Polini annuncia il suo nuovo motore per e-bike: ecco l'E-P3 MX, più robusto e potente

Polini annuncia il suo nuovo motore per e-bike: ecco l'E-P3 MX, più robusto e potente

In occasione di EuroBike 2019, che si terrà a Friedrichshafen, Germania, dal 4 al 7 settembre, sarà presentato il motore E-P3 MX, destinato principalmente alle e-bike da fuoristrada, più robusto e potente per fornire maggiore affidabilità e supporto anche nelle condizioni più estreme

di pubblicata il , alle 08:21 nel canale Tecnologia
Polini
 

Polini, noto marchio bergamasco da sempre impegnato nel settore delle due ruote, da qualche anno a questa parte si è dedicato anche allo sviluppo di prodotti legati al mondo delle bici elettriche a pedalata assistita, l'anno scorso aveva presentato il suo primo motore elettrico l'E-P3, ora presenta una sua evoluzione che punta a proporsi migliorativa sotto specifici punti di vista.

In occasione di EuroBike 2019, che si terrà a Friedrichshafen, Germania, dal 4 al 7 settembre, sarà presentato il motore E-P3 MX, destinato principalmente alle e-bike da fuoristrada, più robusto e potente per fornire maggiore affidabilità e supporto anche nelle condizioni più estreme.

Perno centrale standard da 144 mm, grado di protezione IP55, potenza nominale pari a 250 W e 600 W di picco, il tutto senza variare ingombri e geometrie di supporto ai telai già sviluppati e con un aumento della coppia che passa dai 70 Nm del precedente modello ai 90 Nm di questo nuovo MX, per migliori performance soprattutto a bassi regimi.

"Polini Motori trasforma il meglio in massimo, sempre.
Fedele al suo slogan, l’Azienda bergamasca continua il lavoro di sviluppo nel mondo delle e-bike, portando un’ulteriore evoluzione al motore E-P3"

Polini E-P3 MX sarà sicuramente presente anche ad EICMA 2019 il prossimo novembre, con magari maggiori dettagli sulle e-bike che equipaggerà con questo motore evoluzione; per maggiori informazioni a riguardo vi invitiamo a seguire la pagina Facebook di Polini per rimanere aggiornati su tutte le novità.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

46 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
D4N!3L304 Settembre 2019, 08:37 #1
Più che la potenza quello su cui si devono evolvere è l'autonomia.
Cfranco04 Settembre 2019, 08:45 #2
Originariamente inviato da: D4N!3L3
Più che la potenza quello su cui si devono evolvere è l'autonomia.


Per quella bisogna lavorare sulle batterie, i motori elettrici sono già parecchio efficienti di suo, c' è poco da limare da quella parte.
bonzoxxx04 Settembre 2019, 08:50 #3
Più coppia a parità di potenza è in qualche modo aumentare l'autonomia.

Le batterie quelle sono, 500W per il modello esterno e 625W per quelle integrate, al limite si portano 2 batterie esterne (una montata, una nello zaino) per avere 1KW di potenza totale.

Cmq stando al calcolatore sul sito bosch, per un giro di 60km stando attenti una carica basta.
s-y04 Settembre 2019, 09:01 #4
la mia batteria per un giro di 60km, e oltre, è un piatto di pasta
bonzoxxx04 Settembre 2019, 09:04 #5
con quanto dislivello?
s-y04 Settembre 2019, 09:17 #6
Originariamente inviato da: bonzoxxx
con quanto dislivello?


