Opel Corsa-e: grazie agli incentivi prezzi che partono da meno di 20.000€

Opel Corsa-e: grazie agli incentivi prezzi che partono da meno di 20.000€

Opel vuole rendere democratico l'accesso al mondo dei veicoli completamente elettrici: Corsa-e, la nuova arrivata, può essere acquistata a meno di 20.000€ sfruttando incentivi statali e promozioni della casa produttrice

di pubblicata il , alle 10:41 nel canale Tecnologia
OpelCorsa-e
 
34 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
BulletHe@d16 Luglio 2020, 14:44 #11
partiamo dal presupposto che finchè le utilitarie (e SPECIFICO utilitarie non le citycar tipo smart e simili oppure citysuv minisuv etc. ) non costeranno come le controparti termiche o cmq vicino i 10-12k € rimarranno solo dei bei giocattolini inaccessibili alla massa che è quella che effettivamente compra. Leggere che una corsa elettrica incentivi inclusi costa sotto i 20k è inammissibile una macchina che normalmente non dovrebbe andare oltre i 12k ma siamo pazzi alla massa non interessa ammortare ricerca e sviluppo interessa prendere la macchina più economica rapportata la motore e dotazione ma sopratutto le utilitarie sono le auto per le famiglie la cosidetta auto unica ottima in città ma che permette anche di fare qualche viaggetto in 5 in comodità e bagagliaio sufficiente ma attualmente una macchina elettrica così nn esiste a prezzi umani la corsa (stessa fascia di punto e di 208) nn può in variante full elettrica costare quanto una classe b a quel prezzo ti prendi una golf gt non so se rendo l'idea se vogliono la rivoluzione devono produrre utilitarie elettriche a prezzi da utilitarie e non auto elettriche a prezzi da ricchi (8k per una smart-e o renault zoe sono per figli di papa e basta non per l'operaio che va in fabbrica tutti i giorni o l'insegnante pendolare tutti i giorni che per arrivare in orario a lavoro nn può prendere mezzi pubblici perchè nn ci sono corse che arrivino in orario)

Scusate il WoT ma mi infervoro sempre su questo argomento
Vinve_dlk16 Luglio 2020, 15:39 #12
Sicuramente il prezzo non è bassissimo, ma la nuova Toyota Yaris Hybrid Active parte da 20.550 euro.
Magari è con questo segmento che deve scontrarsi.
BulletHe@d16 Luglio 2020, 15:48 #13
ma parliamo sempre di utilitarie, yaris punto corsa 208 sono utilitarie non auto premium o segmento b tipo la golf e a3, le utilitarie sono auto da famiglia il segmento più venduto proprio perchè economiche ma abbastanza dotate ad uso 360° non si può pretendere di far esplodere le elettriche se si punta a segmenti premium o comunque non di fascia primaria (minisuv citycar etc.) inoltre non puoi spacciare utilitare al costo di una a3 sline solo perchè elettriche, ribadisco in italia un operaio nn punterà mai ad una full elettrica sia per autonomia sia per costo auto finche nn venderanno utilitarie full elettriche sulla fascia dei 10k nn esploderanno mai ad ora le full elettric sono ottime solo come seconde auto ma non come unica auto di famiglia o se ci sono modelli che per autonomia ci si avvicinano nn le si possono usare per via o dello spazio inferiore o del prezzo troppo alto rispetto ad una utilitaria normale
Mparlav16 Luglio 2020, 17:30 #14
Originariamente inviato da: Apix_1024

e lo smaltimento delle batterie? le elettriche dislocano solo la produzione della CO2 dal centro abitato alla zona delle centrali... che poi come la si produce mediamente l'elettricità? la parte ricavata da fonti rinnovabili è ancora una percentuale irrisoria. le elettriche odierne sono un bel giochino, ma tutto fuorché ecologiche!


Le batterie vengono prima riutilizzate per anni nei sistemi d'accumulo per il fotovoltaico e poi riciclate dai produttori.
La produzione elettrica delle centrali termiche, compreso il gas, è più efficiente e meno inquinante di quella nei motori endotermici.
Estrarre petrolio, trasportare, raffinare, ritrasportare e soprattutto bruciare nel motore nelle auto è più inquinante e meno efficiente.

La produzione da fonti rinnovabili non è affatto irrisoria.

E l'intera filiera di produzione, uso e smaltimento finale di un auto elettrica è più ecologica di quella di un auto endotermica.
Vinve_dlk16 Luglio 2020, 17:46 #15
Originariamente inviato da: Mparlav
Le batterie vengono prima riutilizzate per anni nei sistemi d'accumulo per il fotovoltaico e poi riciclate dai produttori.
La produzione elettrica delle centrali termiche, compreso il gas, è più efficiente e meno inquinante di quella nei motori endotermici.
Estrarre petrolio, trasportare, raffinare, ritrasportare e soprattutto bruciare nel motore nelle auto è più inquinante e meno efficiente.

La produzione da fonti rinnovabili non è affatto irrisoria.

E l'intera filiera di produzione, uso e smaltimento finale di un auto elettrica è più ecologica di quella di un auto endotermica.


