Panasonic presenta il megafono che traduce in simultanea

Panasonic presenta il megafono che traduce in simultanea

L'azienda giapponese ha presentato un prototipo del megafono del futuro. Permette la traduzione automatica fino a tre lingue: cinese, inglese e coreano semplicemente parlando su di esso.

di Bruno Mucciarelli pubblicata il , alle 10:31 nel canale Tecnologia
Panasonic
 

Google ha permesso di raggiungere un livello superiore nelle traduzioni grazie al suo algoritmo sempre più preciso. L'azienda di Mountain View però non sembra essere l'unica ad interessarsi al mondo delle traduzioni visto che a partire dal prossimo mese di dicembre, Panasonic fornirà un megafono in grado di effettuare automaticamente la traduzione di quanto pronunciato in tre diverse lingue: cinese, inglese e coreano.

L'azienda giapponese ha dichiarato come una soluzione di questo tipo potrebbe essere impiegata nelle stazioni ferroviarie, negli aeroporti e in qualunque altra situazione di emergenza in cui si ha la necessità di comunicare con turisti e viaggiatori. L’obiettivo di Panasonic è quello di commercializzarne almeno 10.000 unità entro il 2018, in modo tale da assicurare al progetto una sostenibilità dal punto di vista economico ed un possibile sviluppo successivo su larga scala.

Al momento il megafono permette di tradurre circa 300 frasi preimpostate. Frasi che solitamente vengono utilizzate per fornire informazioni e richiamare l’attenzione del pubblico in situazioni di emergenza o in luoghi con molta gente. Il suo funzionamento è quanto mai facile ed immediato visto che basterà parlare nel megafono e lo stesso riconoscerà quanto pronunciato traducendolo istantaneamente, per poi riprodurlo nelle tre lingue preimpostate ossia il cinese, inglese e coreano. Panasonic assicura che la tecnologia utilizzata è in grado di funzionare in maniera impeccabile anche nelle situazioni più caotiche ossia con un importante rumore di fondo. Grazie alla presenza di un display touchscreen integrato è possibile aggiungere velocemente anche altre frasi oltre ad ottenere mediante una connessione Internet aggiornamenti successivi.

Interessante anche la scelta da parte di Panasonic di non commercializzare direttamente con la vendita il megafono ma di realizzare piani di noleggio: 183 dollari che equivalgono a circa 172 euro al mese con la sottoscrizione di un contratto della durata minima pari a tre anni. Sarà disponibile per i primi paesi interessati a partire dal prossimo 20 dicembre con l'intenzione futura di aggiungere anche altre lingue.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
roccia123419 Novembre 2016, 10:45 #1
Al momento il megafono permette di tradurre circa 300 frasi preimpostate.


Questa frase ha reso inutile la notizia...

Non traduce un bel niente, tantomeno in simultanea: semplicemente è un riconoscimento vocale unito ad una sintesi vocale ed un database di frasi.

E io che speravo in qualcosa di nuovo
Dumah Brazorf19 Novembre 2016, 12:07 #2
Sembra quasi che abbiano ficcato uno smartphone nella scocca e collegato microfono e uscita al megafono.
roccia123419 Novembre 2016, 13:01 #3
Originariamente inviato da: Dumah Brazorf
Sembra quasi che abbiano ficcato uno smartphone nella scocca e collegato microfono e uscita al megafono.


Beh... alla fine è quello...
Quello che fa quel megafono potrebbe essere benissimo fatto da uno smartphone con un'app apposita.

Riconoscimento vocale? C'è su qualunque smartphone da anni
Confrontare la frase (in output dal riconoscimento vocale) con una serie di frasi in un database e dare in output la corrispondente frase nella lingua X? Potrebbe farlo anche uno studente del liceo (che non sia una capra).
Pronunciare la frase nella lingua X in output? La sintesi vocale c'è da anni, anzi, è arrivata a livelli davvero elevatissimi.
calabar19 Novembre 2016, 14:38 #4
Bella ciofeca... e pure cara!
Con sole tre lingue e 300 frasi preimpostate, si fa prima a dare il lavoro a qualcuno che sia in grado di tradurre per conto proprio.
1mp3r4t0r20 Novembre 2016, 02:51 #5
Originariamente inviato da: roccia1234
Confrontare la frase (in output dal riconoscimento vocale) con una serie di frasi in un database e dare in output la corrispondente frase nella lingua X? Potrebbe farlo anche uno studente del liceo (che non sia una capra).