beh è ovvio che le prestazioni siano inferiori, che discorsi...
ma la soddisfazione non ha paragoni. ovviamente è un parere soggettivo (da appassionato) ma le assistite le vedo (per ora almeno...) buone per i pensionati

ad ogni modo quando a regime (e non sono certo nè un passistone nè un maniaco...) senza 'ricariche' salvo liquidi, il mio 'test standard' è di 97 km (tra andata e ritorno) con salita a pianezze di valdobbiadene, circa 11 km con 800 metri di dislivello
bonzoxxx04 Settembre 2019, 09:22 #7
Originariamente inviato da: s-y
beh è ovvio che le prestazioni siano inferiori, che discorsi...
ma la soddisfazione non ha paragoni. ovviamente è un parere soggettivo (da appassionato) ma le assistite le vedo (per ora almeno...) buone per i pensionati

ad ogni modo quando a regime (e non sono certo nè un passistone nè un maniaco...) senza 'ricariche' salvo liquidi, il mio 'test standard' è di 97 km (tra andata e ritorno) con salita a pianezze di valdobbiadene, circa 11 km con 800 metri di dislivello


Beh dai hai una buona gamba, direi ben superiore alla media.

Personalmente non sono contro le e-mtb anzi le vedo bene, un buon mezzo per salire con bici che non sono proprio da salita e portarle su significa una fatica bestia.
Definirle da pensionati dai non è giusto alla fine una biammortizzata da 26KG in modalità eco per portarla su in salita servono cmq buone gambe.
Marko#8804 Settembre 2019, 09:36 #8
Originariamente inviato da: bonzoxxx
con quanto dislivello?


Il mio ultimo giro in MTB muscolare è stato da 82km e 2500m di dislivello.
Senza batteria, un paio di brioches e del miele con fette biscottate a colazione, un gel e una barretta durante.
Le e-bike hanno senso in pochissimi casi imho: oltre una certa età se non si vuole rinunciare a certe salite e per fare le salite prima del fuoristrada se si ama fare solo il fuoristrada. Per il resto si pedala, è il bello della bicicletta.
s-y04 Settembre 2019, 09:36 #9
può darsi sia esagerata la definizione, ma è una parere personale 'a mio uso e consumo' diciamo anche per automotivarmi, che ho inziato la 'stagione' un pò tanto tardino e sto arrancando alquanto

in ogni caso, dipende sempre dal modo in cui si approccia, come sempre. ad esempio qui in zona c'è la ciclabile treviso-ostiglia, che è sempre più frequentata non solo da ciclisti, e quindi è già molto critico andarci con la 'normale' a fare ripetute 'mie' (sui 25 all'ora scarsi). eppure ne vedo sempre di più con le assistite, ai 30 all'ora costanti, ed è un pericolo, oltre che un nonsense
bonzoxxx04 Settembre 2019, 09:45 #10
Dal punto di vista di un ciclista "puro" concordo con te, non sono assolutamente un ciclista, ero appassionato ma vicissitudini varie ed eventuali mi hanno allontanato dalla sella: detto questo purtroppo molti non hanno capito a cosa serve una e-MTB e la usano, appunto, come una normale assistita quando il suo scopo è poter salire e finire il giro con ancora un po di gambe.

Andare con una e-MTB sulla ciclabile è abbastanza inutile.

A me piacerebbe perché la userei casa-lavoro per non arrivare completamente sudato, ma i 12.5KM (in piano) li copro in 28 minuti con una bi-ammortizzata per cui non è un discorso di tempi ma di comodità.

Poi certo ci sarà sempre gente che si prende una e-MTB per fare il figo con i 1000 metri di dislivello a giro e non è mai montato su una bici...

Originariamente inviato da: Marko#88
Il mio ultimo giro in MTB muscolare è stato da 82km e 2500m di dislivello.
Senza batteria, un paio di brioches e del miele con fette biscottate a colazione, un gel e una barretta durante.
Le e-bike hanno senso in pochissimi casi imho: oltre una certa età se non si vuole rinunciare a certe salite e per fare le salite prima del fuoristrada se si ama fare solo il fuoristrada. Per il resto si pedala, è il bello della bicicletta.


Beh complimenti, 2500mt di dislivello sono tanti, con quale bici se posso chiedere?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^