Opel Corsa-e: grazie agli incentivi prezzi che partono da meno di 20.000€

Opel Corsa-e: grazie agli incentivi prezzi che partono da meno di 20.000€

Opel vuole rendere democratico l'accesso al mondo dei veicoli completamente elettrici: Corsa-e, la nuova arrivata, può essere acquistata a meno di 20.000€ sfruttando incentivi statali e promozioni della casa produttrice

di pubblicata il , alle 10:41 nel canale Tecnologia
OpelCorsa-e
 

Le prime consegne ai clienti italiani di Opel Corsa-e si stanno effettuando proprio in questi giorni. Il nuovo veicolo completamente elettrico di classe B di Opel punta a rendere per certi versi più democratico l'accesso ai veicoli elettrici, forte di una batteria capiente (50kW), di un motore potente (100kW) che la rende pronta ai comandi e scattante e di un prezzo che, abbinando incentivi statali e promozioni Opel, parte da meno di 20.000€.

La piattaforma utilizzata è quella comune alle versioni con motori termici, modificata per adattarla al meglio alle peculiarità dell'elettrico. Le batterie, per un totale di 50kW di capacità, sono installate sotto i sedili con il volume maggiore occupato dal divano posteriore: in questo modo il baricentro del veicolo resta il più basso possibile, a tutto vantaggio della guida, limitando il sacrificio in termini di spazio sottratto al bagagliaio.

Il sistema di ricarica installato in Corsa-e prevede supporto ai tradizionali sistemi monofase, via connettore tipo 2, accanto a connessione in corrente continua sino a 100kW quale massimo. I tempi di ricarica completa variano sensibilmente, passando dalle 30 ore e 30 minuti della presa domestica da 1,8kW alle 7 ore e mezza richieste con una connessione da 7,4kW in monofase. Quale optional è possibile dotare Corsa-e di un caricatore trifase da 11kW quale massimo, che riduce il tempo di ricarica completo a 5 ore e 15 minuti.

Servendosi infine di una stazione di ricarica in corrente continua il tempo si riduce sensibilmente: con una da 100kW servono 30 minuti per portare la batteria all'80% della capacità complessiva, con un tempo di ricarica stimato in 12 minuti ogni 100Km di autonomia fornita. Con una connessione in corrente continua a 50kW la ricarica all'80% viene raggiunta in 60 minuti, con un tempo di ricarica per 100km di autonomia che passa a 19 minuti.

In un mercato che vede tutte le case automobilistiche mettere in atto, in questo atipico 2020, una propria strategia per veicoli ad alimentazione elettrica Opel vuole con Corsa-e rendere questa opzione di trasporto accessibile ad un numero sempre più ampio di utenti. L'autonomia dichiarata, pari a 337Km in ciclo WLTP, è compatibile con buona parte degli scenari d'uso tipici di un veicolo: dimensioni interne ed esterne sono un buon compromesso tra la facilità di movimento in spazio urbano e la capacità di trasporto di persone e oggetti.

34 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
kamon16 Luglio 2020, 11:05 #1
Proprio qualche giorno fa sul canale youtube di automoto.it ho visto che per i residenti di Milano tra incentivi statali e comunali è possibile prendere una smart elettrica a 8100€... Mica male
Ragerino16 Luglio 2020, 11:28 #2
Originariamente inviato da: kamon
Proprio qualche giorno fa sul canale youtube di automoto.it ho visto che per i residenti di Milano tra incentivi statali e comunali è possibile prendere una smart elettrica a 8100€... Mica male



E' bello pagare con le nostre tasse le auto per chi se le può permettere.

Gli incentivi sono una bella fregatura da questo punto di vista.
gino4616 Luglio 2020, 11:32 #3
Capisco che riprogettare da zero un veicolo, comporti costi stratosferici, ma prendere un telaio progettato per un motore termico e adattarlo ad un motore elettrico, due mondi totalmente diversi, porta solamente a compromessi. Una macchina elettrica necessità di un telaio progettato per quel fine punto.
mantelvaviz16 Luglio 2020, 11:52 #4
Originariamente inviato da: Ragerino
E' bello pagare con le nostre tasse le auto per chi se le può permettere.

Gli incentivi sono una bella fregatura da questo punto di vista.


I centri urbani nelle aree più inquinate non possono che fare così al momento: o proibiscono del tutto il trasporto privato in area urbana (improbabile) o incentivano la transizione del trasporto privato a mezzi che non producono particolato inquinante durante il transito in area urbana.

Con questi incentivi mi sembra di capire che il costo di possesso di un veicolo elettrico possa scendere sotto i 2000€ all'anno (escluse le spese per chilometraggio) che diventa una quota decisamente accessibile.
kamon16 Luglio 2020, 12:24 #5
Originariamente inviato da: Ragerino
E' bello pagare con le nostre tasse le auto per chi se le può permettere.

