Norvegia, stazione di rifornimento per l'idrogeno esplode: chiusa la rete di distribuzione e ferme le vendite dei veicoli

Norvegia, stazione di rifornimento per l'idrogeno esplode: chiusa la rete di distribuzione e ferme le vendite dei veicoli

Di qualche giorno fa la notizia dell'esplosione di una di queste stazione della catena Uno-X precisamente quella della città di Sandvika in Bærum, evento non primo del suo genere ma di entità così importante da far chiudere pre cautelativamente l'intera rete di rifornimento del paese e le vendite dei modelli ad idrogeno di Toyota e Hyundai

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale Tecnologia
 

Dalle nostre parti le vetture Fuel Cell, ovvero elettriche ma alimentate da idrogeno, risultano essere praticamente inesistenti, in altri paesi come la Norvegia invece rappresentano già un'alternativa alle vetture a batterie "classiche", anche perché presente sul territorio un'adeguata rete di distribuzione dell'idrogeno.

Di qualche giorno fa la notizia dell'esplosione di una di queste stazione della catena Uno-X precisamente quella della città di Sandvika in Bærum, evento non primo del suo genere ma di entità così importante da far chiudere pre cautelativamente l'intera rete di rifornimento del paese e le vendite dei modelli ad idrogeno di Toyota e Hyundai.

Secondo la polizia locale due persone sono state ferite al momento dell'esplosione la quale è stata abbastanza forte da attivare gli airbag dei veicoli nelle immediate vicinante senza alcun impatto.

Jon André Løkke, CEO di Nel Hydrogen, l'azienda che gestisce le stazioni di rifornimento Uno-x, ha commentato:

"È troppo presto per speculare sulla causa e su cosa sia andato storto. La nostra massima priorità è il funzionamento sicuro delle stazioni che abbiamo consegnato. Per precauzione, abbiamo temporaneamente messo altre stazioni in modalità standby in previsione di ulteriori informazioni"

Con la rete di rifornimento ferma, Toyota e Hyundai, principali costruttori di auto a idrogeno, hanno annunciato che stanno fermando temporaneamente le vendite dei loro veicoli Fuel Cell.

Il manager della Toyota Norway, Espen Olsen ha dichiarato:
Non sappiamo ancora esattamente cosa sia successo alla stazione Uno-X, quindi non vogliamo speculare. Ma fermiamo la vendita fino a quando non abbiamo appreso cosa è successo, e per motivi pratici, dal momento che non è possibile riempire il carburante ora"

Le due case costruttrici inoltre fanno sapere che metteranno a disposizione degli utenti in possesso delle loro auto ad idrogeno modelli sostitutivi al fine di sopperire all'attuale stop delle stazioni di servizio fino a data da destinarsi.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

38 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
G.Pedro12 Giugno 2019, 10:18 #1
Giusta la cautela trattandosi di una rete di distribuzione ancora acerba, ma dopo tutto non è che non sono mai esplosi i distributori di normale benzina.
Comunque non credo nell'idrogeno come carburante alternativo, rispetto all'elettrico ha un rendimento più basso e molti svantaggi.
le_mie_parole12 Giugno 2019, 10:39 #2
se avessero sbattuto la testa sulle tecnologie che usano l'idrogeno già da decenni, ora probabilmente non avremmo la terra conciata a cestino della spazzatura dell'uomo.(come ragionamento vale per tutto ciò che ha un impatto negativo sull'ecosistema). Sta cosa mi sembra poi cascata a fagiolo… proprio ora che un paese sta sperimentano su larga scala tutto il sistema.
Ragerino12 Giugno 2019, 10:51 #3
Stoccaggio di gas altamente volatile ed altamente esplosivo, usato per alimentare automobili. Cosa mai potrebbe andare storto?

Il punto è che, per quanto la tecnologia possa essere sicura e controllata, quando qualcosa va storto con l'idrogeno, va molto storto.