Certamente, infatti la è stato sviluppato dalla sezione liceale dell'azienda. Poi che qui sul forum, e al di fuori di esso, siano tutti in grado di farlo, è un altro discorso. Loro hanno in media 15 anni, è un bel traguardo.
Originariamente inviato da: calabar
Con sole tre lingue e 300 frasi preimpostate, si fa prima a dare il lavoro a qualcuno che sia in grado di tradurre per conto proprio.

È un'ottima idea, non capisco perché non ci abbiano pensato: due interpreti che accompagnino costantamente lo staff di aeroporti e stazioni, e nel caso si verifichi un'emergenza, traducano con proprio megafono tutto quello che viene detto.


... dai su, un minimo di sforzo nell'avere un senso critico un minimo più avveduto...


È interessante la possibilità di personalizzare il database, rendendolo adattabile a diverse situazioni. Rimane il fatto che il prezzo pare eccessivo.
roccia123420 Novembre 2016, 09:43 #6
Originariamente inviato da: 1mp3r4t0r
Certamente, infatti la è stato sviluppato dalla sezione liceale dell'azienda. Poi che qui sul forum, e al di fuori di esso, siano tutti in grado di farlo, è un altro discorso. Loro hanno in media 15 anni, è un bel traguardo.


È inutile fare ironia da quattro soldi.

Quella fase, ovvero il confrontare una variabile in input con tot. campi di un database e trovare il corrispondente è, a livello di programmazione, di una banalità estrema.


Non sto dicendo che questo megafono sia una cazzata, anzi, è una bella idea... il mio punto era tutto sul fatto che il titolo è completamente fuorviante, perchè questo NON è un traduttore in simultanea.
1mp3r4t0r20 Novembre 2016, 10:27 #7
Originariamente inviato da: roccia1234
È inutile fare ironia da quattro soldi.

È semplice ironia in risposta ad altra "ironia", non darei per forza più valore a una delle due.

Originariamente inviato da: roccia1234
Quella fase, ovvero il confrontare una variabile in input con tot. campi di un database e trovare il corrispondente è, a livello di programmazione, di una banalità estrema.

D'accordo sul fatto che chiunque si sia anche solo interessato alla programmazione sa che querare un tabella alla ricerca del record corrispettivo alla variabile interessata sia basilare e banale in ogni rdbms.
Ma non è questo il caso, entrando in ballo diversi algoritmi che potrebbero oltretutto (ma anche non) essere proprietari: fondamentalmente anche solo l'essere in grado di confrontare voci completamente diverse e riconoscere correttamente i fonemi, o riuscire a farlo eliminando i rumori di fondo.
Assolutamente nulla di fantascientifico e fattibile anche con strumenti gratuiti, ma da qui a dire che qualsiasi liceale "non capra" sia in grado di farlo...


Nessuno ha sostenuto tu stessi implicando che il megafono in questione è una cazzata, e il titolo può essere fuorviante, ma perché generalizza sulla funzionalità dell'oggetto: è comunque traduzione, anche se rudimentale e molto limitata. Dopotutto, la traduzione si basa proprio sul confronto di database tramite algoritmi sempre più complessi.
calabar20 Novembre 2016, 11:42 #8
Originariamente inviato da: 1mp3r4t0r
È un'ottima idea, non capisco perché non ci abbiano pensato: due interpreti che accompagnino costantamente lo staff di aeroporti e stazioni, e nel caso si verifichi un'emergenza, traducano con proprio megafono tutto quello che viene detto.

Non serve far accompagnare lo speaker da due traduttori, basta assumere come speaker uno che sappia parlare le tre lingue in oggetto: non credo sia una qualifica così rara, anche perchè per dire 300 frasi preimpostate non serve neppure un ottimo traduttore, ma una persona con discreta conoscenza della lingua che si assicuri di saper tradurre quelle frasi.

Quello che intendevo dire comunque è che questo oggetto è così poco versatile che conviene ancora utilizzare una persona al suo posto. Anche perchè il suo costo non è banale, e mi sembra preferibile spendere quei soldi in più per una persona qualificata che è anche in grado di offrire di più di quanto faccia questo megafono.
Quando sarà realmente in grado di tradurre quanto si dice, allora si diventerà più interessante.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^