Renesas, incendio in un impianto di chip: un altro guaio per il settore dell'auto

Renesas, incendio in un impianto di chip: un altro guaio per il settore dell'auto

Le fiamme divampate in un impianto produttivo in Giappone di Renesas potrebbero esacerbare la carenza di chip per il settore dell'auto, industria che sta risentendo del perdurante shortage che affligge l'intero mondo della tecnologia.

di pubblicata il , alle 13:21 nel canale Tecnologia
 

Un incendio in un impianto produttivo di Renesas Electronics potrebbe rendere ancora più forte la carenza di chip che sta interessando l'industria delle automobili. La fabbrica N3 nel sito di Naka (Hitachinaka, prefettura di Ibaraki) in Giappone è andata a fuoco lo scorso 19 marzo in piena notte: l'incendio è durato cinque ore e fortunatamente non si segnalano persone ferite o decedute.

"Vorremmo porgere le nostre più sincere scuse ai residenti, ai clienti, alle aziende partner, alle autorità competenti e a tutti coloro che sono coinvolti dai problemi causati dall'incendio", ha affermato Hidetoshi Shibata, presidente e CEO di Renesas. "Inoltre, vorremmo esprimere la nostra gratitudine per i vigili del fuoco e coloro che hanno partecipato allo spegnimento dell'incendio". La causa dell'incendio sembrerebbe essere un picco di corrente che ha riscaldato eccessivamente il rivestimento di un macchinario innescando le fiamme.

L'impianto - tra l'altro sfortunato perché dovette chiudere tre mesi dopo il terremoto del 2011 - produce wafer da 300 mm e più in particolare microcontrollori per automobili. Stando alle prime indagini, il fuoco ha danneggiato il 5% della camera bianca e distrutto 11 macchinari produttivi, ossia il 2% della capacità produttiva di N3. Si parla di circa 600 metri quadrati su un'area di 12.000 metri quadrati, al primo piano dell'impianto.

Benché il secondo piano dell'edificio non sia stato interessato dall'incendio, Renesas fa sapere che poiché le operazioni "sono integrate tra il primo e il secondo piano", anche gestendo il secondo piano in modo separato non è possibile "produrre o consegnare prodotti".

Riavviare le operazioni dell'intero impianto richiederà circa un mese e si stima un impatto di 17 miliardi di yen, circa 150 milioni di dollari. "Sebbene circa due terzi dei prodotti fabbricati all'interno di N3 si possano alternativamente realizzare internamente o in altre fonderie, a causa del recente aumento della domanda di semiconduttori la situazione non consente di produrre tutti i prodotti immediatamente in modo alternativo. Faremo considerazioni in modo da trovare un modo per produrre il maggior numero di prodotti il più velocemente possibile".

Renesas è il terzo produttore di chip per automobili al mondo dopo Infineon e NXP. Quest'ultime hanno dovuto bloccare temporaneamente la produzione ad Austin per alcune settimane a causa del grande gelo e di successivi blackout di febbraio (fortunatamente hanno ripreso le operazioni, seppur da poco). Dopo la notizia, le azioni delle tre principali case automobilistiche giapponesi - Toyota, Nissan e Honda - sono tutte scese di diversi punti percentuale.

22 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Opteranium24 Marzo 2021, 13:30 #1
e il giorno della normalizzazione dei prezzi hardware slitta ancora..
luke@24 Marzo 2021, 13:38 #2
Originariamente inviato da: Opteranium
e il giorno della normalizzazione dei prezzi hardware slitta ancora..


in effetti, brucia qui, brucia di là, poi il covid, i tifoni, i monsoni, i coccodrilli, l'acqua gassata a garganella
phmk24 Marzo 2021, 14:37 #3
Quando l'Europa (e l'Italia) si decideranno a produrre in casa questi componenti sarà troppo tardi ...Perchè sostituiti da altro (extraterrestre) ...
euscar24 Marzo 2021, 15:35 #4
Per fortuna che in Intel hanno deciso di iniziare la produzione di chip anche per terzi e hanno in previsione la costruzione di altre due fab in Arizona.

