Tesla apre le prime stazioni Supercharger V3: fino 250 kW di potenza per una ricarica ancora più veloce

Tesla apre le prime stazioni Supercharger V3: fino 250 kW di potenza per una ricarica ancora più veloce

Tesla Supercharger V3, ora confermata la loro installazione e disponibilità al pubblico in due primi siti, quello dello stabilimento di Fremont e quello di Hawthorne

di pubblicata il , alle 10:41 nel canale Tecnologia
TeslaTesla
 

Di qualche mese fa l'annuncio dell'arrivo della nuova generazione di stazioni di ricarica Tesla Supercharger V3, ora confermata la loro installazione e disponibilità al pubblico in due primi siti, quello dello stabilimento di Fremont e quello di Hawthorne.

Da qui l'aggiornamento delle colonnine continuerà ad espandersi in tutte le varie stazioni, in un primo momento, per ciascun sito, saranno solo alcune postazioni a ricevere tale aggiornamento: la nuova tecnologia V3 prevedere picchi di potenza fino a 250 kW per le vetture Model 3 e fino a 200 kW sui più recenti modelli Model S e Model X, un passo in avanti mirato ad accorciare i tempi di ricarica e fornire un servizio più sicuro e pratico all'utente finale.

Oltre alla potenza massima, queste colonnine Supercharger V3, si presentano con nuove funzionalità di gestione della batteria durante il periodo di ricarica nonché un cavo di rifornimento più sottile ma più performante e con una struttura pensata per smaltire efficacemente il calore prodotto dal passaggio della corrente verso la vettura.

Attualmente queste colonnine V3 vengono realizzata esclusivamente presso la Gigafactory 2 a Buffalo, New York, nuove linee di produzione saranno a breve realizzare presso altri stabilimenti Tesla al fine di aumentare la disponibilità e di conseguenza la diffusione di queste nuove infrastrutture di ricarica.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

49 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
pipperon10 Giugno 2019, 11:07 #1
250KW, stiamo andando verso la stupidita' coatta.
Strato154110 Giugno 2019, 11:28 #2
Originariamente inviato da: pipperon
250KW, stiamo andando verso la stupidita' coatta.


Fintantoché il mondo esulta per i prodigi, le cose andranno avanti..
Anche Ionity in europa sta andando verso questa soluzione.
Quale è il problema? Di fatto un progresso reale nelle batterie non c'è stato, quindi per compensare il fulcro del problema non risolto si usa l'espediente della "botta di potenza in ricarica".
Visto che le auto elettriche si professano come la soluzione all'inquinamento sarebbe da chiedersi quanto sostenibile è impegnare 250kw/h ( in pratica la potenza utilizzata da 9 appartamenti con tutto acceso al limite della potenza disponibile) per ricaricare una sola auto.
Io questa risposta non la conosco, ma qualche esperto dovrebbe fornirla, è sostenibile?
Detto ciò la direzione dell'elettrico sembra presa, qui abbiamo auto di fascia alta che devono dimostrare il progrsso in campo, sebbene poi in un viaggio autostradale difficilmente superino i 300km di autonomia reale a velocità codice anche con pacchi batteria da 100kw ..
Se sia solo una moda passeggera e poi si virerà verso l'idrogeno ce lo dirà il tempo, di certo non è economica come scelta per il consumatore.
Anche nelle piccole auto il costo rispetto ad una termica è quasi il doppio e non si compensa nemmeno in 10 anni di uso, allo stato attuale e con le attuali tariffe.
puppatroccolo10 Giugno 2019, 11:33 #3
Mandategli Gretina sotto casa!
SpyroTSK10 Giugno 2019, 12:52 #4
Originariamente inviato da: Strato1541
Fintantoché il mondo esulta per i prodigi, le cose andranno avanti..
Anche Ionity in europa sta andando verso questa soluzione.
Quale è il problema? Di fatto un progresso reale nelle batterie non c'è stato, quindi per compensare il fulcro del problema non risolto si usa l'espediente della "botta di potenza in ricarica".
Visto che le auto elettriche si professano come la soluzione all'inquinamento sarebbe da chiedersi quanto sostenibile è impegnare 250kw/h ( in pratica la potenza utilizzata da 9 appartamenti con tutto acceso al limite della potenza disponibile) per ricaricare una sola auto.
Io questa risposta non la conosco, ma qualche esperto dovrebbe fornirla, è sostenibile?
Detto ciò la direzione dell'elettrico sembra presa, qui abbiamo auto di fascia alta che devono dimostrare il progrsso in campo, sebbene poi in un viaggio autostradale difficilmente superino i 300km di autonomia reale a velocità codice anche con pacchi batteria da 100kw ..
Se sia solo una moda passeggera e poi si virerà verso l'idrogeno ce lo dirà il tempo, di certo non è economica come scelta per il consumatore.
Anche nelle piccole auto il costo rispetto ad una termica è quasi il doppio e non si compensa nemmeno in 10 anni di uso, allo stato attuale e con le attuali tariffe.


