MV Agusta rispolvera il marchio Cagiva per nuove moto elettriche: a EICMA 2018 il primo modello

MV Agusta rispolvera il marchio Cagiva per nuove moto elettriche: a EICMA 2018 il primo modello

L'annuncio arriva da Giovanni Castiglioni, presidente di MV Agusta, casa motociclistica della provincia di Varese, precisamente con sede a Schiranna, la quale intende riportare alla luce il marchio Cagiva, di cui è proprietaria, che negli anni d'oro ha saputo offrire grandi soddisfazioni sia in pista sia nell'off-road come ad esempio tra le dune del deserto della Parigi-Dakar

di pubblicata il , alle 16:01 nel canale Tecnologia
 

Indubbiamente qualcosa nel mondo delle due ruote sta cambiando, dopo gli annunci di Harley-Davidson e Royal Enfield di puntare alla trazione elettrica, ora anche una casa italiana annuncia l'interesse ad entrare in questo segmento, oltretutto annunciando il ritorno di un marchio al quale molti sono ancora affezionati.

L'annuncio arriva da Giovanni Castiglioni, presidente di MV Agusta, casa motociclistica della provincia di Varese, precisamente con sede a Schiranna, la quale intende riportare alla luce il marchio di cui è proprietaria che negli anni d'oro ha saputo offrire grandi soddisfazioni sia in pista sia nell'off-road come ad esempio tra le dune del deserto della Parigi-Dakar: parliamo di Cagiva, un brand che sarà riproposto in abbinamento a nuovi modelli a trazione elettrica, di una fascia più accessibile e probabilmente più indirizzati al segmento enduro, rispetto ai più raffinati modelli attualmente proposti da MV Agusta.

“Saranno moto giovani e divertenti, ma soprattutto accessibili” ha detto Giovanni Castiglioni alla presentazione stampa della nuova MV Agusta Brutale; un nuovo modello verrà presentato alla prossimo fiera milanese EICMA 2018 (Esposizione Internazionale Ciclo e Motociclo), e l'inizio della produzione è stato fissato entro novembre 2019.

Per il momento nessuna informazione sul contenuto tecnico del modello, malinconico sarebbe rivedere una nuova partnership tra Harley-Davidson e Cagiva, la prima già in accordo con il produttore di off-road elettriche Alta Motors, come avvenuto a cavallo tra gli anni '70 e '80.

Non ci resta che aspettare maggiori dettagli a riguardo, rimanendo con un pizzico di curiosità per vedere se il marchio Cagiva saprà tornare alla ribalta, cercando forse di fare ciò che ad esempio Ducati è riuscita a realizzare rispolverando l'iconico marchio Scrambler.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
300019 Marzo 2018, 16:24 #1
Questo marchio potrà aiutare se la moto sarà valida.
antonyb19 Marzo 2018, 20:57 #2
O mamma
emanuele8320 Marzo 2018, 07:36 #3
Se si pensa che il gruppo cagiva negli anni 90 era proprietaria della ducati corse...
Nicodemo Timoteo Taddeo20 Marzo 2018, 07:49 #4
Originariamente inviato da: emanuele83
Se si pensa che il gruppo cagiva negli anni 90 era proprietaria della ducati corse...


Negli anni ottanta Cagiva acquistò tutta Ducati, non solo il reparto corse. Ducati al momento era praticamente niente, solo un nome di prestigio e nulla più, lo fecero diventare un grande produttore di moto, un po' come la Ferrari delle due ruote.

Poi nei novanta lo vendettero per dedicarsi ad un altro grande nome quale è Mv Agusta. Nel frattempo Cagiva si è persa per strada, adesso vediamo se la ritrova con l'elettrico
antonyb20 Marzo 2018, 12:47 #5
Vero quello che dite, speriamo l'affidabilità non sia anni 90
monkey.d.rufy20 Marzo 2018, 14:46 #6
Originariamente inviato da: 3000
Questo marchio potrà aiutare se la moto sarà valida.


me lo auguro ma ne dubito, finchè non risolvono i problemi interni

Non vedo come MV possa risollevare le sorti di un altro marchio, quando gia il suo vacilla

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^