Seat Leon 2020 è ufficiale: finalmente ibrida e completamente ''smart''. Le immagini

Seat Leon 2020 è ufficiale: finalmente ibrida e completamente ''smart''. Le immagini

Seat presenta la nuova generazione della sua Leon. Un concentrato di tecnologia che passa soprattutto per le versione ibride ma anche plug-in e che si caratterizza anche per il suo essere sempre connessa. Ecco i dettagli.

di pubblicata il , alle 11:01 nel canale Tecnologia
Seat
 

La quarta generazione della Seat Leon è ufficiale e apre un nuovo capitolo dopo più di due milioni di unità prodotte dal 1999. E' una Seat Leon quanto mai tecnologica, e non ci si attenderebbe che questo, quella presentata da poco che permette di inserirsi facilmente in quel segmento dove tanti sono i brand capaci e dove soprattutto la regina incontrastata è sempre la VW Golf. Di fatto Seat ci mette del suo e dalla sorella maggiore prende spunto ma si personalizza portando quello che gli utenti ormai vogliono avere in un auto del 2020 ossia l'essere smart e connessa oltre a guardare al futuro dell'elettrico.

Seat Leon è anche questo perché la sua commercializzazione, che avverrà nella seconda parte del 2020, prevede una moltitudine di versioni tra cui quelle sicuramente più futuristiche sono ibride e plug-in. Nessun prezzo al momento ma sono stati però svelati gli allestimenti: Reference, Style, Xcellence e FR.


Clicca per ingrandire

Seat Leon: tutto cambia con personalità

La nuova Seat Leon cambia il suo design. E' sì riconoscibile ma di fatto il design subisce una forte modifica rispetto al precedente con un look molto più aggressivo di prima, più spigoloso e con forme dunque più accattivanti in perfetta linea con quanto accade oggi anche con altri brand. Ha un carattere decisamente più forte forse anche per quei fari a LED che sono stati spostati ed arretrati rispetto a prima con la volontà di rendere l'auto perfettamente riconoscibile.


Clicca per ingrandire

Il cofano ha una linea più sporgente e anche più lunga di prima permettendo al design dell'auto di caratterizzarsi di più nello stile. Stile che viene enfatizzato sicuramente al posteriore dove la nuova Seat Leon vede la presenza di luci LED con un elemento unico che va da parte a parte unendo i due fari triangolari. Presenti LED integrati negli specchietti retrovisori che oltretutto proiettano la scritta sul terreno "Hola!" quando vengono sbloccate le serrature.


Clicca per ingrandire

Dimensionalmente parliamo di un'auto che aumenta in lunghezza e non solo. La cinque porte raggiunge una lunghezza di 4,37 metri (ossia maggiore di 86 mm rispetto a prima) con 50 mm in più di passo grazie alla piattaforma Mqb Evo. Più stretta in larghezza con meno 17 mm e più bassa con -3 mm della precedente. Seat Leon si presenta anche in versione Sportstourer ossia la Station Wagon classica che è stata ingrandita allo stesso modo della berlina con 4,64 metri totali (+92 mm). Per entrambe ottima l'efficienza aerodinamica che migliora dell'8% . Per la wagon cresce anche di 30 litri lo spazio nel bagagliaio con i suoi 617 litri totali a differenza della cinque porte che si ferma a quota 380, come la versione uscente ma di fatto ottima.


Clicca per ingrandire

Seat Leon: interni fortemente "tech"

Belli gli interni che vengono in qualche modo semplificati rendendoli ancora più minimali, funzionali e soprattutto molto eleganti. C'è e si vede il cambio generazionale nella nuova Seat con una plancia che viene dominata da un doppio display (il Digital Cockpit da 10,25 pollici e l'infotainment da 8,25 pollici). Oltretutto per le versioni con cambio automatico DSG del gruppo Volkswagen subentra il comando elettronico "shift-by-wire" che non prevede più una vera e propria manopola del cambio ma una piccola leva comoda e veloce.