Se devi ricaricare ad esempio 1000KW con una potenza di 250KW/h ci metteresti 4 ore, se invece le ricarichi a 100KW/h ci metti 10 ore. Ma il consumo (e quindi costo) è sempre di 1000KW.
Vedendola invece nel lato "Inquinamento" si sceglie con cosa produrre questi 250KWh nel senso, che si deve scegliere la fonte di energia con il male minore:
Pannelli fotovoltaici? Ci vuole 1 campo da calcio per 2 auto.
Eolico/Idrico? Non è fattibile ovunque.
Carbone? Naah, inquina troppo per i Wh che producono le centrali.
Nucleare? Valida alternativa rispetto al Costo/Inquinamento/Wh generati.
geko11910 Giugno 2019, 13:30 #5
Originariamente inviato da: SpyroTSK
Se devi ricaricare ad esempio 1000KW con una potenza di 250KW/h ci metteresti 4 ore, se invece le ricarichi a 100KW/h ci metti 10 ore. Ma il consumo (e quindi costo) è sempre di 1000KW.
Vedendola invece nel lato "Inquinamento" si sceglie con cosa produrre questi 250KWh nel senso, che si deve scegliere la fonte di energia con il male minore:
Pannelli fotovoltaici? Ci vuole 1 campo da calcio per 2 auto.
Eolico/Idrico? Non è fattibile ovunque.
Carbone? Naah, inquina troppo per i Wh che producono le centrali.
Nucleare? Valida alternativa rispetto al Costo/Inquinamento/Wh generati.



vero, però se guardi la big picture, noti una cosa:

carica lenta: in quelle 10 ore, la macchina è ferma...
carica veloce: in quelle 4 ore la macchina è ferma... e le restanti 6 ore?

durante quelle 6 ore, la usi!
quindi?

aumenta la frequenza di volte che ricarichi;
ricaricando con maggiore frequenza, cosa succede?
consumi di più no?

P.S
oltretutto sostare più tempo disincentiva l'uso della macchina, difatto diminuendo l'inquinamento e incentivando per i piccoli spostamenti a muoversi a piedi!

ne guadagneremmo tutti in salute, e non solo di inquinamento.
JohnnyD203610 Giugno 2019, 13:44 #6
Le chiacchiere stanno a zero. Nessuna delle auto a listino tesla nelle versioni performance fa 300km di autonomia su autostrada a velocità codice. Persino la model 3 ne fa di più. E uno dei motivi per cui l'auto elettrica non si diffonde sono i tempi di rifornimento, risolti quelli e abbattuto il costo delle batterie diventerà commercializzabile molto più dei mezzi a combustione. Basta dimenticarsi che l'80% della corrente prodotta in italia è a carbone, e ci si sente più green.. Cmq con un buon impianto fotovoltaico e una colonnina si abbatte l'emissione per un utilizzo cittadino.. Ma rimane sempre il problema che non abbiamo la capacità senza il nucleare di essere autosufficienti. Sono stato un depensante ai tempi, uno di quelli che votò no al nucleare ad oggi ho capito che è stato darsi la zappa sui piedi.
SpyroTSK10 Giugno 2019, 14:04 #7
Originariamente inviato da: geko119
vero, però se guardi la big picture, noti una cosa:

carica lenta: in quelle 10 ore, la macchina è ferma...
carica veloce: in quelle 4 ore la macchina è ferma... e le restanti 6 ore?

durante quelle 6 ore, la usi!
quindi?

aumenta la frequenza di volte che ricarichi;
ricaricando con maggiore frequenza, cosa succede?
consumi di più no?

