Norvegia: entro il 2040 tutti i voli interni in elettrico

Norvegia: entro il 2040 tutti i voli interni in elettrico

L'aviazione norvegese sta pensando di utilizzare velivoli elettrici per tutti i voli interni al Paese: ridurrà le emissioni di gas serra dell'80% rispetto ad ora

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale Tecnologia
 

I cieli della Norvegia potrebbero essere solcati, in un futuro non troppo distante, da velivoli a propulsione elettrica: il Paese sta infatti pensando di organizzare il trasporto aereo interno in modo tale che entro il 2040 possa essere sotenuto interamente con aerei elettrificati.

E' quanto emerge da un report stilato dalla compagnia statale Avinor, che gestisce la maggior parte degli aeroporti civili in Norvegia, e dall'autorità dell'aviazione civile, mediante il quale si afferma che l'aviazione elettrica potrebbe essere la chiave di volta per procedere con la riduzione delle emissioni di gas serra e per affrontare il cambiamento climatico.

La conformazione del territorio norvegese è piuttosto particolare e rende la maggior parte degli spostamenti sulla terraferma lunghi e impegnativi: un trasferimento in macchina da Alta - un importante hub aereoportuale - ad una città come Andenes richiederebbe un viaggio di oltre 10 ore, percorrendo un itinerario che in alcuni tratti può mettere a dura prova le energie del guidatore. Lo stesso trasferimento, in aereo, richiede invece 90 minuti. Nel raggio di circa 350 chilometri da Alta si trovano 16 aeroporti civili.

Le autorità dell'aviazione norvegesi si sono poste obiettivi chiari: completare con successo il primo volo interno in elettrico entro il 2030, per poi estendere l'impiego di velivoli elettrici su tutte le tratte interne entro il 2040. Se ciò corrisponderà a realtà, si riuscirebbe ad ottenere una riduzione dell'80% nelle emissioni di gas serra previste per quest'anno in Norvegia.

Il report cita svariate soluzioni che potrebbero essere adottate a questo scopo, ma una di quelle più probabili sembra essere Alice, un velivolo elettrico da 9 posti realizzato da Israeli Eviation e presentato qualche settimana fa. Alice è accreditato di 650 miglia di autonomia - poco più di 1000km - con una carica completa che consentirebbe quindi di riuscire a coprire con sufficiente disinvoltura una tratta A/R tra Alta e qualsiasi altro aeroporto nella cintura dei 350 chilometri, considerando anche l'indispensabile autonomia da lasciare residua in caso di emergenze/necessità.

Questa iniziativa continua a porre la Norvegia come una delle realtà più attive e in prima linea nella rivoluzione della mobilità elettrica: guardando al trasporto terrestre è interessante osservare che la sua rete di ricarica per veicoli è già tra le più estese d'Europa.

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
raxas12 Marzo 2020, 10:30 #1
Uhm...
Idealizzazione parossistica da elettrificazione ubbiquitaria...
No...? Dico... Come faranno a srotolare i cavi in volo con la centrale elettrica da rifornimento a terra?
E al traffico di quei cavi volanti... Chi ci pensa?
calabar12 Marzo 2020, 10:30 #2
Se poi vengono colpiti da un fulmine con potenza di 1,2 gigowatt mentre sono in volo riescono persino ad arrivare in anticipo rispetto alla partenza!

Scherzi a parte, pensavo che fossimo ancora molto indietro sulla sulla mobilità elettrica aerea, l'obiettivo mi sembra un po' irrealistico, anche perchè dubito che piccoli aerei da 10 posti siano in grado di soddisfare le esigenze di mobilità interna.
raxas12 Marzo 2020, 10:45 #3
Originariamente inviato da: calabar
Se poi vengono colpiti da un fulmine con potenza di 1,2 gigowatt mentre sono in volo riescono persino ad arrivare in anticipo rispetto alla partenza!...

Bè allora facendo un discorso einsteniano-like, sarebbe come se non fossero mai partiti sul piano reale e quindi il problema non si pone: evitare le elettrificate partenze ab initio...
Ragerino12 Marzo 2020, 11:17 #4
Ahahaha, si certo.
Sono di quelle minch1ate che si sparano una tantum per dire 'le cose che ci saranno nel futuro'.
Sbaglio o avremmo dovuto avere androidi replicanti e colonie in altri sistemi solari nel 2020? Auto volanti ne abbiamo?
Ginopilot12 Marzo 2020, 11:31 #5
Accidenti, hanno fregato musk sul tempo, mo dovra' inventarsi qualche altra c@gata.
386DX4012 Marzo 2020, 11:40 #6
Ogni volta che sento certe scadenze tipo "2040", "2050" etc.. rimango perplesso.. il mondo cambia ogni anno e non si sa l'anno prossimo o quello dopo quale sara' la priorita'...
An.tani12 Marzo 2020, 16:16 #7
io vedo un grosso problema: i costi.

Gli aerei sono oggetti costosi e doverli tenere ore fermi in carica vuol dire dover acquistare più aerei per trasportare il medesimo numero di persone; sicuri sia fattibile in un campo competitivo come quello dell'aviazione civile ?

Non ha più senso concentrarsi su bio carburanti ?
Tozzo7216 Marzo 2020, 14:54 #8
Originariamente inviato da: calabar
Scherzi a parte, pensavo che fossimo ancora molto indietro sulla sulla mobilità elettrica aerea, l'obiettivo mi sembra un po' irrealistico, anche perchè dubito che piccoli aerei da 10 posti siano in grado di soddisfare le esigenze di mobilità interna.

La Norvegia ha 5 milioni di abitanti e, vista la conformazione del territorio, laghi e fiordi, non credo che i voli interni utilizzino grossi aerei. Presumo che un aereo da 50 passeggeri sia più che sufficiente e, date le dimensioni non ha bisogno di motori super potenti. In 20 anni mi sembra sia più che possibile arrivare all'obiettivo. Poi magari in questi 20 anni salta fuori qualcosa di ancora più economico ed ecologico.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^