Nuova Citroen Ë-C4 full electric: tutti i dettagli sulla berlina compatta di nuova generazione

Nuova Citroen Ë-C4 full electric: tutti i dettagli sulla berlina compatta di nuova generazione

Citroen passa al full electric nel suo strategico settore delle berline compatte, con la prima vettura full electric dopo Citroen Ami

di pubblicata il , alle 16:01 nel canale Tecnologia
Citroen
 

Per prima è arrivata Citroen Ami, un veicolo elettrico a metà strada tra scooter e auto, acquistabile per soli 6 mila euro. E già Citroen ha sondato il campo del plug-in con C5 Aircross e del full eletric con un veicolo commerciale, il minivan Citroen e-Jumpy. Ma con la nuova Citroen Ë-C4, appena presentata per la prima volta con un format completamente digitale, compie un passo decisamente più importante.

Le berline compatte giocano un ruolo decisivo nel mercato europeo, dove hanno raggiunto quasi il 28% delle vendite nel segmento C nel 2019. La nuova Citroen C4 possiede tutti i requisiti del suo segmento, di cui propone un’interpretazione moderna e dalla forte personalità, al passo con i tempi. Citroen si è concentrata su silhouette e comfort, offrendo la possibilità di scegliere cerchi da 16", 17" e 18", con un disegno apposito per l'elettrica, accompagnati da un cofano ampio e alto. Citroen la descrive come una forte evoluzione del suo stile, con un veicolo al tempo stesso più riconoscibile. La vettura è dotata degli stessi smorzatori idraulici progressivi già introdotti da C5 Aircross per offrire un'esperienza di viaggio il più possibile neutra rispetto alle sconnessioni e confortevole.

Dotata di un assetto rialzato dalle linee decise, la silhouette riesce a combinare l’eleganza e il dinamismo di una berlina con il look da SUV, per maggiore forza e carattere. Il comfort è assicurato, oltre che dalle sospensioni, anche dai sedili Advanced Comfort, insieme agli interni spaziosi e gli equipaggiamenti funzionali. L'obiettivo è ricreare un ambiente interno quanto più possibile rilassante e luminoso.

Lo stesso forte cambiamento sarà espresso anche dagli interni, che daranno ampio spazio alla tecnologia. A partire da una Human-Machine Interface semplice ed efficiente, basata su un touch-screen da 10 pollici elegantemente integrato nella plancia. 20 tipi di assistenza alla guida sono previsti per la nuova C4 e, tra questi, anche l'ultimissimo Head-Up Display capace di fornire informazioni direttamente nel campo visivo del conducente. Disponibile anche il tetto apribile panoramico.

Nuova Citroen C4: 100% elettrica, benzina o diesel

La nuova Citroen C4 sarà disponibile anche nelle varianti benzina e diesel, oltre che full electric. Ma è ovviamente quest'ultima a meritare più attenzioni. A bordo della nuova Citroen Ë-C4 troveremo un motore elettrico con una potenza di 100 kW, equivalente a un 136 CV termico. La coppia, subito disponibile, è di 260 Nm e la velocità massima di 150 Km/h. I tecnici di Citroen hanno dovuto studiare un sistema di raffreddamento apposito per garantire la regolazione ottimale del calore all'interno del veicolo, e si sono serviti di una pompa di calore ad alta efficienza.

Il caricabatterie di bordo può essere di tipo 11 kW (trifase) o 7,4 kW (monofase), mentre la batteria agli ioni di litio è da 50 kWh capace di garantire un'autonomia fino a 350 Km secondo il ciclo WLTP. L'autonomia della batteria sarà assicurata anche da tecnologie di Frenata Rigenerativa, capaci di un più efficiente recupero dell'energia. La batteria è perfettamente integrata nel pavimento del veicolo senza compromettere gli spazi all'interno. Citroen C4 si caratterizzerà per 3 modalità di guida: Eco, Normal e Sport.

Sono tre anche le modalità di ricarica della batteria: Standard, Enhanced e Accelerated. Nel primo caso, la ricarica impiega 9 ore per garantire 100 Km di autonomia, nel secondo caso 4,5 ore e nel terzo, che prevede il wallbox da 7,4 kW, abbiamo la ricarica completa della batteria in 7,5 ore. Con wallbox da 11 kW, invece, la ricarica completa avviene in 5 ore. Questo per quanto riguarda la ricarica a casa, ma la batteria può essere ricaricata anche con le colonnine pubbliche, supportando anche la ricarica Super Fast a 100 kW in corrente continua che consente di ripristinare l'80% dell'autonomia della batteria in 30 minuti.

Citroen torna quindi nel segmento delle compatte con un prodotto molto interessante, distintivo e full electric, potenzialmente in grado di vendere molto. I preordini partiranno entro la fine dell'estate e le prime consegne sono previste entro la fine del 2020.

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Tasslehoff30 Giugno 2020, 16:39 #1
Fatemi capire, ma c'è qualche legge che impone che un'auto elettrica deve per forza essere brutta come la fame?
Prima quella specie di scorfano della Hyundai, ora questa specie di camionetta da power ranger...
Ok che l'estetica è soggettiva, ma un po' di buon gusto non guasterebbe...

Mparlav30 Giugno 2020, 17:46 #2
Le versioni elettriche sono esteticamente simili ai modelli con motore endotermico o ibride.
Vale per la C4/2008, 208 o Corsa.
O la Ioniq.

I designer PSA hanno sostituito una delle auto più brutte degli ultimi 10 anni, la Cactus, con questo nuovo modello, ma la propulsione è irrilevante: la benzina fa' ugualmente schifo

Le prime 5 classificate auto dell'anno 2019:
1° Peugeot 208 (anche elettrica)
2° Tesla Model 3 (elettrica)
3° Porsche Taycan (elettrica)
4° Renault Clio (anche ibrida)
5° Ford Puma (anche ibrida)
andbad30 Giugno 2020, 18:29 #3
Quindi non sono il solo a vederla brutta come il peccato.
Sul versante tecnico è una copia delle varie e208, eCorsa e via discorrendo: 50kWh, 11kW AC e 100kW DC. La presa sul lato non mi fa impazzire (anzi...). Non si parla di prezzo, ma non credo si discosteranno da quelle di cui sopra.
Riassumendo: mah!

By(t)e

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^