Rolls-Royce punta a rivoluzionare il mondo dell'aviazione: in serbo un aereo elettrico da 480 km/h

Rolls-Royce punta a rivoluzionare il mondo dell'aviazione: in serbo un aereo elettrico da 480 km/h

Il costruttore inglese Rolls-Royce ha fatto sapere di voler iniziare questo 2019 con lo sviluppo di un'ambizioso progetto nel mondo dell'aviazione: la realizzazione dell'aereo elettrico più veloce al mondo, precisamente in grado di toccare quota 300 miglia orarie, poco più di 480 km/h

di pubblicata il , alle 18:01 nel canale Tecnologia
 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

30 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Unrue10 Gennaio 2019, 11:18 #11
Originariamente inviato da: aqua84

comunque per il discorso autonomia dell'aereo, se ci mettono i pannelli solari sulle ali e le pale eoliche con l'aria che tira... caricano la batteria di continuo


Pannelli solari ok, pale eoliche su un aereo mi sembra piuttosto improbabile. Ma chissà che non si inventino qualcosa del genere.
nickname8810 Gennaio 2019, 12:49 #12
E questa sarebbe la rivoluzione ?
300 miglia orarie è un aereo palesemente lento, autonomia immagino scarsa e alla fine è un piccolo velivolo.

Originariamente inviato da: Unrue
Come al solito si critica subito sull'autonomia, senza considerare che sarebbe il primo modello in assoluto con ampi margini di sviluppo. I primi motori a scoppio pensate che facevano 20 km/litro come fanno adesso?

E' un inizio, da qualche parte si dovrà pure iniziare no? Già qualche anno fa parlare di aerei elettrici era impensabile.

Perchè motori e batterie sarebbero differenti rispetto a qualsiasi altro mezzo elettrico ?
L'aerodinamica è i principi che regolano il volo mi sembra siano già noti, quel che si deve sviluppare sono le caratteristiche fisiche della batteria e di certo un aereo non è utile in ciò.

E comunque è vero che si deve cominciare a da qualche parte ma non sarà di certo questo il prodotto che rivoluzionerà il mercato.
Unrue10 Gennaio 2019, 13:18 #13
Originariamente inviato da: nickname88

Perchè motori e batterie sarebbero differenti rispetto a qualsiasi altro mezzo elettrico ?
L'aerodinamica è i principi che regolano il volo mi sembra siano già noti, quel che si deve sviluppare sono le caratteristiche fisiche della batteria e di certo un aereo non è utile in ciò.


Le batterie in se non sono certo una novità ovviamente Infatti la novità sta nel fatto che devono avere un'autonomia mai vista prima ed è appunto qua che si concentra il grosso della ricerca. Con un aereo poi devono averla smisurata e quindi la sfida è ancora più ardua. Se riescono a dare una buon autonomia ad un aereo figurati poi ad un'auto.

Originariamente inviato da: nickname88

E comunque è vero che si deve cominciare a da qualche parte ma non sarà di certo questo il prodotto che rivoluzionerà il mercato.


Nessuno ha detto che rivoluzionerà il mercato anche se poi chi può dirlo? Magari si. E' comunque è un inizio e darà sicuramente spunto per altri progetti. E sinceramente un'ora di autonomia per un aereo anche se monoelica non mi pare affatto male.
Unrue10 Gennaio 2019, 13:39 #14
Originariamente inviato da: Helispot
Veramente su praticamente ogni aereo c'è già una cosa simile, e si chiama RAT (Air Driven Generator). E' una turbina che interviene automaticamente (o manualmente) nel caso vengano a mancare entrambi i motori che si occupano di generare l'energia per la strumentazione di bordo consentendo così di pilotare l'aereo come se fosse un aliante.
Questa ad esempio è quella di un Boing 767.

