Polestar 2: rivelato il prezzo dell'auto elettrica di Volvo, rivale di Tesla Model 3

Polestar 2: rivelato il prezzo dell'auto elettrica di Volvo, rivale di Tesla Model 3

Volvo ha rivelato il prezzo per l'Europa di Polestar 2, l'auto elettrica concorrente di Tesla Model 3, che non sfora quindi la soglia dei 60 mila Euro

di pubblicata il , alle 14:01 nel canale Tecnologia
Volvo
 

Volvo ha annunciato che Polestar 2, il nuovo veicolo completamente elettrico del marchio, arriverà sui mercati di Norvegia, Svezia, Germania, Regno Unito, Paesi Bassi e Belgio con prezzi che variano da 46.000 a 60.650 euro. I più fortunati sono i clienti norvegesi, che potranno acquistare la Polestar 2 al prezzo più basso: non è certo una novità considerata la diffusione delle auto elettriche in Norvegia, il principale mercato in Europa per la mobilità elettrica. Per gli svedesi, invece, serviranno 60.650 euro.

La nuova Polestar è un veicolo molto interessante, che si prefigura come rivale di Tesla Model 3. La Polestar 2 ha un motore elettrico alimentato da batterie da 78 chilowattora, capace di erogare 408 cavalli con una coppia di 660 newtonmetri. La potenza di questo motore è di 300kW. Il tutto con un'autonomia dichiarata di 500 chilometri, misurata nel ciclo d’omologazione Wltp.

Il prezzo Polestar 2 include l'IVA e 3 anni di assistenza e manutenzione ordinaria in tutti i territori coperti. Le configurazioni di Polestar 2 messe a disposizione in Europa sono a trazione integrale. Per quanto riguarda il confronto con la Model 3, le specifiche tecniche sono molto simili fra le due auto. Sia per quanto riguarda la capacità della batteria che la potenza della motore, rispettivamente di 75 kWh e di 311kW nel caso della Model 3 nella versione Long Range. Anche i prezzi saranno molto ravvicinati, praticamente speculari in tutti i mercati e leggermente più elevati in Germania e nel Regno Unito, dove l'auto di Tesla sarà più caria rispettivamente di 8 mila e 3 mila Euro.

La Polestar 2 si ricaricherà a 150 kW, mentre le recenti Model 3 negli Usa possono ricaricarsi anche a 250 kW. La vettura di Volvo sarà poi dotata di una serie di soluzioni di assistenza alla guida, di un ampio tetto panoramico e si aprirà tramite lo smartphone. Inoltre, ci sarà un'interfaccia utente unica sviluppata con Google, il che offrirà un'esperienza migliore rispetto alle altre UI tipiche delle auto.

Volvo prevede di ricalcare anche le modalità di vendita di Tesla, che si serve del proprio sito online piuttosto che fare affidamento esclusivamente sulla tradizionale filiera che fa capo ai rivenditori fisici. La nuova auto elettrica, nei territori dove è previsto il lancio, può essere adesso prenotata tramite il sito ufficiale di Polestar, con la produzione in massa che dovrebbe partire dall'inizio del prossimo anno. Le prime consegne sono previste per il mese di giugno.

Con il marchio Polestar, Volvo intende competere in maniera seria nel segmento della propulsione elettrica, e non solo, fornendo un veicolo il più possibile conveniente da più punti di vista. I progettisti di Volvo, inoltre, hanno già iniziato a lavorare su Polestar 3, anch’essa a trazione solamente elettrica. Il primo modello del brand, Polestar 1, era mosso invece da un propulsore ibrido plug in 2.0 a benzina da 600 cavalli.

Polestar è il brand utilizzato tradizionalmente da Volvo per identificare le sue vetture ad alte prestazioni. La casa automobilistica svedese ha recentemente deciso di rilanciarlo, indirizzandolo però alle sue iniziative nel settore dei veicoli elettrici. Ne abbiamo già parlato qui.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Apix_102407 Ottobre 2019, 14:02 #1
La nuova Polestar è un veicolo molto interessante, che si prefigura come rivale di Tesla Model 3. La Polestar 2 ha un motore elettrico alimentato da batterie da 78 chilowattora, capace di erogare 408 cavalli con una coppia di 660 newtonmetri. La potenza di questa batteria è di 300kW. Il tutto con un'autonomia dichiarata di 500 chilometri, misurata nel ciclo d’omologazione Wltp.

la potenza della batteria a cosa serve? sarà al potenza del motore elettrico....
Paganetor07 Ottobre 2019, 14:22 #2
c'è un po' di confusione con numeri e unità di misura...
MikTaeTrioR07 Ottobre 2019, 14:27 #3
ma l'autopilot?
Zurlo07 Ottobre 2019, 16:42 #4
Bene bene - che gli early adopter si dissanguino comprando queste inutilitarie da 400 cavalli. Le masse hanno necessita' della macchina di Nonna Papera, per andare al lavoro o a fare la spesa - stop; i millanta cavalli lasciamoli agli arabi finche' non gli si secca il pozzo, fra cento anni potrebbero ritornare tutti a dedicarsi ai cammelli.
djfix1307 Ottobre 2019, 23:26 #5
cioè ha 400 cavalli ma se ne usi 70/100 riesci ad avere una autonomia di 500km...un po' triste.
Ragerino08 Ottobre 2019, 09:14 #6
Nei mercati target venderà come la Panda da noi. Tipo la Norvegia, con il pui grande fondo sovrano del mondo, creato vendendo petrolio , con una popolazione poco piu grande dell'Emilia Romagna.
Bel ferro comunque, ma è la solita auto per ricchi che fa notizia in quanto potente e costosa.
omerook08 Ottobre 2019, 09:52 #7
Forse nei paesi nordici, dove bisogna riscaldare continuamente l'abitacolo, avrebbe senso integrare nelle auto elettriche un piccolo motore endotermico per la produzione di calore e ricarica delle batterie.
W4rfoX09 Ottobre 2019, 09:39 #8
Originariamente inviato da: djfix13
cioè ha 400 cavalli ma se ne usi 70/100 riesci ad avere una autonomia di 500km...un po' triste.


Ah perche'? Con un ICE non succede la stessa identica cosa? Se uso meno di 20kW ho consumi di circa 17km/l e quindi 1000 km di autonomia.. se uso tutti i 163kW i consumi sono di circa 5km/l e quindi 300km.
ramses7711 Ottobre 2019, 09:28 #9
A me queste auto sembrano IDIOZIE, ma forse c'è qualcosa che non capisco. Se il limite di tutte le elettriche è l'autonomia, a cosa serve fare macchine da 400 cavalli? E' un concetto diverso dal motore a scoppio, oppure se le facessero in una fascia da 120-180 cavalli, come la stragrande maggioranza dei veicoli circolanti, avrebbero più autonomia e/o costerebbero meno?
Mparlav11 Ottobre 2019, 10:03 #10
Con potenze inferiori, avrebbero prezzi marginalmente più bassi, cosi come soli lievi miglioramenti sull'autonomia.
Poiché l'aumento di potenza sulle auto elettriche è piu economico da ottenere rispetto alle endotermiche, si preferisce collocarle sulla fascia alta del segmento per renderle più competitive.
Quella Polestar è una segmento d premium, da far competere sui 50-60.000 euro anziché sui 35-40.000, non ottenibili nemmeno con dotazione all'osso e 120 kW di potenza.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^