Musk: Tesla rimarrà senza soldi entro 10 mesi. Nuovi tagli nel personale in arrivo?

Musk: Tesla rimarrà senza soldi entro 10 mesi. Nuovi tagli nel personale in arrivo?

Sembra che la strategia commerciale e finanziaria non sia sostenibile, con Musk che ha appena dichiarato che insieme al nuovo CFO dovrà rivedere le spese sul personale

di pubblicata il , alle 08:21 nel canale Tecnologia
Tesla
 

Elon Musk ha dichiarato agli impiegati Tesla che la compagnia rimarrà senza soldi in circa 10 mesi a meno che non vengano applicati degli sforzi pesanti nella riduzione dei costi dell'azienda. L'e-mail è stata pubblicata da Electrek e nel suo testo si legge che il CEO di Tesla lavorerà direttamente sulla revisione di "tutte le spese" insieme al nuovo CFO Zach Kirkhorn, che ha appena sostituito Deepak Ahuja.

Per tutte le spese Musk intende i costi dell'azienda di "qualsiasi tipo", ovvero relative a "componenti, salari, spese di viaggio, affitti", letteralmente "qualsiasi pagamento che parte dal nostro conto bancario". Tesla ha finito il primo trimestre del 2019 con 2,2 miliardi di dollari di liquidità di cassa, con una perdita di 702 milioni di dollari. Ad Aprile Musk aveva dichiarato che l'azienda doveva entrare in una fase di "dieta spartana" e a inizio maggio ha concluso un'offerta di azioni e obbligazioni con ricavi di 2,7 miliardi di dollari.

Tesla Model 3

Musk li ha definiti nella nuova lettera "un sacco di soldi", ma saranno in grado di mantenere la baracca "per circa 10 mesi". Il CEO dell'azienda ha dichiarato che le manovre che ha in mente per il prossimo futuro saranno pesanti, ma necessarie perché Tesla diventi sostenibile dal punto di vista finanziario. Non è la prima volta che Musk promette di scendere in campo direttamente per rivedere il funzionamento dell'azienda, e poco più di un anno fa aveva promesso di tagliare "qualsiasi spesa non avesse una forte giustificazione".

La compagnia è poi passata attraverso una consistente manovra riorganizzativa, soprattutto nel rapporto con i fornitori di terze parti, e ha dichiarato a giugno il licenziamento del 9% della forza lavoro. All'epoca Musk aveva commentato l'operazione come "necessaria per non doverlo fare più in futuro", in un periodo in cui l'azienda stava cercando di incrementare la produzione della Model 3. Pare però che le diverse manovre intraprese non siano state sufficienti per mantenere la compagnia profittevole. Il primo trimestre 2019 ne è stato un chiaro percento e a gennaio la compagnia ha licenziato un altro 7% del personale.

Musk aveva promesso che le vendite di Model 3 avrebbero permesso all'azienda di arrivare all'utile già alla fine del terzo trimetre del 2018 (in poi), tuttavia questo non è avvenuto e le perdite di gennaio hanno fatto capire che servisse una pesante manovra di riorganizzazione. E questa è stata annunciata nell'e-mail di giovedì: Tesla è una delle aziende più innovative nel campo dell'automotive, ma i successi sono stati ottenuti bruciando enormi quantitativi di denaro. Nel 2018 c'è stata una sorta di svolta per quanto riguarda le capacità produttive dell'azienda, tuttavia il problema dei soldi rimane ancora oggi più vivo che mai.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

66 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Vespasianix21 Maggio 2019, 08:29 #1
Il passaggio all'elettrico sta avvenendo molto più lentamente di quanto, evidentemente, Musk pensasse.
Ginopilot21 Maggio 2019, 08:32 #2
Sono sempre piu' dell'idea che tesla debba essere acquisita da un grosso gruppo per poter sopravvivere. La concorrenza è ormai agguerrita, anche in segmenti dove tesla non c'e' e che vengono incontro ad una minore capacita' di spesa. I numeri degli ultimi mesi e l'andamento del titolo confermano le difficolta' dell'azienda.
Ginopilot21 Maggio 2019, 08:33 #3
Originariamente inviato da: Vespasianix
Il passaggio all'elettrico sta avvenendo molto più lentamente di quanto, evidentemente, Musk pensasse.


