RMK mostra il primo prototipo della sua E2: motocicletta elettrica con motore nel cerchio posteriore, privo del mozzo

RMK mostra il primo prototipo della sua E2: motocicletta elettrica con motore nel cerchio posteriore, privo del mozzo

Moto molto originale, unica nel suo genere per via di un particolare molto importante, parliamo del motore integrato nella ruota posteriore, privo di mozzo, in quanto i relativi componenti elettrici, statore e rotore, sono stati disposti lungo la circonferenza del cerchione, lasciato praticamente vuoto il suo centro

di pubblicata il , alle 11:21 nel canale Tecnologia
 

Ve ne avevamo già parlato qui la scorsa estate, in occasione della sua presentazione tramite alcuni rendering ed alcuni dettagli dei principali componenti ancora in fase d'opera. Ora invece la E2, motocicletta elettrica del costruttore finlandese RMK è realtà: eccole le foto del primo prototipo, caratteristiche tecniche minime e prezzo di lancio.

Moto molto originale, unica nel suo genere per via di un particolare molto importante, parliamo del motore integrato nella ruota posteriore, privo di mozzo, in quanto i relativi componenti elettrici, statore e rotore, sono stati disposti lungo la circonferenza del cerchione, lasciando praticamente vuoto il suo centro.

Dai rendering si è passati ad un prototipo fatto e finito, anche se rifiniture e dettagli non sono molto curati, mostrato in occasione della fiera motociclistica MP19, appuntamento annuale che si tiene ad Helsinki, Finlandia.

Questa RMK E2 è ancora in fase di test, ma l'azienda è già pronta per la sua produzione che avverrà esclusivamente in Finlandia; confermati alcuni dati tecnici che, a detta del costruttore, saranno i minimi garantiti, in quanto c'è margine per una ottimizzazione generale del veicolo prima del via della produzione:

  • 50 kW di potenza, circa 67 CV
  • 320 Nm di coppia
  • 160 km/h limitati elettronicamente
  • 200 kg di peso

"Entrare nel mercato con un prodotto medio noioso non è ovviamente il modo in cui facciamo le cose. Invece, abbiamo scelto di prendere la strada difficile per il mercato sviluppando un nuovo tipo di powertrain. Ciò significa che accelereremo enormemente il nostro programma di test dopo lo show MP19. Le cifre e le caratteristiche delle prestazioni che abbiamo dichiarato finora saranno il minimo assoluto per il quale ci accontenteremo. Puntiamo a superare notevolmente tali obiettivi e in alcuni casi, lo abbiamo già fatto"

Per quanto riguarda l'autonomia RMK ha dichiarato:

"L'E2 avrà una delle più grandi batterie disponibili nel mercato delle motociclette elettriche, consentendo una gamma di 200-300 km in base allo stile e alle condizioni di guida" ha affermato il costruttore.

Alcune conferme anche dal punto di vista estetico e pratico, mostrato infatti un ampio cruscotto digitale inglobato nella parte superiore del "serbatoio".

Già disponibile in pre-ordini, chi desidera avere una E2 potrà prenotarla con un acconto di 2.000 €, più 23.000 € di saldo alla consegna.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
lucusta05 Febbraio 2019, 11:32 #1
...si chiama "mozzo radiale".
Ragerino05 Febbraio 2019, 11:43 #2
Se davvero la propongono a quel prezzo, dovrebbe essere il chiodo finale nella bara di quella vergogna sovraprezzata presentata da Harley.

Molto bello esteticamente, sarei curioso di conoscere come si comporta effettivamente su strada.
Vaulenst05 Febbraio 2019, 11:54 #3
Progetto interessante... l'estetica non mi fa impazzire (cicciona al centro ma quasi inesistente davanti e dietro) e senza protezione aereodinamica frontale o da schizzi (i parafanghi sono troppo piccoli).
Pero' le caratteristiche non sono male... se il prezzo scende e come promettono migliorano le performances, diventa interessante.

Perche' poi limitano la velocita' a 160km/h? Per aumentare l'autonomia?
inited05 Febbraio 2019, 12:27 #4
Mi pare di ricordare dal precedente articolo una generale avversione verso quei cavi arancioni sul braccio della ruota posteriore, avversione che peraltro non condivido, hanno il che di come Marinetti (idiota per tanti altri motivi) elogiava i serpenti attorcigliati degli scarichi che emergevano dalle testate dei motori, stessa estetica riportata nel contesto elettrico.
+Benito+05 Febbraio 2019, 16:33 #5
bello che gente butti ancora milioni per fare soluzioni tecniche invendibili come quella ruota posteriore hubless che non ha senso sul piano ingegneristico e di durata e manutenzione, per non parlare dei cavi elettrici così a cazzum, bah.
Utonto_n°105 Febbraio 2019, 17:36 #6
dove sono le frecce posteriori?
non mi sembra ancora completa e adatta ad essere omologata, almeno qui in europa
Saturos05 Febbraio 2019, 18:31 #7
Originariamente inviato da: Ragerino
sarei curioso di conoscere come si comporta effettivamente su strada.


Male, tutti i produttori per migliorare prestazioni e guidabilitá cercano di ridurre la massa non sospesa/ammortizzata, questi ci sbattono dentro il motore elettrico
Nicodemo Timoteo Taddeo05 Febbraio 2019, 18:36 #8
Quando fora dietro bisogna mandarka in fabbrica per la riparazione della ruota?
Ethah05 Febbraio 2019, 19:18 #9
Da migliorare sotto molti aspetti ma penso sia il futuro, neanche troppo lontano.
+Benito+06 Febbraio 2019, 09:02 #10
Esteticamente va a gusti, tecnicamente è un aborto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^