P.S
oltretutto sostare più tempo disincentiva l'uso della macchina, difatto diminuendo l'inquinamento e incentivando per i piccoli spostamenti a muoversi a piedi!

ne guadagneremmo tutti in salute, e non solo di inquinamento.


Le ricariche si interrompono nel caso in cui un'auto è carica, oltretutto dall'80 al 100% la potenza diminuisce, sempre!

Ma infatti quelle colonnine da 250KWh sono messe dove le auto elettriche staranno per poco tempo, ad esempio centri commerciali che al massimo si aggirano sulle 2h oppure negli autogrill.

Mentre per le colonnine degli appartamenti/casa, anche se mettessero le 100KWh sarebbero più che sufficenti.
SpyroTSK10 Giugno 2019, 14:13 #8
Originariamente inviato da: JohnnyD2036
Le chiacchiere stanno a zero. Nessuna delle auto a listino tesla nelle versioni performance fa 300km di autonomia su autostrada a velocità codice. Persino la model 3 ne fa di più. E uno dei motivi per cui l'auto elettrica non si diffonde sono i tempi di rifornimento, risolti quelli e abbattuto il costo delle batterie diventerà commercializzabile molto più dei mezzi a combustione. Basta dimenticarsi che l'80% della corrente prodotta in italia è a carbone, e ci si sente più green.. Cmq con un buon impianto fotovoltaico e una colonnina si abbatte l'emissione per un utilizzo cittadino.. Ma rimane sempre il problema che non abbiamo la capacità senza il nucleare di essere autosufficienti. Sono stato un depensante ai tempi, uno di quelli che votò no al nucleare ad oggi ho capito che è stato darsi la zappa sui piedi.


Hai ragione dicendo che attualmente i rallentamenti delle vendite delle auto elettriche sono imputabili ai prezzi delle batterie e all'autonomia, ma sul discorso di paragonare una Tesla con la versione ludicrous non ha senso, in quanto una Model S/X con modalità Ludicrous costa circa 110.000-120.000€ e ne vedi molto poche.

Inoltre, noi siamo ancora con il carbone per un semplice motivo: i verdi.
Hoolman10 Giugno 2019, 14:17 #9
250 Kw sono 50 appartamenti, a manetta... con 4,5 kw tutti impegnati. in pratica, un intero quartiere di città. Vuol dire elettrodotto, cabina elettrica... roba che non si mette in tre secondi.

E..... la sicurezza??? C'è oggi molta, moltissima attenzione sul self-service per esempio con metano e GPL, nonostante le rispettive tecnologie ci siano da decenni.
Voglio vedere in futuro la signora Maria ad innestare/disinnestare una presa di corrente con 250kw, magari consumata, con i cavi un pò cotti o logorati dal sole...
SpyroTSK10 Giugno 2019, 14:22 #10
Originariamente inviato da: Hoolman
250 Kw sono 50 appartamenti, a manetta... con 4,5 kw tutti impegnati. in pratica, un intero quartiere di città. Vuol dire elettrodotto, cabina elettrica... roba che non si mette in tre secondi.

E..... la sicurezza??? C'è oggi molta, moltissima attenzione sul self-service per esempio con metano e GPL, nonostante le rispettive tecnologie ci siano da decenni.
Voglio vedere in futuro la signora Maria ad innestare/disinnestare una presa di corrente con 250kw, magari consumata, con i cavi un pò cotti o logorati dal sole...

Certo, la cabina elettrica è d'obbligo, ma nessuno ha detto che ci mettono poco a farla, anzi, in alcuni casi nemmeno possono farla.

La sicurezza è identica a quella che viene fatta per i distributori di benzina/gasolio, anzi, forse anche meno.

La signora Maria se non saprà infilare la spina all'auto per caricarla o non sà fare gaoslio/benzina, è bene che stia a casa e venga scarrozzata e per chi dice "eh ma io lavoro" esiste la famosa legge 104.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^