Clicca per ingrandire

Bello lo schermo dedicato alla navigazione 3D, disponibile anche nella variante da 10", e capace di integrare in questo caso il Retina Display e il gesture recognition. Fortemente curata l'illuminazione dell'ambiente grazie alle luci LED che circondano i passeggeri e capaci di cambiare colore in base alle modalità di guida o alle selezioni operate dall'utente. A livello smart la nuova Seat Leon grazie alla presenza della piattaforma Mib3 con eSim integrata garantirà agli utenti un accesso a nuovi servizi connessi per le chiamate d'emergenza e la localizzazione, al collegamento wireless per Apple CarPlay e soprattutto al controllo remoto del veicolo tramite Seat Connect. Come su altre auto di livello anche superiore previsto per i modelli ibridi Plug-in il controllo in remoto delle fasi di carica e della pre-climatizzazione. 


Clicca per ingrandire

Seat Leon: motori e disponibilità

La nuova Seat Leon chiaramente guarda al futuro e lo fa con versioni anche ibride e plug-in. Nello specifico le versioni benzina ibride eTSI proposte saranno nelle versioni 1.0 110 CV e 1.5 150 CV con sistema 48 Volt e la Phev ibrida plug-in con motore 1.4 TSI e potenza complessiva di 204 CV con batterie da 13 kWh per circa 60 km di autonomia elettrica. Seat non ha diffuso i dati relativi a prestazioni e consumi delle motorizzazioni ma a breve sicuramente ne sapremo di più.


Clicca per ingrandire

Le altre versioni invece vedono i classici propulsori a benzina TSI, i diesel TDI e le versioni a metano TGI con cambi manuali o automatici DSG. Per i benzina troviamo il 1.0 TSI da 90 e 110 CV, il 1.5 TSI da 130 e 150 CV con Active Cylinder Management e il 2.0 TSI 190 CV. I diesel 2.0 TDI sono proposti nelle varianti da 115 e 150 CV, con quest'ultimo abbinato anche alla trazione integrale 4Drive. La soluzione a metano è invece quella del 1.5 TGI 130 CV con tre serbatoi da 17,3 kg totali e 440 km di autonomia.

La nuova Seat Leon arriverà sul mercato nella seconda parte del 2020 con prezzi ancora non ufficializzati

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
zuril29 Gennaio 2020, 11:05 #1
Decisamente più bella della cugina golf, d'altronde farla più brutta sarebbe quasi impossibile
sidewinder29 Gennaio 2020, 11:09 #2
Mild Hibrid? No grazie..

Preferisco la mia Corolla 2.0...
Notturnia29 Gennaio 2020, 11:20 #3
preferisco una plug-in in modo da poterla ricaricare la sera e avere 50-70 km reali elettrici se devo girare in città ma avere il mio motore diesel (o benzina) per andare a spasso quando e dove voglio senza limitazioni..
le mild hybrid usano il motore per caricare le pile e quindi non le vedo tanto ecologiche se proprio...
Ragerino29 Gennaio 2020, 11:21 #4
Più smart?
Quindi è sempre piu un cellulare con le ruote.

Questo genere di 'ibrido' è fondamentalmente inutile se consideriamo che da noi il Metano è molto diffuso.
Sandro kensan29 Gennaio 2020, 13:37 #5
Ma è una mild hibrid? cioè ha solo il motorino di avviamento un po' più grosso?

Pensavo fosse una ibrida.
Titanox229 Gennaio 2020, 14:54 #6
potevano farla piu lunga dato che c'erano
Mparlav29 Gennaio 2020, 15:10 #7
Ci sono sia la mild hybrid che l'hybrid plugin.
Mancano i prezzi per poter valutare.
ramses7730 Gennaio 2020, 11:43 #8
Curioso come Skoda e Seat abbiano iniziato a fare auto più belle e meno care di Volkswagen.
aqua8430 Gennaio 2020, 11:48 #9
ma in SEAT qualcosa di originale riescono a farla oppure sono solo buoni a copiare i modelli da altre case?
strano che non sia uscita la Nuova Marbella quando è stata fatta la Nuova Panda...
Xeon6030 Gennaio 2020, 14:15 #10
Originariamente inviato da: aqua84
ma in SEAT qualcosa di originale riescono a farla oppure sono solo buoni a copiare i modelli da altre case?
strano che non sia uscita la Nuova Marbella quando è stata fatta la Nuova Panda...


All'epoca Seat era legata al gruppo Fiat, ora fa parte del gruppo Wolkswagen di cui condividono le scocche e altro, quindi somigliano molto alle auto di Wolsburg...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^