L'Europa invece sempre più dipendente da paesi extra
Notturnia24 Marzo 2021, 15:55 #5
queste auto elettriche sono sfortunate.. prima le pile che scarseggiano.. adesso i chip che scarseggiano..

ci prendiamo una macchina old style

https://www.formulapassion.it/wp-co...-Boss-429-6.jpg

carburatori e siamo a posto.. niente chip..
Sandro kensan24 Marzo 2021, 17:57 #6
Certo che l'embargo fatto dagli USA (leggi l'intero occidente perché quel che decidono gli USA vale per tutti) verso la Cina non è stata una buona idea. Se ci fossero i produttori cinesi come SMIC attivi ci sarebbe un contributo significativo alla produzione mondiale. SMIC non si espanderà come previsto proprio per via dell'embargo occidentale (USA).
Mparlav24 Marzo 2021, 18:30 #7
Originariamente inviato da: Notturnia
queste auto elettriche sono sfortunate.. prima le pile che scarseggiano.. adesso i chip che scarseggiano..

ci prendiamo una macchina old style

https://www.formulapassion.it/wp-co...-Boss-429-6.jpg

carburatori e siamo a posto.. niente chip..


Ma in discesa a folle, quella riesce a farli 4 Km/l?
euscar24 Marzo 2021, 18:33 #8
Originariamente inviato da: Sandro kensan
Certo che l'embargo fatto dagli USA (leggi l'intero occidente perché quel che decidono gli USA vale per tutti) verso la Cina non è stata una buona idea. Se ci fossero i produttori cinesi come SMIC attivi ci sarebbe un contributo significativo alla produzione mondiale. SMIC non si espanderà come previsto proprio per via dell'embargo occidentale (USA).


Francamente secondo me han fatto bene.
Ormai fan tutto in Cina e c'è il rischio che alla prossima pandemia (che arriverà di sicuro ancora da lì, visto che non è cambiato niente - mi riferisco alle mega fattorie di suini a due passi dalle foreste habitat dei pipistrelli) si fermi tutto, peggio di com'è ora.
cdimauro25 Marzo 2021, 07:10 #9
Originariamente inviato da: phmk
Quando l'Europa (e l'Italia) si decideranno a produrre in casa questi componenti sarà troppo tardi ...Perchè sostituiti da altro (extraterrestre) ...

Li produciamo anche in Europa, ma non basta: le automobili sono costituite da migliaia di componenti, prodotte in diverse parti del globo.

Per dire, Renesas è giappionese, ma è soltanto il terzao produttore di componenti per automotive. La seconda è NXP che è parzialmente europea, e che ha a già annunciato un po' di tempo fa carenza di componenti. Un po' più sotto c'è STM, che è soltanto europea (italo-francese, peraltro).
Notturnia25 Marzo 2021, 09:22 #10
Originariamente inviato da: Mparlav
Ma in discesa a folle, quella riesce a farli 4 Km/l?


quella che ho "linkato" non lo so ma una mustang mach1 del '69 i 6 km/l li fa.. stando a chi la ha.. e che invidio pesantemente.. è un 6,4l V8.. ha un sound al minimo che è una meraviglia..

non va a pile.. genera emozioni anche da ferma..

ormai nel mondo si misura tutto con unità che sono ben lontane dalle emozioni e dalla gioia di vivere per colpa della sovrappopolazione che ha reso il nostro mondo un'alveare da consumare al posto di un luogo dove vivere e divertirsi prima dell'inevitabile morte..

adesso si muore un pochino al giorno mentre si aspetta la morte.. è "buffo"..

le gioie della vita di 20 anni fa adesso sono considerate "anti-etiche"

chissà cosa penseranno fra 100 anni i nostri pronipoti di quello che abbiamo inventato noi e della nostra sovrappopolazione..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^