Scandalo Mitsubishi: falsati dati sulle emissioni per 25 anni

Scandalo Mitsubishi: falsati dati sulle emissioni per 25 anni

Mitsubishi è la protagonista di un enorme scandalo in madrepatria. La società avrebbe falsato i dati sulle emissioni dal 1991 ad oggi. L'ammissione da parte della società è costata, ad oggi, la metà del suo valore di mercato

di pubblicata il , alle 15:59 nel canale Tecnologia
Mitsubishi
 

La scorsa settimana Mitsubishi ha ammesso di aver falsato i risultati dei test sulle emissioni per circa 625 mila veicoli venduti in Giappone. Il produttore asiatico afferma che i primi test fallaci risalgono a ben 25 anni fa, con la dichiarazione che ha causato un forte declino nel valore azionario della società. Non sappiamo ancora quanto sia diffuso il fenomeno, né quanti siano i modelli coinvolti, tuttavia Mitsubishi ha perso la metà del suo valore di mercato e la EPA (Environmental Protection Agency) ha ordinato alla compagnia di rieseguire i test sui suoi veicoli.

I test sulle emissioni condotti da Mitsubishi hanno trascurato gli standard giapponesi dal 1991 ad oggi. Nella fattispecie l'azienda non ha aggiornato le metodologie applicate durante i test a ruota libera in cui una macchina rallenta fino all'arresto per misurare la sua resistenza all'aria. Nel 2001 l'azienda ha scoperto che i test producevano risultati che deviavano da quelli ufficiali fino a circa il 2,3%, ma ha comunque rifiutato di aggiornare le metodiche con cui venivano effettuati.

Le regole erano cambiate nel 1991 per riflettere lo stile di guida degli abitanti delle città giapponesi, novità che non sono mai state osservate da Mitsubishi. La società ha continuato ad utilizzare i metodi desueti: "Avremmo dovuto cambiare, ma non lo abbiamo fatto", ha ammesso Ryugo Nakao ai reporter connazionali, aggiungendo che gli obiettivi interni della società potrebbe essere stata la causa dei dati falsati: "A giudicare da quello che hanno dimostrato le indagini compiute fino ad oggi, sembra ci siano state delle pressioni interne", ha detto alla stampa giapponese.

Mitsubishi ha ammesso di aver manipolato i dati su quattro modelli di auto: eK Wagon ed eK Space, prodotte e vendute internamente, Dayz e Dayz Roox, prodotte da Mitsubishi e vendute da Nissan. La produzione e le vendite dei quattro modelli sono state arrestate, con la compagnia che verificherà se ci siano incongruenze nei dati su altri veicoli. Mitsubishi ha anche stabilito un comitato speciale di esperti esterni alla società per indagare ulteriormente sulla questione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

66 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
+Benito+27 Aprile 2016, 16:02 #1
addirittura fino al 2%!
Apix_102427 Aprile 2016, 16:05 #2
Originariamente inviato da: +Benito+
addirittura fino al 2%!


2.3%.... ma che razza di notizia sarebbe? considerando che molte volte lo strumento di misura apporta errori dell'ordine dell'1%...
e poi sono test di Cx da quello che ho capito... basta mettere degli specchietti retrovisoori larghi per roulotte e il Cx peggiora ben di più di un 2.3%
ziozetti27 Aprile 2016, 16:19 #3
Originariamente inviato da: Apix_1024
2.3%.... ma che razza di notizia sarebbe? considerando che molte volte lo strumento di misura apporta errori dell'ordine dell'1%...
e poi sono test di Cx da quello che ho capito... basta mettere degli specchietti retrovisoori larghi per roulotte e il Cx peggiora ben di più di un 2.3%

Continua pure a cincischiare con le roulotte che nel frattempo le azioni sono in picchiata...
https://www.google.it/search?q=q&am...tsubishi+motors
(grafico a un mese)
kuru27 Aprile 2016, 16:19 #4
Ma se lo hanno ammesso che falsificavano i dati dal 1991.
Non Mitsubishi, ehm volevo dire non mi stupisce che anche loro manipolavano i test, e chissà quanti ancora se ne scopriranno.
*aLe27 Aprile 2016, 16:27 #5
Così imparate a comprare in Germania e in Giappone. Solo i cavalli di Detroit sono validi cavalli poderosi. Tutti gli altri sono al massimo ronzini.
Cloud7627 Aprile 2016, 16:27 #6
Originariamente inviato da: Apix_1024
e poi sono test di Cx da quello che ho capito...


No, sono test di consumo, l'articolo non approfondisce, comunque il problema è che:

La casa automobilistica ha spiegato che i dati sul consumo di carburante sono stati raccolti usando gli standard Usa, che considerano una maggiore velocità e il fatto che la guida su autostrada è più comune, invece che gli standard giapponesi, che invece riflettono una maggiore frequenza della guida in città, dove la necessità di fermarsi più spesso implica anche un maggiore consumo di carburante.


https://it.finance.yahoo.com/notizi...-111604424.html
Apix_102427 Aprile 2016, 16:37 #7
Originariamente inviato da: Cloud76
No, sono test di consumo, l'articolo non approfondisce, comunque il problema è che:

La casa automobilistica ha spiegato che i dati sul consumo di carburante sono stati raccolti usando gli standard Usa, che considerano una maggiore velocità e il fatto che la guida su autostrada è più comune, invece che gli standard giapponesi, che invece riflettono una maggiore frequenza della guida in città, dove la necessità di fermarsi più spesso implica anche un maggiore consumo di carburante.


https://it.finance.yahoo.com/notizi...-111604424.html


ok la cosa è totalmente diversa allora da quello scritto in breve nella notizia.
insomma hanno dichiarato consumi autostradali anche in mezzo al traffico... ottimo!
questo come verrà chiamato? il Mistupiscigate?
Epoc_MDM27 Aprile 2016, 16:40 #8
Tutte le aziende di tutto il mondo taroccano, dai bilanci, alle certificazioni, alla lunghezza della carta igienica nei bagni.

Ma tanto "le aziende non sono Onlus" e "per massimizzare i profitti si fa qualsiasi cosa" è quello che anche qui dentro viene spesso scritto.

Finchè continueremo a pensarla così, saranno autorizzati a fare ciò che vogliono.

Poi in Italia vieni pure premiato se truffi qualcuno, almeno siamo coerenti rispetto al resto del mondo.
TigerTank27 Aprile 2016, 16:45 #9
Originariamente inviato da: kuru
Ma se lo hanno ammesso che falsificavano i dati dal 1991.
Non Mitsubishi, ehm volevo dire non mi stupisce che anche loro manipolavano i test, e chissà quanti ancora se ne scopriranno.


Il fatto è che il mondo straripa di furberie...sono tutte lì nascoste nell'ombra fino a quando collassano e saltano alla luce per un motivo o per un altro. Dai taroccamenti di questo tipo alla fuffa/spazzatura in ambito immobiliare/bancario.
Paganetor27 Aprile 2016, 16:46 #10
prepariamoci a una ondata di suicidi tra i manager Mitsubishi...

comunque hanno un po' tutti rotto le palle con queste storie: a noi fanno cambiare una auto se è troppo vecchia (ma magari è una VERA Euro 3) per pasdsare magari a una Euro 4 o 5 che in realtà consuma pure di più...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^