Link ad immagine (click per visualizzarla)



Non lo sapevo, buono a sapersi.
bancodeipugni10 Gennaio 2019, 13:47 #15
si' è l'unico modo che hai se ti partono i motori e di conseguenza l'impianto elettrico, una volta esaurita la risersa

sto motorino azionato per attrito ti consente almeno di alimentare i circuiti essenziali di pilotaggio sopravvivenza e comunicazione
bancodeipugni10 Gennaio 2019, 13:55 #16
mah in teoria la spinta è regolata proprio dall'inclinazione delle pale stesse, quindi se il motore non funziona si mette in bandiera e le pale saranno dritte a 90 gradi e dovrebberi disturbare poco
nickname8810 Gennaio 2019, 14:24 #17
Originariamente inviato da: Unrue
Le batterie in se non sono certo una novità ovviamente Infatti la novità sta nel fatto che devono avere un'autonomia mai vista prima ed è appunto qua che si concentra il grosso della ricerca. Con un aereo poi devono averla smisurata e quindi la sfida è ancora più ardua. Se riescono a dare una buon autonomia ad un aereo figurati poi ad un'auto.
Per avere più autonomia è necessario avere più KW stoccati in un determinato volume e peso. Per sviluppare le batterie non c'è bisogno di realizzare un aereo, basta un laboratorio e basta.

Nessuno ha detto che rivoluzionerà il mercato anche se poi chi può dirlo? Magari si.

Lo dice il titolo del thread.
nickname8810 Gennaio 2019, 14:57 #18
Originariamente inviato da: Helispot
A quel punto tanto vale lasciare tutto nascosto nella fusoliera e attivare alla bisogna come avviene sugli odierni aerei.
Se devi ricaricare le batterie, serve qualcosa che sia sempre in funzione e che offra meno resistenza possibile all'avanzamento dell'aereo.

Ciao Adapter
albatros_la10 Gennaio 2019, 18:42 #19
Il principale problema di un aereo elettrico è il peso, ovviamente. Le batterie odierne sono poco adatte per questo: la densità di potenza è ridicola rispetto ad un propellente.
Inoltre il peso all'atterraggio di un velivolo tradizionale è notevolmente inferiore rispetto al peso al decollo.
Un A380 ha una fuel fraction superiore al 44 %, che dopo il decollo cala notevolmente, e continua a calare continuamente in crociera. Parliamo di un peso massimo al decollo di 575 t di cui 254 sono di propellente.
Per quanto buone, le batterie non scenderanno di peso durante il volo. Purtroppo un aereo non è come un treno, il cui peso incide relativamente poco a velocità di crociera. Per un aereo peso maggiore significa maggiore resistenza, anche a velocità costante, e dunque in questo caso consumo costante anziché calante lungo la crociera.

Potrebbero pensare a dei condensatori per la fase di decollo, che è sicuramente la più energivora e stressante per le batterie. Potrebbero fantasticare sull'eiezione di pacchi batteria dedicati al solo decollo (o trainati), o ad alimentazione ibrida che usi fuel cell (o condensatori) solo per il decollo e poi batterie ad alta efficienza (che in genere mal sopportano alti ratei di scarica).
Insomma, le soluzioni possibili ci sono e sono enormemente più complesse rispetto alla semplice architettura batteria + motore elettrico. Ciò che sta facendo Rolls Royce ha comunque senso: se i top player non spingono sulle nuove tecnologie, non ci sarà sviluppo e dunque progresso. Siamo però lontanissimi da qualcosa di commercialmente sensato...

Una cosa è certa: i pannelli solari producono una quota di energia ridicola rispetto alle esigenze. Tanto ridicola che forse non ha nemmeno senso prenderli in considerazione. Mettere delle turbine mosse dal vento relativo equivale a scaldare l'acqua per poi metterla in frigo e bersela.
bancodeipugni10 Gennaio 2019, 19:55 #20
oppure potrebbero fare cosi': spari l'aereo in orbita con un razzo riciclabile, aspetti che la terra giri quel tanto poi lo rimandi giu', ovviamente va calcolata latitudine e longitudine opportunamente

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^