Tesla disabilita Autopilot su Model S usata: 'Non aveva pagato per la feature'

Tesla disabilita Autopilot su Model S usata: 'Non aveva pagato per la feature'

L'azienda ha disattivato l'Autopilot su una Model S dopo che il nuovo acquirente l'aveva comprata da un rivenditore di auto usate. Ecco i dettagli della vicenda

di pubblicata il , alle 19:21 nel canale Tecnologia
Tesla
 

Tesla ha disabilitato a distanza le funzioni di assistenza alla guida di una Tesla Model S dopo che è stata venduta a un nuovo proprietario. La compagnia sostiene che la feature "non sia stata pagata" e quindi non può essere usata su quel veicolo. Peccato però che prima di passare al nuovo acquirente l'Autopilot c'era. Si tratta di un caso che non ha molti precedenti, la cui soluzione potrebbe non essere così scontata.

La notizia è stata riportata da Jalopnik, che cita il nuovo proprietario con il nome di Alec. L'acquisto è stato effettuato lo scorso dicembre, attraverso un rivenditore che aveva ottenuto l'auto un mese prima da un'inserzione realizzata dalla stessa Tesla. La vettura veniva venduta con le funzioni "Enhanced Autopilot" e "Full Self Driving Mode" abilitate, tuttavia al ritiro dell'automobile Alec ha scoperto che le due funzioni non erano sfruttabili.

Le feature erano abilitate quando il rivenditore ha venduto l'automobile al nuovo acquirente, e naturalmente il rivenditore ha promosso il veicolo indicando la presenza della modalità Autopilot. La situazione solleva domande del tutto nuove e di difficili risoluzione, soprattutto per quanto riguarda la capacità di Tesla di poter intervenire in maniera pesante da remoto sulle funzionalità e le caratteristiche tecniche di ogni singola automobile venduta.

Tesla può intervenire da remoto sul software abilitando nuove funzionalità in veicoli specifici, e quindi può farlo anche per eliminarle. In base alle politiche attuali dell'azienda le auto Tesla vendute con aggiornamenti hardware eseguiti durante la sua vita, come ad esempio l'installazione del cruise control adattivo, modifiche al sistema di propulsione e altro, mantengono le feature ottenute dopo l'acquisto anche in caso di rivendita.

Non è così per quanto riguarda le modifiche di natura solo software, che le auto possono effettivamente perdere in alcune circostanze ben precise. Alec ha scoperto questa piccola clausola a sue spese contattando il servizio d'assistenza Tesla. Ecco la risposta ricevuta:

"Tesla ha recentemente identificato casi in cui i clienti hanno ricevuto in modo errato la modalità Autopilot anche se non avevano pagato per la funzione. Da allora è stato effettuato un controllo per risolvere queste istanze. Il tuo veicolo è uno dei veicoli che avevano ricevuto erroneamente il pilota automatico. Abbiamo controllato la cronologia degli acquisti e purtroppo la guida autonoma non era una caratteristica che avevi acquistato. Ci scusiamo per la confusione. Se sei ancora interessato ad avere le funzionalità aggiuntive, possiamo iniziare il processo per acquistare l'aggiornamento".

Processo che però avrebbe un costo di circa 8000 dollari, e per cui Alec ha già pagato in fase di acquisto nella valutazione dell'auto usata. Con un'auto "normale" questo non potrebbe succedere, visto che la stragrande maggioranza delle modifiche applicabili richiede la presenza di un tecnico, un meccanico, o comunque un intervento "fisico".

La situazione di Alec solleva diverse questioni su come la gestione degli aggiornamento over-the-air di Tesla possa essere utilizzata per effettuare vere e proprie truffe ai danni dei nuovi acquirenti, soprattutto considerando che non è la prima volta che si parla di ansie legate alla capacità di Tesla di poter intervenire in maniera così massiccia da remoto sui propri veicoli.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

82 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
pingalep07 Febbraio 2020, 19:39 #1
mi sembra semplice. reso per inottemperanza delle condizioni contrattuali stipulate. o rimborso della differenza da svalutazione per mancanza di funzione dichiarata presente. il titolo è fuorviante, sembra che l'autopilot debba essere pagato da ogni proprietario ad ogni cambio di proprietà, invece era stato semplicemente ottenuto erroneamente da quell'auto.
Abalfor07 Febbraio 2020, 19:56 #2
Originariamente inviato da: pingalep
il titolo è fuorviante


è una feature gratuita sempre presente.
ritpetit07 Febbraio 2020, 20:00 #3
Il titolo sarà anche fuorviante, resta il fatto che su un'auto che TU hai comprato, è tua DOMANI Tesla può farci quello che vuole.

Questo è inaccettabile: volesse frodare i consumatori e cominciare random a far "rendere" il 3% al mese in meno le batterie di un certo numero di auto con oltre 2 anni, per venderne delle nuove, potrebbe farlo tranquillamente.

