Nexar, l'app dashcam che valuta le abilità di guida di ogni singolo autista su strada

Nexar, l'app dashcam che valuta le abilità di guida di ogni singolo autista su strada

Nexar, la start-up alla base di una dashcam app che si pone il compito di valutare gli autisti su strada, ha ricevuto un nuovo round di investimenti da 10,5 milioni di dollari

di pubblicata il , alle 18:31 nel canale Tecnologia
 

Chiunque abbia guidato a New York City o nella Silicon Valley negli ultimi 9 mesi è probabile che sia già schedato all'interno dei database di Nexar, soprattutto chi ha una condotta di guida poco raccomandabile. Nexar ha appena ricevuto un nuovo investimento da 10,5 milioni di dollari, è una start-up metà americana, metà israeliana, e vuole progettare un "sistema di controllo del traffico" basato su algoritmi di IA in ottica della diffusione dei primi veicoli a guida autonoma.

L'anno scorso la società ha lanciato una dashcam app che è stata utilizzata dai suoi utenti per catturare, analizzare e registrare oltre 5 milioni di miglia di guida su strada in alcune città del mondo. Gli algoritmi della compagnia hanno effettuato un profilo delle abitudini di guida di circa 7 milioni di automobili, fra cui il 45% di quelle in circolazione nella Bay Area, il 30% nell'area di Manhattan. Usando la fotocamera dello smartphone e algoritmi di vision e di intelligenza artificiale, l'app riconosce la targa dei veicoli e può tracciare velocità e traiettoria.

Se procede troppo velocemente, o se esegue una manovra illegale (attraversamento con il rosso, ad esempio), l'informazione viene salvata all'interno del database online di Nexar. Una volta riconosciuto un autista come pericoloso, tutti gli utenti che si avvicineranno alla sua vettura verranno avvisati del potenziale comportamento pericoloso (funzione che comunque non è ancora attiva). C'è chi negli States propone un sistema simile di reputazione per autisti da anni, e Nexar ha risposto a queste esigenze nel tentativo di realizzare una tecnologia in grado di portarlo alla luce.

"Credo che sia un modo creativo e sensibile per per aiutare a migliorare l'esperienza di guida", dichiarava Lior Strahilevitz, professore della University of Chicago, anni fa. E chi pensa che il sistema violi la privacy degli autisti in maniera illegale si sbaglia, secondo Eran Shir, co-fondatore di Nexar: "Non ci sono molti impedimenti legali negli Stati Uniti nei confronti di quello che sta progettando Nexar, né dovrebbero essercene. Se stai guidando vicino a me e sei pericoloso voglio saperlo, così che possa essere preparato ad ogni inconveniente".

La società ha stimato che se solo l'1% degli utenti usasse l'applicazione su base giornaliera ci vorrebbe solo un mese per profilare il 99% dei veicoli di una città: "Crediamo sia un servizio per la community sapere se sei un autista affidabile o meno", ha continuato Shir. Qualora un sistema del genere prendesse piede, i suoi dati potrebbero essere sfruttati dalle società assicurative e dagli stessi autisti. I video e i dati dei sensori salvati su cloud potrebbero essere d'aiuto per supportare le varie teorie di colpevolezza o innocenza in caso di incidente.

Nexar potrebbe anche essere in grado di ridurre gli incidenti mortali sulle strade, ancor prima dell'avvento delle auto a guida autonoma. L'applicazione può infatti individuare gli incroci più pericolosi o rilevare quando un'auto frena bruscamente inviando un avviso a tutte le auto che si trovano nei paraggi: "Dovremmo disporre di una rete in tempo reale. Abbiamo ottimizzato il modo in cui le macchine comunicano in modo che la latenza sia veramente molto bassa: circa 100 o 150 millisecondi", secondo i test effettuati della società. 

Per ottenere i dati necessari l'app di Nexar non utilizza solamente i sistemi GPS, visto che non hanno una precisione tale da poter essere integrati all'interno di un prodotto con queste finalità. Si affida ai vari sensori presenti sullo smartphone: l'accelerometro individua buche e dossi artificiali, il magnetometro rileva quando la macchina viaggia sotto linee elettriche. L'applicazione aggiorna i propri dati 50 volte al secondo e può costruire in questo modo una mappa dettagliata della qualità della superficie del manto stradale nelle città in cui può essere utilizzata.

Entro la fine del 2017 la start-up ha pianificato il lancio in 10 ulteriori città, come San Diego, Washington D.C., Chicago e Seattle. Lo sbarco all'infuori dei confini statunitensi sembra al momento improbabile o comunque non troppo vicino in termini di tempo, anche se una tecnologia che valuta ogni singolo autista sulla strada potrebbe in effetti migliorare la qualità della nostra esperienza di guide e farci risparmiare decine e decine di improperi ogni giorno.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta pi interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

44 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
gd350turbo22 Giugno 2016, 08:25 #1
Figata ( intesa come mostruosa invasività nella vita delle persone )

Io uso un altro sistema, più economico, sto attento alle golf e alle audi !
AlexAlex22 Giugno 2016, 08:50 #2
Originariamente inviato da: gd350turbo
Figata ( intesa come mostruosa invasività nella vita delle persone )

Io uso un altro sistema, più economico, sto attento alle golf e alle audi !


