Toyota e-Palette: un po' auto, un po' negozio, con la benedizione di Amazon e non solo

Toyota e-Palette: un po' auto, un po' negozio, con la benedizione di Amazon e non solo

Il mondo dei veicoli a guida autonoma assume una dimensione tutta nuova con l'annuncio della piattaforma e-Palette di Toyota. Non è un'automobile o almeno non solo, può essere un negozio che viene a trovarci a casa oppure molte altre cose. Cerchiamo di capire insieme questa mossa apparentemente azzardata di Toyota

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 10:01 nel canale Tecnologia
Toyota
 

Diciamolo subito: e-Palette di Toyota si muove, autonomamente, sul confine fra genio e follia, almeno basandosi sulle prime impressioni. Nel corso della conferenza stampa Toyota, per voce del presidente Akio Toyoda, è stata mostrata quella che viene una piattaforma di mobilità che va sotto il nome di e-Palette. Si tratta appunto di una piattaforma aperta e quindi si esula del tutto dal semplice concetto di automobile, così come è diverso il target che sono le aziende e non gli utenti finali ma aspettate a perdere interesse, sarebbe un grande errore.

Questo modulo a guida autonoma infatti potrebbe entrare nel nostro quotidiano ben più di quanto immaginiamo, perché è pensato per coprire una lunga serie di esigenze vecchie e nuove. Innanzitutto ha una natura volutamente modulare e adattabile, tanto che nell'arco delle 24 ore può svolgere diversi compiti per aziende diverse, oppure per servizi differenti. Esiste già la e-Palette Alliance e per capire chi vi ha già aderito, si pensi ad esempio a nomi come Amazon, Uber e Pizza Hut.

Questi partner ci permettono di fare qualche esempio: immaginiamo che un domani non troppo lontano si voglia acquistare qualcosa su Amazon, con la possibilità di provarlo nel caso siano scarpe o capi di abbigliamento. Ecco, e-Palette potrebbe venire sotto casa per conto di Amazon e darci questa possibilità. In pratica il negozio viene da noi. Lo stesso e-Palette, nell'arco della stessa giornata, potrebbe svolgere anche altre funzioni come ad esempio consegnare le pizze di pizza Hut, ma anche fungere da navetta per andare al lavoro o portare in ospedale persone che non possiedono un mezzo.

Ovviamente e-Palette potrà essere usata anche in via esclusiva da questa o quell'azienda; quella proposta da Toyota è una visione di un futuro in cui e-Palette possa fungere da modulo a guida autonoma multi-funzione, ma anche come mezzo vero e proprio di trasporto ma anche chiosco, magari in occasione di concerti e manifestazioni.

La proposta quindi è decisamente interessante e anticipa sicuramente quello che potrebbe essere un futuro possibile; Toyota ha tenuto a precisare di guardare avanti e non essere considerata solo come azienda che produce automobili, ma qualcosa di più simile a una "mobility company". Mobile as a service, in somma, MaaS, o come lo si preferisce chiamare. Riteniamo e-Palette, parere nostro e opinabile, una delle cose più intelligenti viste al CES fino ad ora. Sarà realizzabile nella realtà? Ci sarà da attendere, poiché sempre di guida autonoma si tratta e i tempi non sono ancora maturi. Le premesse però sono buone, così come un bel segnale viene dalla benedizione di partner importanti nella logistica e nei servizi "mobility":

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Axel.vv09 Gennaio 2018, 11:46 #1
LOL, l'ho visto l'altro ieri in una puntata di black mirror!
Bivvoz09 Gennaio 2018, 12:41 #2
Sicuramente il futuro nelle grandi città sarà così, ma poi anche fuori dalle città.
deggial09 Gennaio 2018, 12:46 #3
Umh... hanno inventato il furgoncino del mercato? O il furgoncino del paninaro?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^