Gli incentivi sono una bella fregatura da questo punto di vista.


Vabbè dai questo discorso si può fare praticamente con tutto, se ci lamentiamo in maniera sterile ogni volta che lo stato e i comuni erogano degli incentivi per qualcosa che non sia mangiare, la finiamo nel medioevo o diventiamo Di Battista (e non so cosa sia peggio).
Che si immatricolino auto nuove fa bene alla collettività sotto tanti punti di vista, a maggior ragione se più ecologiche e soprattutto nelle grandi città inquinate come Milano.
Tedturb016 Luglio 2020, 12:48 #6
Originariamente inviato da: kamon
Vabbè dai questo discorso si può fare praticamente con tutto, se ci lamentiamo in maniera sterile ogni volta che lo stato e i comuni erogano degli incentivi per qualcosa che non sia mangiare, la finiamo nel medioevo o diventiamo Di Battista (e non so cosa sia peggio).
Che si immatricolino auto nuove fa bene alla collettività sotto tanti punti di vista, a maggior ragione se più ecologiche e soprattutto nelle grandi città inquinate come Milano.


Ma anche no.
Metano e pedalare.
Tanto piu che le elettriche di oggi sono un inutile spreco di risorse.
Se la tecnologia delle batterie migliorera' abbastanza, magari se ne puo parlare.
kamon16 Luglio 2020, 13:08 #7
Originariamente inviato da: Tedturb0
Ma anche no.
Metano e pedalare.
Tanto piu che le elettriche di oggi sono un inutile spreco di risorse.
Se la tecnologia delle batterie migliorera' abbastanza, magari se ne puo parlare.


Lasciamo perdere i discorsi sulla produzione, limitiamoci alla vivibilità delle città, nell'ambito automobilistico già oggi le elettriche sono la soluzione più silenziosa e meno inquinante per la città dove circolano, questo è fuori da ogni dubbio, poi gli incentivi di cui sopra se pure in proporzioni diverse valgono per tutti i tipi di propulsione, purché siano euro 6.
Apix_102416 Luglio 2020, 13:32 #8
Originariamente inviato da: Tedturb0
Ma anche no.
Metano e pedalare.
Tanto piu che le elettriche di oggi sono un inutile spreco di risorse.
Se la tecnologia delle batterie migliorera' abbastanza, magari se ne puo parlare.


concordo!

Originariamente inviato da: kamon
Lasciamo perdere i discorsi sulla produzione, limitiamoci alla vivibilità delle città, nell'ambito automobilistico già oggi le elettriche sono la soluzione più silenziosa e meno inquinante per la città dove circolano, questo è fuori da ogni dubbio, poi gli incentivi di cui sopra se pure in proporzioni diverse valgono per tutti i tipi di propunsione, purché siano euro 6.


e lo smaltimento delle batterie? le elettriche dislocano solo la produzione della CO2 dal centro abitato alla zona delle centrali... che poi come la si produce mediamente l'elettricità? la parte ricavata da fonti rinnovabili è ancora una percentuale irrisoria. le elettriche odierne sono un bel giochino, ma tutto fuorché ecologiche!
kamon16 Luglio 2020, 13:46 #9
Originariamente inviato da: Apix_1024
e lo smaltimento delle batterie? le elettriche dislocano solo la produzione della CO2 dal centro abitato alla zona delle centrali... che poi come la si produce mediamente l'elettricità? la parte ricavata da fonti rinnovabili è ancora una percentuale irrisoria. le elettriche odierne sono un bel giochino, ma tutto fuorché ecologiche!


Esatto, io sto parlando del fatto i veicoli elettrici migliorano la vita nelle città e voi cacciate fuori la produzione e lo smaltimento delle batterie che oltre a non centrare un tubo con quello che ho detto, per quanto ne so difficilmente avviene a Milano centro... Non ce la facciamo mai a dividere le due questioni, ogni volta che si parla di auto elettriche finisce così.
ferste16 Luglio 2020, 13:50 #10
Originariamente inviato da: Apix_1024
e lo smaltimento delle batterie? le elettriche dislocano solo la produzione della CO2 dal centro abitato alla zona delle centrali... che poi come la si produce mediamente l'elettricità? la parte ricavata da fonti rinnovabili è ancora una percentuale irrisoria. le elettriche odierne sono un bel giochino, ma tutto fuorché ecologiche!


Io sono preoccupato dei cambiamenti climatici, della CO2, della desertificazione e dell'opossum della foresta amazzonica in via di estinzione, ma mi preoccupo molto di più della schifezza che respiro scendendo in strada, e che probabilmente mi ucciderà molto prima dei cambiamenti climatici...e almeno su quello il veicolo elettrico è sicuramente un netto vantaggio.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^