Anche io la vedo così, ma qualcuno ha qualche articolo che spieghi la cosa, anche in inglese?
Io su questo argomento trovo solo "pareri" su blog e mai ricerche serie.
Mparlav16 Luglio 2020, 17:56 #16
Originariamente inviato da: Vinve_dlk
Anche io la vedo così, ma qualcuno ha qualche articolo che spieghi la cosa, anche in inglese?
Io su questo argomento trovo solo "pareri" su blog e mai ricerche serie.


Giusto per l'ultima parte che riguarda il ciclo vitale dell'auto, con ipotesi di 100, 150 e 250.000 Km:
https://sustain.ubc.ca/sites/defaul...les_Kukreja.pdf

Sulla quota di produzione da rinnovabili in "realtime" faccio l'esempio del mix di produzione della Germania:
https://www.energy-charts.de/energy...th=8&day=15

per quello dell'Italia ci sono i dati di Terna
Stefano Landau17 Luglio 2020, 00:18 #17

Troppo pochi iKM! ferraglia inutile. Voglio 600 km (almeno)

Io attualmente ho una polo 1.4 euro 4 del 2001. con 172.000 km.

In Città non la uso. La uso per la gita della domenica o del week-end per andare a camminare in montagna. vuol dire fare anche 400 km nella singola giornata e 600 nel week-end, spesso a pieno carico, spesso lasciando la macchina nel nulla a 2000 metri di quota (di inverno è facile trovare anche -20 di temperatura)

Con la mia polo se sto attento (ma nemmeno troppo) faccio tra i 650 ed i 700 km con un pieno da 45 litri di benzina....... ma dove vado con una macchina che fa un terzo della strada nel caso reale...... ancora troppo poco!

Marok17 Luglio 2020, 08:45 #18

Elettrico inutile ma redditizio

Mi sto veramente incavolando con tutto il mondo dell'automobile. Le case stanno spingendo a manetta l'elettrico che è TOTALMENTE inutile per il 95% della popolazione e stanno dismettendo il metano che è la soluzione più green! Grandi paroloni sull'abbandono del diesel e poi i prezzi calano abbestia (il diesel va giù, ma il metano che è legato comunque al costo della benzina resta alto). È palese che le case stanno adottando una politica "vado dove guadagno di più" ma a tutto discoapito del consumatore che non ha più il metano come scelta (la migliore!), l'elettrico non è praticabile sia come costi che come tempi e luoghi di ricarica, ne come disponibilità centraline di ricarica. Cosa resta al conumatore finale? Il maledetto diesel.... Son proprio inqualificabili...disgustato!
Apix_102417 Luglio 2020, 09:07 #19
Originariamente inviato da: Mparlav
Le batterie vengono prima riutilizzate per anni nei sistemi d'accumulo per il fotovoltaico e poi riciclate dai produttori.
La produzione elettrica delle centrali termiche, compreso il gas, è più efficiente e meno inquinante di quella nei motori endotermici.
Estrarre petrolio, trasportare, raffinare, ritrasportare e soprattutto bruciare nel motore nelle auto è più inquinante e meno efficiente.

La produzione da fonti rinnovabili non è affatto irrisoria.

E l'intera filiera di produzione, uso e smaltimento finale di un auto elettrica è più ecologica di quella di un auto endotermica.


I materiali che servono per la costruzione delle batterie non sono reciclabili al 100%, ok non lo sono neppure acciaio e alluminio, ma l'impatto ecologico del litio e dei suoi sali è ben diverso da quello del ferro e dell'alluminio. Adesso le batterie esauste delle auto dici vengano impiegate per fotovoltaico, ci può stare. Ma se supponessimo un parco al 80% elettrico con tutte quelle batterie potremmo ricoprirci Marte di pannelli...
Che la filiera del petrolio sia poco efficiente è un dato di fatto, che il motore endotermico sia poco efficiente è un altro dato di fatto, ma ad oggi la potenza elettrica dell'attuale rete non è sufficiente per gestire un parco auto elettrico. Ricordo sempre i blackout italiani nei mesi estivi quando si accendevano i condizionatori... figurarsi a dover caricare tutti delle batterie di notte... per il livello tecnologico offerto oggi le auto elettriche non sono appetibili. ok avranno un vantaggio ecologico ma non è giustificabile doverlo pagare così salato. un'opel corsa a 20mila euro è fuori mercato, totalmente!
poi sarò io quello sbagliato che gira con una vettura che ha 13 anni ed è un euro 4 (e sopra ci si sta comodi in 4 con valige annesse x due settimane di montagna), ma 20 mila euro per una scatoletta di tonno elettrica non li ho da spendere.
aggiungo che se davvero si volesse fare una scelta ecologica sarebbe da puntare su trasporto pubblico decente, spostamenti in bici e/o a piedi ma in italia sono due argomenti che non fanno breccia. Gli spostamenti lavorativi in Italia sono fatti ancora troppo su trasporto privato (ed io fino a 2 anni fa c'ero dentro in pieno con 55000km/anno solo per andare e tornare dal lavoro), proprio perchè il trasporto pubblico è totalmente inadeguato con gli orari lavorativi.
cronos199017 Luglio 2020, 09:13 #20
Originariamente inviato da: kamon
la finiamo nel medioevo o diventiamo Di Battista (e non so cosa sia peggio).
Un Di Battista medievale

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^