Tesla brevetta il nuovo connettore di ricarica raffreddato a liquido

Tesla brevetta il nuovo connettore di ricarica raffreddato a liquido

Dopo il raffreddamento a liquido del cavo, Tesla ha depositato un brevetto per il raffreddamento a liquido anche del connettore di ricarica che si inserisce nel bocchettone delle vetture

di pubblicata il , alle 08:31 nel canale Tecnologia
TeslaTesla
 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

24 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Mparlav01 Ottobre 2019, 12:34 #11
Originariamente inviato da: Ragerino
La retorica ecologista ci racconta che le auto elettrica sono ultra efficienti e la panacea per tutti i mali.
Il problema è che non si tiene mai conto della fisica. Questi sistemi raffredati a liquido, stanno solo a testimonare la grossa dispersione termiche che si ha nella trasmissione elettrica. E' probabile che dalla generazione all'effettivo utilizzo di quell'energia, si scenda anche al 50% di efficienza (in realtà è anche peggio, perche le centrali termoelettriche hanno un efficienza del 50%, poi ci devi togliere il 6% di dispersione intrasmissione, considera che le batterie hanno un efficienza del 86%, ed il motore elttrico del 90%, e la ricarica toglie qualche altro punto percentuale per dispersione termica) forse alla fine è quasi peggio del diesel se non si usano fonti rinnovabili.


Molto più probabile che ti sia sbagliato, il link è stato riportato più volte nei giorni scorsi.
gino4601 Ottobre 2019, 13:21 #12
Basterebbe investire seriamente su batterie e superconduttori, non parliamo di fantascienza, ma di cose realizzabili se lo si vuole veramente. Il problema è proprio volerle le cose... non inventarle.
Morarkmanu01 Ottobre 2019, 21:43 #13

Batterie da pit stop..

La butto lì:Batterie plug & play. Pit stop all'autogrill, Camogli della settimana precedente,un addetto che stacca la batteria scarica e monta una carica. Visto che le auto sono in rete, si possono posizionare le pile in punti strategici. Una presa per la carica si può anche lasciare..
Zenida01 Ottobre 2019, 23:06 #14
Originariamente inviato da: Morarkmanu
La butto lì:Batterie plug & play. Pit stop all'autogrill, Camogli della settimana precedente,un addetto che stacca la batteria scarica e monta una carica. Visto che le auto sono in rete, si possono posizionare le pile in punti strategici. Una presa per la carica si può anche lasciare..


In questo modo sarebbe troppo sicuro, troppo veloce e poco "tradizionale".
Noi menti superiori preferiamo pompare GW nella rete Real time e tenere lo stesso pacco batteria una vita
thecatman01 Ottobre 2019, 23:27 #15
e se invece del liquido fanno raffreddamento ad aria come in certe saldatrici a filo
pipperon02 Ottobre 2019, 01:07 #16
Originariamente inviato da: Morarkmanu
La butto lì:Batterie plug & play. Pit stop all'autogrill, Camogli della settimana precedente,un addetto che stacca la batteria scarica e monta una carica. Visto che le auto sono in rete, si possono posizionare le pile in punti strategici. Una presa per la carica si può anche lasciare..


stiamo parlando di sostituire mezza auto e un pacco collegato non solo elettricamente ma anche idraulicamente visto che il liquido di raffreddamento passa anche da li.
Per questi motivi e' ormai srutturale

Quindi
1) movimenti una tonnellata di batterie con un lifter
2) rabbocchi e spurghi l'impianto
3) addio design dell'auto (e speriamo addio suv) rendendole uguali
4) aumenti i pesi della auto non essendo piu' strutturale
5) DEVI METTERE D'ACCORDO TUTTI, non si sono ancora accordati per la forma del connettore di gpl e metano, men che meno per la carica elettrica (siamo a 6 connettori non compatibili) e tu speri che si mettano d'accordo per mezza auto?

Se anche fosse cosi', cosa costerebbe un pieno, 500E piu' tasse vai sui 1000E.
marcram02 Ottobre 2019, 10:25 #18
Originariamente inviato da: pipperon
stiamo parlando di sostituire mezza auto e un pacco collegato non solo elettricamente ma anche idraulicamente...

Aggiungiamoci anche il fatto che, il più delle volte, questa fantomatica e tanto temuta ricarica all'autogrill non è nemmeno necessaria...
Mparlav02 Ottobre 2019, 12:22 #19
Originariamente inviato da: Morarkmanu
La butto lì:Batterie plug & play. Pit stop all'autogrill, Camogli della settimana precedente,un addetto che stacca la batteria scarica e monta una carica. Visto che le auto sono in rete, si possono posizionare le pile in punti strategici. Una presa per la carica si può anche lasciare..


Metodo già fatto, provato e fallito.
Cerca in rete "Better Place".

Magari questa società italiana riesce nell'intento con le batterie a liquido ricaricabile:
http://www.bettery.eu/
Morarkmanu05 Ottobre 2019, 20:53 #20
Originariamente inviato da: pipperon
stiamo parlando di sostituire mezza auto e un pacco collegato non solo elettricamente ma anche idraulicamente visto che il liquido di raffreddamento passa anche da li.
Per questi motivi e' ormai srutturale

Quindi
1) movimenti una tonnellata di batterie con un lifter
2) rabbocchi e spurghi l'impianto
3) addio design dell'auto (e speriamo addio suv) rendendole uguali
4) aumenti i pesi della auto non essendo piu' strutturale
5) DEVI METTERE D'ACCORDO TUTTI, non si sono ancora accordati per la forma del connettore di gpl e metano, men che meno per la carica elettrica (siamo a 6 connettori non compatibili) e tu speri che si mettano d'accordo per mezza auto?

Se anche fosse cosi', cosa costerebbe un pieno, 500E piu' tasse vai sui 1000E.


Caro pipperon, per quanto hai scritto sono d'accordo sul punto 5. Per il resto penso che forse hai impiegato più tempo tu a scrivere quanti sono gli ostacoli di quanto un bravo ingegnere impiega per risolverli.
Immagina un pacco batterie che comprende il TM a liquido, tutto in un pezzo, fissato sotto il pianale dell'auto ( come le Tesla) e sono da connettere solo i contatti elettrici fatto da un operaio nella stazione di servizio. Si possono disegnare moduli che permettono una sostituzione in pochi minuti in un'officina con macchine automatizzate costruite appositamente. Per non parlare del fatto che alcune batterie sono raffreddate ad aria e - pensa un po' - addirittura alcuni pacchi batteria ( ad esempio) della Leaf non hanno nessun tipo di TM ( si degradano un pochino più in fretta ed i proprietari di quelle auto non sono tanto felici ). Si tratta di una questione concettuale di come approcciare il problema "tempi di ricarica" delle auto elettriche e per me sembra più sensato cambiare le pile appositamente costruite a tale scopo che cimentarsi con dei cavi raffreddati a liquido perché passa tanta di quella corrente in poco tempo da richiedere un sistema di raffreddamento. E' altrettanto ovvio che nessun costruttore farebbe una cosa del genere perché è più semplice dire alla gente di farsi un Powerwall piuttosto che investire su un sistema come lo immagino io. La moglie di Karl Benz dovette andare in farmacia a comprare l'etilene per fare fare rifornimento dopo aver "rubato" l' auto al marito, e forse in quell'epoca nessuno immaginava che nel giro di 100 anni si sarebbe sviluppata la rete di rifornimento di carburanti che conosciamo ( almeno nel mondo occidentale). I problemi che paventi sono tutti superabili.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^