NVIDIA PX 2 nelle auto di Roborace, il campionato per auto senza pilota

NVIDIA PX 2 nelle auto di Roborace, il campionato per auto senza pilota

Durante il GTC 2016 NVIDIA ha annunciato nuove tecnologie di HD mapping e AI driving rivolte alle auto senza pilota.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 20:34 nel canale Tecnologia
NVIDIA
 

Il prossimo step nel mondo dell'automotive riguarda sicuramente la guida artificiale e, nello specifico, il Deep Learning nelle auto a guida autonoma. Per garantire la massima sicurezza, però, serve affinare almeno due componenti: ovvero HD Mapping e AI Driving. Ovvero, i sistemi informatici a bordo di questi sistemi devono essere in grado di scansionare in maniera dettagliata la realtà e trovare autonomamente le soluzioni adeguate in base a ogni circostanza.

NVIDIA PX 2

Serve molta capacità di calcolo per scansionare le immagini ricavate dalle telecamere a bordo delle auto che NVIDIA è pronta a fornire con la piattaforma di Deep Learning per le auto NVIDIA PX 2. Già annunciata al CES 2016, PX 2 si basa su due GPU con architettura Pascal non ancora annunciate ufficialmente.

NVIDIA PX 2

DRIVE PX 2 può processare gli imput di 12 videocamere, oltre al LIDAR (light detection & ranging), ai radar e ai sensori a ultrasuoni. Combina poi tutte queste informazioni per individuare gli oggetti accuratamente, capire cosa sono, determinare la posizione dell'auto rispetto a essi e, infine, calcolare il percorso migliore.

NVIDIA PX 2

Jensen ha anche annunciato che NVIDIA parteciperà al Roborace, il campionato per auto senza pilota che vedrà sfrecciare bolidi capaci di raggiungere i 300 km/h e che inizierà nel 2017. Tutte le auto di questo campionato saranno basate sulla tecnologia PX 2 di NVIDIA. La compagnia di San Josè sarà coinvolta anche nella Formula E con le sue tecnologie di deep learning applicate all'automotive.

Di seguito il recap degli annunci fatti da NVIDIA al keynote di apertura del GTC 2016.

NVIDIA PX 2

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
+Benito+05 Aprile 2016, 22:57 #1
sì buonanotte 300 all'ora. sarà tanto se arriveranno a 200.
TheSim06 Aprile 2016, 09:09 #2
Originariamente inviato da: +Benito+
sì buonanotte 300 all'ora. sarà tanto se arriveranno a 200.


i 200km/h li supera l'audi rs7 a guida autonoma su pista, non vedo perchè queste non dovrebbero avere punte di velocità ben superiori visto che sono progettate per le gare.
roccia123406 Aprile 2016, 09:39 #3
Originariamente inviato da: +Benito+
sì buonanotte 300 all'ora. sarà tanto se arriveranno a 200.


Perchè?

Sono su un percorso arcinoto (pista), ambiente controllato, nessun imprevisto (pedoni che attraversano, ad esempio), auto tutte dal comportamento prevedibile e programmato...

Possono scatenarsi senza problemi e con ben pochi rischi.
kamon06 Aprile 2016, 10:49 #4
Ma... Che cavolo di senso ha un campionato di corse automobilistiche senza pilota? Non sarebbe un pò come un fight club per hippy o sanremo per sordomuti, o ancora un porno per robot?
+Benito+06 Aprile 2016, 12:32 #5
Originariamente inviato da: roccia1234
Perchè?

Sono su un percorso arcinoto (pista), ambiente controllato, nessun imprevisto (pedoni che attraversano, ad esempio), auto tutte dal comportamento prevedibile e programmato...