No grazie, più vedo QUESTO futuro per l'auto, più mi viene voglia di fare la pazzia e mettermi una Deltona storica in garage..
ritpetit07 Febbraio 2020, 20:00 #4
Il titolo sarà anche fuorviante, resta il fatto che su un'auto che TU hai comprato, è tua DOMANI Tesla può farci quello che vuole.

Questo è inaccettabile: volesse frodare i consumatori e cominciare random a far "rendere" il 3% al mese in meno le batterie di un certo numero di auto con oltre 2 anni, per venderne delle nuove, potrebbe farlo tranquillamente.

No grazie, più vedo QUESTO futuro per l'auto, più mi viene voglia di fare la pazzia e mettermi una Deltona storica in garage..
Abalfor07 Febbraio 2020, 20:05 #5
Originariamente inviato da: ritpetit
Il titolo sarà anche fuorviante, resta il fatto che su un'auto che TU hai comprato, è tua DOMANI Tesla può farci quello che vuole.

Questo è inaccettabile: volesse frodare i consumatori e cominciare random a far "rendere" il 3% al mese in meno le batterie di un certo numero di auto con oltre 2 anni, per venderne delle nuove, potrebbe farlo tranquillamente.

No grazie, più vedo QUESTO futuro per l'auto, più mi viene voglia di fare la pazzia e mettermi una Deltona storica in garage..


che malpensante, quando mai succedono queste cose in questo sistema economico del consumo.
la deltona te la consiglio se vuoi metterla in garage, se vuoi usarla come prima auto invece no.
Flortex07 Febbraio 2020, 20:20 #6
Originariamente inviato da: ritpetit
Il titolo sarà anche fuorviante, resta il fatto che su un'auto che TU hai comprato, è tua DOMANI Tesla può farci quello che vuole.

Questo è inaccettabile: volesse frodare i consumatori e cominciare random a far "rendere" il 3% al mese in meno le batterie di un certo numero di auto con oltre 2 anni, per venderne delle nuove, potrebbe farlo tranquillamente.

No grazie, più vedo QUESTO futuro per l'auto, più mi viene voglia di fare la pazzia e mettermi una Deltona storica in garage..


Quoto completamente.

Questi bidoni a controllo remoto se li possono tenere.

Tesla poi, dopo la storia degli acquisti dall'app da 4000+$, più delle altre.
biometallo07 Febbraio 2020, 20:59 #7
Originariamente inviato da: Abalfor
è una feature gratuita sempre presente.

Premetto che non so nulla delle Tesla ma qui si parla di due optional che nella notizia originale si possono vedere in dettaglio:

Enanched Autopilot 5.000$
Full Self Driving Capability 3.000$

In vero pare che quando l'auto era ancora in concessionario dopo un aggiornamento software le due funzioni sono state rimosse.

Tra l'altro nell'articolo è stata aggiunta la testimonianza del concessionario:

Ho visto la storia di Tesla esplodere sul tuo sito Web e anche su alcuni altri. Siamo i concessionari (U nited T raders) che hanno venduto la T esla ad Alec B_____ .

Ho comprato quel veicolo personalmente, e ho usato il full self drive su di esso più volte. Funzionava bene. Un giorno, è apparso un messaggio casuale che diceva che il tuo pilota automatico è stato aggiornato dopo un aggiornamento del software. Quindi è scomparso. Ho pensato che fosse un problema tecnico. Avevo già un accordo con Alec per l'acquisto del veicolo.

È venuto a testarlo qualche giorno dopo, ed entrambi abbiamo concordato che si sarebbe trattato di una difficoltà tecnica o di un bug che sarebbe stato risolto dal prossimo aggiornamento del software. Da allora Tesla non gli è stato di alcun aiuto, e ho fatto del mio meglio per ottenere un aiuto in questo caso.

Vendo dozzine di Tesla all'anno e ho venduto a mio suocero un modello X P90D con un pacco di velocità smodata (ludicrous speed package). 60 giorni dopo l'acquisto dell'auto, Tesla ha rimosso il suo pacco di velocità smodata. In seguito a lamentele, hanno dichiarato che non era mai stato pagato. Abbiamo prove video e più immagini del veicolo con esso. Hanno persino rimosso la linea sotto il P90D. Sono ancora scioccato da queste azioni.

TigerTank07 Febbraio 2020, 22:07 #8
Finirà che faranno come con i videogiochi, ti vendono l'auto e poi a parte devi pagare le varie features aggiuntive sotto forma di DLC. O magari pacchetti abbonamento personali e non trasferibili
giuvahhh07 Febbraio 2020, 22:50 #9
bene, auto da non prendere, azienda da evitare. sperando che non facciano casini anche con i powerwall2. a pensar male...
Thalon08 Febbraio 2020, 01:59 #10
Mi chiedo se tra un po' ci troveremo pure officine che offrono di craccare le Tesla per disabilitare il controllo remoto e sbloccare feature.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^