E quelli col cappello dove li metti

Per non parlare delle Agila, che sono sempre guidate da persone che di agile non hanno proprio niente...
roccia123422 Giugno 2016, 10:10 #3
Originariamente inviato da: gd350turbo
Figata ( intesa come mostruosa invasività nella vita delle persone )

Io uso un altro sistema, più economico, sto attento alle golf e alle audi !


Già... statisticamente i più pericolosi ed incoscienti guidano quelle
Portocala22 Giugno 2016, 10:43 #4
A me sta anche bene se quelli che dormono sulla strada vengono avvisati di farmi passare
gd350turbo22 Giugno 2016, 11:05 #5
Originariamente inviato da: AlexAlex
E quelli col cappello dove li metti

Per non parlare delle Agila, che sono sempre guidate da persone che di agile non hanno proprio niente...


Quelli con il cappello, se fossi io a decidere gli do un abbonamento all'autobus al posto della patente...

Anche quelli con la panda non scherzano !

Originariamente inviato da: roccia1234
Già... statisticamente i più pericolosi ed incoscienti guidano quelle


Quelli con l'audi, quando prendono il biglietto per entrare in autostrada, probabilmente pensano di acquistare anche l'uso esclusivo della terza/quarta corsia, in quanto se ti azzardi ad effettuare un sorpasso, e quindi ad usare la corsia a loro riservata, bruciano gli abbaglianti dal granchè li usano...

Quelli della golf, sono più o meno come gli iphoniani, pensano di appartenere ad un elite e che le regole non li riguardino...
Apix_102422 Giugno 2016, 11:10 #6
in italia un'app del genere farebbe fondere il cellulare ed anche i server per la mole di video registrati... una volta attiva poi direbbe di stare attenti a tutti

p.s. io ho un'audi ma sto sempre tra la prima e la seconda corsia in base al traffico (tir). terza e quarta a volte sono le più lente
Riccardo8222 Giugno 2016, 11:58 #7
io ho golf audi e bmw che faccio mi ammazzo??


gd350turbo22 Giugno 2016, 12:01 #8
Originariamente inviato da: Apix_1024
in italia un'app del genere farebbe fondere il cellulare ed anche i server per la mole di video registrati... una volta attiva poi direbbe di stare attenti a tutti

Ci hanno già provato le assicurazioni, anche la mia...
Ti danno o meglio davano, un "macchinino" da mettere in macchina che trasmette dati sulla guida che vengono abbinati al tratto di strada in esame, quindi vedono se ti fermi alle precedenze, se rispetti i limiti di velocità, che velocità fai in curva, ecc.ecc. e se sei bravo, ti fanno uno sconto sull'assicurazione...
Mai sentito di uno che l'abbia preso !

Originariamente inviato da: Apix_1024
p.s. io ho un'audi ma sto sempre tra la prima e la seconda corsia in base al traffico (tir). terza e quarta a volte sono le più lente

Si ne vedo anch'io nei 100km che faccio ogni giorno, in 1-2 corsia, ma sono pochi rispetto quelli in 3 e 4...


Una volta cercavo info su gomme, e sono capitato in un forum audi, in cui la maggiorparte degli avatar, erano foto di tachimetri tutti ben oltre i 200 km/h !
Apix_102422 Giugno 2016, 12:07 #9
Originariamente inviato da: gd350turbo
Ci hanno già provato le assicurazioni, anche la mia...
Ti danno o meglio davano, un "macchinino" da mettere in macchina che trasmette dati sulla guida che vengono abbinati al tratto di strada in esame, quindi vedono se ti fermi alle precedenze, se rispetti i limiti di velocità, che velocità fai in curva, ecc.ecc. e se sei bravo, ti fanno uno sconto sull'assicurazione...
Mai sentito di uno che l'abbia preso !


Si ne vedo anch'io nei 100km che faccio ogni giorno, in 1-2 corsia, ma sono pochi rispetto quelli in 3 e 4...


Una volta cercavo info su gomme, e sono capitato in un forum audi, in cui la maggiorparte degli avatar, erano foto di tachimetri tutti ben oltre i 200 km/h !


forum audi li lurko per vedere problemi su certe vetture e poco altro... gente un tantinello invasata...
di solito son da solo in prima e seconda corsia tra fidenza e bologna se non fosse per i tir...
speyer22 Giugno 2016, 13:36 #10
Apix_1024, il problema è che, anche se corsie 3 e 4 sono più lente, non si può superare a destra.

Ma quest'app è solo per iOS?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^