Possono scatenarsi senza problemi e con ben pochi rischi.


ci sono solo le altre auto che devono essere sorpassate....a 300 all'ora la dinamica del veicolo e i tempi di intervento sono un tantino esasperati per essere una serie sperimentale. Frognerebbero tutte le macchine il primo giro se viaggiassero a 300 all'ora.
roccia123406 Aprile 2016, 13:51 #6
Originariamente inviato da: +Benito+
ci sono solo le altre auto che devono essere sorpassate....a 300 all'ora la dinamica del veicolo e i tempi di intervento sono un tantino esasperati per essere una serie sperimentale. Frognerebbero tutte le macchine il primo giro se viaggiassero a 300 all'ora.


I tempi di intervento sono l'ultimo dei problemi di un sistema elettronico, quando la controparte è l'essere umano. Tradotto: se una persona ha riflessi sufficientemente rapidi, anche il sistema elettronico sarà all'altezza.

Riguardo la dinamica del veicolo... è da svariati anni che ci sono sistemi elettronici che gestiscono proprio quella per correggere gli errori dell'essere umano di turno... ma non solo nel settore automotive.

Per me è una cosa fattibilissima, anzi, ottimizzando a dovere il software (veicolo permettendo, ovviamente) secondo me si possono ottimizzare all'estremo traiettorie, velocità nei singoli tratti, staccate al limite, accelerazioni altrettanto al limite... e in ultimo il tempo su giro.

Secondo me, una F1 con un software simile, straccerebbe qualunque record fatto da piloti umani (a parità di auto, tracciato e condizioni, ovviamente), proprio perchè si può ottimizzare in maniera estremamente fine e l'elettronica/automatismo sa essere estremamente più precisa, rapida e reattiva di un essere umano.
+Benito+06 Aprile 2016, 17:19 #7
se fossi in pista da solo sono d'accordo, con altri per niente. Tutti hanno la strategia di essere più veloci per cui in ogni istante il software deve analizzare non solo quello che vorrebbe fare lui per andare più veloce, ma anche quello che stanno facendo gli altri, capirlo, e decidere di conseguenza. E' questa la difficoltà della guida autonoma, non certo pilotare il veicolo in sè.
roccia123406 Aprile 2016, 17:46 #8
Originariamente inviato da: +Benito+
se fossi in pista da solo sono d'accordo, con altri per niente. Tutti hanno la strategia di essere più veloci per cui in ogni istante il software deve analizzare non solo quello che vorrebbe fare lui per andare più veloce, ma anche quello che stanno facendo gli altri, capirlo, e decidere di conseguenza. E' questa la difficoltà della guida autonoma, non certo pilotare il veicolo in sè.


Sicuramente... ma se già i veicoli di google si sono comportati egregiamente per tutti quei km (non ricordo i numero esatto, ma eravamo intorno alle 7 cifre se non sbaglio) su strada pubblica, non ho dubbi che riescano a fare auto dal comportamento altrettanto corretto su pista.

Contando che su strada pubblica hai cose "random" come incroci, semafori, rotonde, passaggi pedonali, attraversamento di cose/animali/persone, situazioni in cui dare la precedenza, il pirla che non ti dà la precedenza, quello che fa manovre alla cavolo, quello che esce dal parcheggio/viottolo senza guardare, ecc ecc ecc ecc. Cose completamente assenti su pista.

In pista hai un percorso ben determinato, "continuo" (nessun semaforo, incrocio, rotonda, ecc ecc), senza alcuna interruzione o evento casuale, tutti i veicoli si comportano in maniera più o meno prevedibile (devono fare sempre quello stesso percorso), c'è un numero ben determinato di veicoli.

Per dire quello che si può fare, oggi, con algoritmi ad hoc, un esempio tra molti:
https://www.youtube.com/watch?v=w2i...p;nohtml5=False

Vuoi che una ""banale"" gara automobilistica non sia alla portata?
+Benito+06 Aprile 2016, 17:52 #9
Dai se fanno una corsa a 300 all'ora e si schiantano tutti mi offrirai una birra, se no te la offrirò io.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^