La tecnologia di per se è interessante, ma non so quanto mi fiderei girare su una versione miniaturizzata dell'Hindenburg.
aqua8412 Giugno 2019, 10:54 #4
posto che "probabilmente" il problema inquinamento non si riuscirà mai e poi mai a risolvere, perchè ci sono troppi fattori che vanno ad unirsi. al momento si guarda allo "scarico" delle auto, e usando l'elettrico l'automobile non emette nulla

però
- come vengono prodotte le batterie?
- come vengono prodotte le parti in metallo delle auto?
- come vengono prodotte le parti in plastica?
- come vengono prodotte le parti in vetro?
- i pneumatici?
...

a parte questa introduzione, quello che mi domando io, da qualche tempo, come è possibile che ad oggi non si sia riuscito a creare in laboratorio, sinteticamente, un combustibile?

possibile che solo la "benzina" possa far muovere il pistone su e giu come si deve?

lasciamo stare le varie trovate, tipo olii vegetali, gpl,...auto ad idrogeno... ecc...

un qualcosa di sintetico al 100%, che non emette nulla di tossico, ma che posso usare anche nella mia Panda anni '90 come nella Lamborghini 2019
Dumah Brazorf12 Giugno 2019, 11:04 #5
Combustibili "sintetizzati" ce ne sono, dal biodiesel all'etanolo, ma o sono (molto) più costosi da produrre o pongono un grosso problema di reperimento della materia prima in caso di produzione di massa.
JoJo12 Giugno 2019, 11:06 #6
Ad ogni modo, il tubo di scappamento degli autoveicoli incide per il 50% nella produzione di inquinamento mentre il restante 50% è dovuto all'usura di freni, asfalto, pneumatici, etc. Una macchina non sarà mai ad inquinamento zero.
Ragerino12 Giugno 2019, 11:06 #7
Originariamente inviato da: aqua84
p

un qualcosa di sintetico al 100%, che non emette nulla di tossico, ma che posso usare anche nella mia Panda anni '90 come nella Lamborghini 2019


Perche la combustione produce in ogni caso dei residui di qualche genere. Può essere di più o può essere di meno. Qualsiasi combustibile 'sintetico' deve comunque essere prodotto usando energia. Questa energia va generata. Quindi siamo punto a capo. Ed è anche una questione di costi.
cignox112 Giugno 2019, 11:46 #8
Ci vorrebbero auto a motore organico che funzionino come le cellule: un piatto di pasta e ci vai al lavoro. E dal tubo di scappamento al massimo un pó di pipí e pupú con cui fertilizzare il giardino
zappy12 Giugno 2019, 12:07 #9
Originariamente inviato da: cignox1
Ci vorrebbero auto a motore organico che funzionino come le cellule: un piatto di pasta e ci vai al lavoro. E dal tubo di scappamento al massimo un pó di pipí e pupú con cui fertilizzare il giardino


guarda che esistono.
Si chiamano "cavalli" e sono stati usati da... boh, almeno 5000 anni.
hanno pure la guida autonoma 100% sicura (non vanno mai a sbattere contro altre cose) e si ricaricano da soli quando li parcheggi.
Ed infine, udite udite, si producono da soli senza bisogno di intervento umano.
dr-omega12 Giugno 2019, 12:09 #10
Da recenti anlisi pare che il ciclo di vita di una moderna automobile a gasolio risulti meno impattante di una elettrica e se aggiungiamo i problemi di sicurezza (safety) di quest'ultima, di autonomia uniti alla distribuzione dell'energia ecco che scopriamo che l'auto "ecologica", rodata e affidabile già ce l'abbiamo.

Però ora va di moda l'elettrico, quindi pazienza.

Originariamente inviato da: JoJo
Ad ogni modo, il tubo di scappamento degli autoveicoli incide per il 50% nella produzione di inquinamento mentre il restante 50% è dovuto all'usura di freni, asfalto, pneumatici, etc. Una macchina non sarà mai ad inquinamento zero.


Vero.
Niente su questo pianeta è ad impatto zero, nemmeno i quadrupedi e neppure i bipedi senzienti.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^