Segway presenta in un video il prototipo della sua prima moto elettrica supersportiva

Segway presenta in un video il prototipo della sua prima moto elettrica supersportiva

Segway, storica azienda leader del settore della mobilità elettrica, ultimamente ha mostrato l'interesse ad ampliare la propria gamma di veicoli cercando di allontanarsi dal segmento della micromobilità guardando avanti verso nuove opportunità: ultima novità diffusa riguarda il prototipo di una moto elettrica supersportiva, eccolo in un primo video

di pubblicata il , alle 08:21 nel canale Tecnologia
Segway
 

Segway, storica azienda leader del settore della mobilità elettrica, ultimamente ha mostrato l'interesse ad ampliare la propria gamma di veicoli cercando di allontanarsi dal segmento della micromobilità guardando avanti verso nuove opportunità: oltre oceano sono stati già resi noti progetti che riguardano una Dirt eBike ed anche uno scotter elettrico, ma l'ultima novità diffusa riguarda il prototipo di una moto elettrica supersportiva.

Il progetto in questione si chiama Segway Apex ed è stato presentato tramite il video qui riportato, nel quale il concept a due ruote si cimenta in alcuni giri di pista; un video sicuramente promozionale nel quale non si vedono scene ed azioni particolarmente emozionanti, anzi movimenti piuttosto "acerbi", ma tutto sommato sono immagini che mostrano i risultati dell'azienda ed offrono, ad appassionati e costruttori rivali del settore, un'idea chiara di quanto Segway è in grado di offrire anche nel mondo delle moto elettriche ad alte prestazioni.

Non solo rendering o semplici bozze, Apex attualmente risulta già un progetto fatto e finito, sicuramente ancora da sviluppare ed affinare ma, dalle poche immagini disponibili, l'impegno dell'azienda sembra aver già dato ottimi risultati: un design spigoloso con forme interessanti e non troppo ingombranti, il motore ben in vista con anche i cavi di collegamento messi in evidenza, trasmissione finale a catena, assenza di leva della frizione e del comando del cambio; per il resto sospensioni, freni e gomme si presentano in una configurazione tipica di una moto supersportiva.

Un progetto che, insieme a quelli della Dirt eBike e dello scooter elettrico, potrà trovare maggiori informazioni in occasione del CES 2020 di Las Vegas, in programma dal 7 al 10 gennaio, dove Segway sarà presente; per rimanere aggiornati su tutte le novità di questa azienda vi invitiamo a visitare la loro pagina Facebook e seguire il loro canale Youtube.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
supertigrotto03 Gennaio 2020, 12:46 #1

Carina!

Ma la vera mobilità e sportività elettrica ci sarà quando avremmo batterie con densità energetica quadrupla o quintupla attuale.
Il motore elettrico è molto più "sprintoso" di quello termico (anche se sentire urlare il 4 cilindri in linea superquadro è sempre un piacere,pure un bi cilindrico e un tricilindrico) ma purtroppo le batterie per ora aumentano troppo i pesi dei mezzi.Quando avremmo mezzi elettrici più leggeri e potenti, sarà la fine per il motore termico,per quanto riguarda l'autonomia è un po' una paranoia ingiustificata di molti,ci sono certe auto e moto che fanno pochi km con un litro e non sempre in montagna si trovano distributori di benzina ma sarebbe più facile trovare una colonnina per la ricarica.Inoltre la maggior parte dei viaggi,vorrei vedere chi riesce a stare in sella per 500 km senza mai scendere,io l'ho quasi fatta una volta ,ma ho dovuto fermarmi per caffè e pieno,altrimenti mi si spezzavano i polsi (guidavo solo sportive carenate).
Tasslehoff03 Gennaio 2020, 19:34 #2
Originariamente inviato da: supertigrotto
Ma la vera mobilità e sportività elettrica ci sarà quando avremmo batterie con densità energetica quadrupla o quintupla attuale.
Il motore elettrico è molto più "sprintoso" di quello termico (anche se sentire urlare il 4 cilindri in linea superquadro è sempre un piacere,pure un bi cilindrico e un tricilindrico) ma purtroppo le batterie per ora aumentano troppo i pesi dei mezzi.Quando avremmo mezzi elettrici più leggeri e potenti, sarà la fine per il motore termico,per quanto riguarda l'autonomia è un po' una paranoia ingiustificata di molti,ci sono certe auto e moto che fanno pochi km con un litro e non sempre in montagna si trovano distributori di benzina ma sarebbe più facile trovare una colonnina per la ricarica.Inoltre la maggior parte dei viaggi,vorrei vedere chi riesce a stare in sella per 500 km senza mai scendere,io l'ho quasi fatta una volta ,ma ho dovuto fermarmi per caffè e pieno,altrimenti mi si spezzavano i polsi (guidavo solo sportive carenate).
Aspetta, tu stai facendo una serie di considerazioni basandoti unicamente su un certo target e non consideri altri utilizzi per i quali francamente l'elettrico non solo non è una opzione sostenibile, ma è anche l'antitesi di quello che ci si aspetta dalle due ruote.

C'è un sacco di gente che si prende la moto per sfizio o per moda, la mette in garage a settembre e la rispolvera in primavera, gente che si fa il giretto al lago o in montagna, i motociclisti della domenica.
Non condivido questo utilizzo però lo capisco, e per loro l'elettrico sarebbe una manna, ti fai quei 150/200 Km e hai fatto giornata, al massimo ti fermi un paio d'ore per una ricarica mentre mangi in trattoria o al rifugio di turno (ammesso e non concesso che trovi stazioni di ricarica, e se ci fosse mi domando quante stazioni servirebbero per gerantire una copertura decente se dovessero prendere piede questi mezzi).

Ma questo è un tipo di utilizzo, poi c'è chi la moto la vuole vivere per lunghi viaggi, chi fa moto adventure.
Quello è il mio target, farsi 6-7h di guida al giorno in luoghi remoti, lontani da strade e autostrade, spesso in sterrato... credimi ma l'ultima cosa che puoi trovare è una stazione di ricarica (a volte sei fortunato se trovi un benzinaio) e l'idea di fermarsi 2h ogni 200Km è una follia pura e semplice.

Per quanto mi riguarda è l'antitesi stessa del concetto di moto, ovvero poter andare dove si vuole e quando si vuole.
Il tutto senza considerare appunto il peso, cosa che (nel caso specifico mi riferisco ad una enduro adventure) è supercritico.
omerook03 Gennaio 2020, 19:44 #3
Supersportiva? Ma se si piega di più con una Graziella! Ha l'agilità di un cancello
thedoctor196803 Gennaio 2020, 21:00 #4

mah...

non so quanto possa essere godibile e sicura una moto elettrica sportiva (e sottolineo "sportiva": il divertimento di una supersportiva sono le curve, la guida e la gestione della potenza con marce e frizione, come si gestisce tutto questo con una moto elettrica? probabilmente la cosidetta scalata elettrica è costituita dal freno motore rigenerativo che immagino sarà configurato in varie modalità , con il motore termico a marce l'impostazione della curva con la gestione di marce e frizione è una vera e propria arte! come fai a dirvertirti con una elettrica con cui potrai solo mollare l'acceleratore e frenare? per un appassionato come me è come precipitare nella barbarie! C'è ancora tanto da fare per poter considerare sportiva una moto elettrica, non basta una accelerazione bruciante, bisogna sviluppare una sorta di cambio per emulare le marcie (cosa che mi pare sia stata fatta in un modello di motocross elettrica, allora ne riparleremo.. guidare per frenare e accelerare lo lascio ai diversamente abili

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^