Tesla rompe con Mobileye dopo l'incidente mortale

Tesla rompe con Mobileye dopo l'incidente mortale

Tesla interrompe la collaborazione con Mobileye, startup che ha fornito alla società fondata da Elon Musk i chip necessari per il funzionamento del sistema di guida semi-automatica delle vetture Tesla. L'azienda potrebbe sviluppare in proprio la tecnologia necessaria all modalità Autopilot.

di Salvatore Carrozzini pubblicata il , alle 17:01 nel canale Tecnologia
Tesla
 

Cadono le prime teste nella filiera dei fornitori della componentistica necessaria al funzionamento del sistema di guida semi-autonoma delle vetture Tesla, dopo l'incidente mortale passato agli onori della cronaca anche perché avvenuto con modalità Autopilot attiva. Tesla interrompe la collaborazione con Mobileye, la startup che ha fornito alla società di Elon Musk i chip che per il riconoscimento delle immagini che permettono alle vetture Tesla di evitare gli ostacoli sul percorso in modalità Autopilot.

tesla crash

(Foto della Tesla Model S coinvolta nella collisione rivelatasi fatale per il conducente Joshua Brown - Fonte NTSB)

La notizia è stata confermata dal CTO di Mobileye, Ammon Sashua, in occasione dell'incontro con gli investitori al termine del suo secondo trimestre fiscale. Notizia, come facilmente, intuibile che ha prodotto un impatto diretto sulle quotazioni azionarie della startup, calate del 7% a poche ore di distanza dall'annuncio. Mobileye non fornirà più nuovi chip a Musk, ma continuerà a portare avanti l'attività di supporto e di manutenzione di quelli già integrati nelle vetture Tesla. L'attività comprenderà ulteriori aggiornamenti che permetteranno, senza richiedere interventi di tipo hardware, di migliorare sia l'efficienza del sistema di sterzo automatico, sia la capacità di evitare collisioni.

Elon Musk ha commentato freddamente la notizia della recente decisione di interrompere la collaborazione con Mobile: "La nostra separazione è stata piuttosto inevitabile. Dal nostro punto di vista non c'è nulla di inatteso". Rimasta senza partner, per Tesla si apre la prospettiva dello sviluppo in proprio della tecnologia necessaria al sistema di guida semi-autonoma delle sue autovetture. Per il momento, non c'è ancora nulla di ufficiale a riguardo, ma alcune recenti scelte compiute dall'azienda, come l'assunzione di Jim Keller, storico progettista di chip AMD, in qualità di Vice President of Autopilot Hardware Engineering, lasciano intendere che Musk stia approntando le risorse per gestire in proprio lo sviluppo del sistema di guida semi-autonoma. 

Nel frattempo, si aggiunge un nuovo tassello alla vicenda che contribuito a generare molti dubbi sull'affidabilità dell'Autopilot delle auto Tesla. Dalle indagini preliminari compiute dall'NTSB statunitense (National Transportation Safety Board) è emerso che la collisione che ha determinato la morte di Jousha Brown è stata determinata anche dalle velocità elevata: il conducende viaggiava con modalità Autopilot attiva 9 miglia oltre il limite di velocità. E' ancora una volta il software delle vetture Tesla ad essere sotto accusa: l'attivazione della modalità Autopilot, infatti, va incontro a delle restrizioni in base alla velocità - non può essere attivata viaggiando a cinque miglia oltre il limite di velocità - che operano, tuttavia, solo circolando nelle strade residenziali e nei centri urbani. 

Tesla aveva riconosciuto che l'incidente era avvenuto per una serie di concause, tra cui il colore bianco del rimorchio che ha colpito la vettura e che, a causa della forte luce solare, ha tratto in inganno i sensori dell'Autopilot. Mobileye ha inoltre confermato che i sistemi AEB (Autonomous Emergency Braking) sono messi in difficolta da ostacoli che raggiungono la vettura lateralmente, come avvenuto nell'incidente dalla Tesla S. Al di là dei limiti tecnici delle tecnologie di auto-guida esistenti, per ora è certo che Tesla seguirà altre strade per equipaggiare le vetture Tesla con una tecnologia per la gestione della guida semi-autonoma ancor più affidabile di quella attuale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Pino9027 Luglio 2016, 20:19 #1
tra cui il colore bianco del rimorchio che ha colpito la vettura e che, a causa della forte luce solare, ha tratto in inganno i sensori dell'Autopilot


Secondo me se non si sostituisce il termine "sensore" con "telecamera" questa frase ha poco senso.

Un sensore di prossimità o un radar o un telemetro laser o tutti i sensori che mi vengono in mente che con un po' di fantasia potrebbero essere adatti allo scopo se ne fregano del colore.... solo le telecamere si fanno fregare così.

Qui c'è qualquadra che non cosa!

