso con un'auto/moto/camion/tir contro un pedone devo essere assicurato, ma se si schianta uno con il monopattino/bicicletta debba finire tutto a tarallucci e vino (ovvio che il danno sarà minore, ma se rompo una gamba a quel povero pedone???)

Ti svelo un segreto : quando salgono in macchina si comportano allo stesso modo
Gli imbecilli sono imbecilli e si comportano da imbecilli con qualsiasi mezzo

E sinceramente preferisco che gli imbecilli girino in monopattino piuttosto che in macchina


Su questo non ho nulla da eccepire, ma era per dire che i pedoni/ciclisti non sono dei santi e spesso anche loro se ne fregano bellamente di leggi e buon senso.
Mparlav03 Gennaio 2020, 11:50 #26
Originariamente inviato da: canislupus
Ovvio che non sia solo colpa dei ciclisti o dei pedoni (monopattenisti???), ma spesso vedo un senso di impunità laddove non voglia essere stupidità o scarso senso del pericolo da parte di certi personaggi.
Quando svesto i panni del guidatore e cammino per strada, pongo sempre il massimo dell'attenzione a quello che mi circonda, anche se sono nel pieno del rispetto delle regole.
Questo perchè se mi investono, pur avendo la ragione dalla mia, i problemi fisici li subisco io (sempre che possa raccontarli) e non certo chi ha provocato l'incidente.
Quindi per mia tutela preferisco non sentirmi un superuomo e non pensare che il mio comportamento sia sempre giustificabile.


Il problema fondamentale è che in Italia si pretende il rispetto delle regole da parte degli altri solo per essere liberi di fare ciò che pare e piace.

I primi che sbraitano contro il prossimo sono anche i più menefreghisti.
canislupus03 Gennaio 2020, 12:10 #27
Originariamente inviato da: Mparlav
Il problema fondamentale è che in Italia si pretende il rispetto delle regole da parte degli altri solo per essere liberi di fare ciò che pare e piace.

I primi che sbraitano contro il prossimo sono anche i più menefreghisti.


Io lo pretendo perchè le rispetto sempre a dispetto del ruolo che di volta in volta ricopro.
Per questo mi infastidisce leggere commenti in cui solo il guidatore di auto risulta essere il cattivo di turno.
Certo un ciclista può causare un danno fisico minore rispetto ad un automobilista (e qui ci sta bene capitan ovvio), ma di certo non lo esime dal seguire le regole o perdere totalmente il buon senso.
Mparlav03 Gennaio 2020, 12:15 #28
Originariamente inviato da: canislupus
Io lo pretendo perchè le rispetto sempre a dispetto del ruolo che di volta in volta ricopro.
Per questo mi infastidisce leggere commenti in cui solo il guidatore di auto risulta essere il cattivo di turno.
Certo un ciclista può causare un danno fisico minore rispetto ad un automobilista (e qui ci sta bene capitan ovvio), ma di certo non lo esime dal seguire le regole o perdere totalmente il buon senso.


Strano, perchè qui al contrario, leggo commenti in cui sono bici e monopattini quelli irrispettosi delle regole e gli automobilisti delle povere vittime.
Cfranco03 Gennaio 2020, 12:17 #29
Originariamente inviato da: canislupus
Per questo mi infastidisce leggere commenti in cui solo il guidatore di auto risulta essere il cattivo di turno.

E dove li vedi ?
Qua a ogni thread ci sono sempre quelli che vengono a dire che la colpa è sempre e solo dei ciclisti/pedoni/monopattinisti che rigano le portiere dei SUV coi loro denti
gd350turbo03 Gennaio 2020, 12:23 #30
Originariamente inviato da: Mparlav
Strano, perchè qui al contrario, leggo commenti in cui sono bici e monopattini quelli irrispettosi delle regole e gli automobilisti delle povere vittime.


Lo sono perché se con l'auto sfiori un ciclista che gira di notte contromano e a luci spente, magari pure zigzagando, sei rovinato...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^