E ci mancherebbe pure avvenga piu' velocemente, non ci sono ne le infrastrutture ne la capacita' produttiva di energia. Ci vorranno piu' di 10 anni perche' le auto elettriche facciano i numeri delle tradizionali.
Doraneko21 Maggio 2019, 08:42 #4
IMHO dovevano continuare a puntare solo su modelli con margini di guadagno alti, tipo Model S o X, per la model 3 è troppo presto. Per non parlare del fatto che non è semplice entrare nel mondo dell'automotive così a gamba tesa come hanno provato a fare loro, cioè provando per primi a vendere un prodotto che oltretutto funziona grazie ad un'infrastruttura che non esiste (al tempo).
lucusta21 Maggio 2019, 08:50 #5
non c'è solo la mentalità politica, perchè i politici li vota la gente e se la gente non chiede i politici fanno come gli pare.
non c'è nessuna fretta dalla vecchia industria, perchè finchè la gente non chiede un prodotto è inutile farlo, anzi, è più utile far pagare quello che fai da sempre come se fosse l'ultima novità...

meno Ginopilotino e più gente che ha la mano sulla coscienza e vedi che le cose già c'erano da anni.
zagor97721 Maggio 2019, 08:55 #6
Ma i 2 miliardi di euro che si sono appena presi da FCA per le quote verdi se li è fumati Elon Musk?
Perchè non si fanno dare 2 ripetizioni da Elkann sul come si fa a portare gli utili all'estero ma farsi ripianare i debiti dallo stato italiano con minacce e cassa integrazione?
Doraneko21 Maggio 2019, 09:00 #7
Originariamente inviato da: Ginopilot
E ci mancherebbe pure avvenga piu' velocemente, non ci sono ne le infrastrutture ne la capacita' produttiva di energia. Ci vorranno piu' di 10 anni perche' le auto elettriche facciano i numeri delle tradizionali.


Secondo me ci vorrà un bel pezzo, ben più di 10 anni. Mi sa che gli EV nel breve-medio termine andranno soltanto ad ampliare la differenziazione dei tipi di veicoli che circolano su strada, coesistendo con quelli già presenti, più che metterli fuori gioco del tutto. Come adesso abbiamo veicoli a benzina, a diesel, a GPL, a metano e ibridi, tra un po' avremo gli EV che si aggiungono a questi.
A parer mio la rivoluzione nei trasporti non saranno le auto elettriche in sè, bensì lo sarà una qualche innovazione interna al mondo degli EV, qualcosa che metterà totalmente in ombra tutto il resto, ad esempio un qualche tipo di batteria capientissima e velocissima da ricaricare o un qualche tipo di cella che andrà del tutto a sostituire le batterie...ma ci vorranno decenni probabilmente e sarà una cosa che rivoluzionerà qualsiasi tipo di trasporto, non solo le auto.
Ginopilot21 Maggio 2019, 09:02 #8
Originariamente inviato da: zagor977
Ma i 2 miliardi di euro che si sono appena presi da FCA per le quote verdi se li è fumati Elon Musk?
Perchè non si fanno dare 2 ripetizioni da Elkann sul come si fa a portare gli utili all'estero ma farsi ripianare i debiti dallo stato italiano con minacce e cassa integrazione?


Perche' certamente fa anche di peggio.
Doraneko21 Maggio 2019, 09:02 #9
Originariamente inviato da: lucusta
meno Ginopilotino e più gente che ha la mano sulla coscienza e vedi che le cose già c'erano da anni.


Essere realisti non è una colpa.
Ginopilot21 Maggio 2019, 09:05 #10
Originariamente inviato da: Doraneko
Secondo me ci vorrà un bel pezzo, ben più di 10 anni. Mi sa che gli EV nel breve-medio termine andranno soltanto ad ampliare la differenziazione dei tipi di veicoli che circolano su strada, coesistendo con quelli già presenti, più che metterli fuori gioco del tutto. Come adesso abbiamo veicoli a benzina, a diesel, a GPL, a metano e ibridi, tra un po' avremo gli EV che si aggiungono a questi.
A parer mio la rivoluzione nei trasporti non saranno le auto elettriche in sè, bensì lo sarà una qualche innovazione interna al mondo degli EV, qualcosa che metterà totalmente in ombra tutto il resto, ad esempio un qualche tipo di batteria capientissima e velocissima da ricaricare o un qualche tipo di cella che andrà del tutto a sostituire le batterie...ma ci vorranno decenni probabilmente e sarà una cosa che rivoluzionerà qualsiasi tipo di trasporto, non solo le auto.


Sempre che i lungimiranti politici, sulla scorta dei suggerimenti di lucusta, non blocchino l'uso dei motori a combustione, come hanno cominciato a fare con i diesel. Allora si che ci sara' il boom dell'elettrico, oltre che letteralmente per i problemi alla rete elettrica, soprattutto per i nostri portafogli. Come gia' sta avvenendo per il passaggio diesel-benzina.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^