Ovviamente mi potrei sbagliare, qualcuno ha notizie più approfondite?
PeK27 Luglio 2016, 20:51 #2
questo cambio era previsto, non per niente Tesla aveva già assunto Jim Keller (ex AMD ed ex Apple) per metterlo a capo della ricerca per l'hardware autopilota.

http://electrek.co/2016/01/28/tesla...or-architect-2/
giuliop27 Luglio 2016, 21:57 #3
Originariamente inviato da: Pino90
Secondo me se non si sostituisce il termine "sensore" con "telecamera" questa frase ha poco senso.


A questo livello c'è poca differenza fra una telecamera e un sensore...
Pino9027 Luglio 2016, 22:01 #4
Originariamente inviato da: giuliop
A questo livello c'è poca differenza fra una telecamera e un sensore...


Scusami, cerco di spiegarmi meglio, ero di fretta. La mia non è una polemica linguistica, ma proprio una frase che non comprendo: al di là di una telecamera, quale altro sensore che può essere adatto allo scopo di guidare una automobile è influenzato dal colore degli oggetti e/o dalla quantità di luce presente? E allora perché non chiamarlo telecamera? A me sembra proprio che questa volta Mobileye abbia venduto una tecnologia veramente immatura, con conseguente rottura dei rapporti con Tesla...
giuliop28 Luglio 2016, 00:45 #5
Originariamente inviato da: Pino90
Scusami, cerco di spiegarmi meglio, ero di fretta. La mia non è una polemica linguistica, ma proprio una frase che non comprendo: al di là di una telecamera, quale altro sensore che può essere adatto allo scopo di guidare una automobile è influenzato dal colore degli oggetti e/o dalla quantità di luce presente? E allora perché non chiamarlo telecamera? A me sembra proprio che questa volta Mobileye abbia venduto una tecnologia veramente immatura, con conseguente rottura dei rapporti con Tesla...


Ma no, lo dicono chiaramente che sono telecamere, e ad ogni modo non puoi partire da questo per giudicare se la tecnologia sia matura o meno; poi anche se fosse effettivamente immatura la responsabilità sarebbe comunque stata di Tesla (che in questo caso si sarebbe rivalsa su Mobileye)... se non fosse stata dell'utente, perché alla fine sono molto dispiaciuto, ma è lui che è stato imprudente.
Ad ogni modo se leggi le notizie in giro sembra proprio che i fatti non siano collegati, semplicemente Tesla ha deciso (anzi lo aveva già fatto) di sviluppare la propria tecnologia internamente.
Notturnia28 Luglio 2016, 07:37 #6
basterebbe aggiungere i volgari radar anticollisione che hanno moltissime auto ormai.. radar + telecamera etc.. non o una o l'altra..

se il pc ha dubbi frena.. fine..
Cunctator8628 Luglio 2016, 08:47 #7
In realtà non è così semplice, i sensori di prossimità utilizzati generalmente nei veicoli a guida autonoma sono di due classi, radar e infrarossi, i più utilizzati sono i secondi perché più economici a parità di costo ma anche più sensibili all'accecamento causato da fonti di calore o di intense sorgenti luminose (qualcuno ha detto "Sole"?). La stessa vulnerabilità è presente nelle barriere ad infrarossi attive dei sistemi antifurto o nel sensore di profondità di kinect ad esempio.
nickmot28 Luglio 2016, 09:18 #8
Originariamente inviato da: Notturnia
basterebbe aggiungere i volgari radar anticollisione che hanno moltissime auto ormai.. radar + telecamera etc.. non o una o l'altra..

se il pc ha dubbi frena.. fine..


Appunto, per poter avere uun minimo di fiducia in tali sistemi mi aspetto minimo sensori di vario tipo e ridondati, proprio per evitare cose come quella che ha causato questo incidente.
Cunctator8628 Luglio 2016, 14:25 #9
basterebbe aggiungere i volgari radar anticollisione che hanno moltissime auto ormai.. radar + telecamera etc.. non o una o l'altra..

se il pc ha dubbi frena.. fine..


C'e' da chiedersi come mai quegli inetti alla Tesla non ci abbiano pensato...

Appunto, per poter avere uun minimo di fiducia in tali sistemi mi aspetto minimo sensori di vario tipo e ridondati, proprio per evitare cose come quella che ha causato questo incidente.


E infatti i sensori ridondati ci sono: una camera frontale, un radar a lungo raggio sempre frontale e un array di radar a corto raggio tutto intorno al veicolo.
Eress28 Luglio 2016, 18:54 #10
L'errore è sempre possibile, niente e nessuno è infallibile. Personalmente non sono entusiasta degli autoveicoli a guida autonoma. Si vorrebbero anche ridurre gli incidenti. Innanzitutto sarebbe meglio curare le strade e le segnaletiche, poi rispettare regole e norme di sicurezza. Per quanto tutto ciò in Italia resta pura utopia. Alla fine ci aggiungo pure che a me guidare non dispiace affatto. Ma in generale, trovo che delegare tutto alle macchine non sia un fatto positivo per noi, ma tant'è, quello ci aspetta. Alla fine l'unica cosa davvero positiva è che non vedremo più donne al volante

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^