Toyota Yaris Cross: il nuovo SUV compatto ibrido della casa giapponese

Toyota Yaris Cross: il nuovo SUV compatto ibrido della casa giapponese

Toyota fa il suo ingresso nel settore dei B-suv con la controparte "rialzata" di una delle auto più vendute al mondo nel settore delle City Car

di pubblicata il , alle 17:21 nel canale Tecnologia
Toyota
 

Toyota Yaris Cross, in arrivo a metà 2021, condivide con la Yaris di base sia la piattaforma che il motore full-hybrid a cui aggiunge la trazione integrale 4x4. La casa giapponese è in ritardo in un settore che negli ultimi anni ha visto una crescita esponenziale, soprattutto in Europa, e che è ormai presidiato da quasi tutti i produttori di automobili. Lo fa con un modello che non è una semplice evoluzione della Yaris, ma un progetto completamente nuovo con caratteristiche peculiari come l'alimentazione ibrida e le quattro ruote motrici.

Si inserisce in un settore immediatamente sotto a Toyota C-HR. Rispetto alla Yaris, la lunghezza aumenta di 240 mm, di cui 60 mm di sbalzo anteriore e 180 mm di posteriore, mentre l’altezza da terra è aumentata di 30 mm. L'unica misura in comune con la Yaris sono i 2,56 metri di passo. Il design è stato accuratamente studiato per enfatizzare i passaruota e dare l'idea di energia e raffinatezza.

Motore full hybrid

Il motore è il full hybrid 1.500 cc da 116 cv. Si tratta di una motorizzazione derivata dalle più potenti 2.000 e 2.500 cc con particolare attenzione ai consumi e alle emissioni, settore in cui la nuova Toyota Yaris Cross dovrebbe garantire prestazioni record. Toyota parla di 90 g/km di CO2 per la Cross a trazione anteriore e di 100 g/km di CO2 per la Cross a quattro ruote motrici. Il sistema Hybrid Dynamic Force 1.500 L utilizza un motore 3 cilindri benzina da 1.490 cc a ciclo Atkinson con fasatura variabile delle valvole.

Cambio automatico e Inverter

Per poter conseguire il record nelle emissioni Toyota Yaris Cross gestisce la marcia nel traffico con trazione elettrica per l'80% del tempo. È anche in grado di veleggiare fino a 130 kmh in modalità zero emissioni. Il segreto consiste nel cambio automatico di serie e nel nuovo Inverter più reattivo nel gestire i flussi energetici in entrata e in uscita.

Architettura modulare

Si tratta dell'architettura TNGA (Toyota New Global Architecture) già utilizzata dalla Yaris, mentre la piattaforma su cui è costruito il veicolo è GA-B, una variante rispetto a quella di Yaris. In sostanza, Toyota sta ripetendo lo stesso approccio già intrapreso con i pianali più grandi con la piattaforma GA-C utilizzata da Prius, C-HR e dalla nuova Corolla e la GA-K di Rav4.

Interni

Un lavoro molto attento è stato fatto per razionalizzare la plancia con tre aree principali. Si tratta del Toyota Touch Screen centrale, il display sul quadro strumenti e dell'Head-Up Display a colori da 10 pollici. Il bagagliaio è più generoso rispetto ai modelli precedenti e, soprattutto, il portellone è ad apertura elettrica attivabile col piede in quei casi in cui si hanno entrambe le mani occupate.

Concorrenza

Toyota prevede di produrre più di 150 mila Yaris Cross all’anno per l’Europa nello stabilimento TMMF di Onnaing, vicino a Valenciennes in Francia. La linea di produzione sarà in condivisione con quella della Yaris. Secondo Toyota, i due modelli potrebbero rappresentare entro il 2025 il 30% di tutte le vendite del brand in Europa. Però, non è da sottovalutare il fatto che Toyota sta entrando in un settore di mercato molto affollato e che lo fa con ritardo.

Modelli già in vendita molto bene attrezzati sono Volkswagen T-Cross e Skoda Kamiq, mentre i vendutissimi Renault Captur e Nissan Juke stanno per debuttare nelle varianti ibride plug-in. Fra gli ultimi arrivati c'è la Peugeot 2008 disponibile in versione 100% elettrica, a cui a breve si aggiungeranno la nuova Opel Mokka e il suv compatto di Dacia, la Spring. Già disponibile Ford Puma, offerta in versione ibrida.

Altri dettagli su Toyota Yaris Cross si trovano sul sito ufficiale.

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ragerino24 Aprile 2020, 17:41 #1
E' un peccato che abbiano smesso di farle con i semplici motori a benzina. L'ibrido per alcuni (come me) è inutile e costoso. Basterebbe montarle con quello che vendono nel resto del mondo. Qualche anno fa cercavo un auto usata, mi piaceva la Auris, ma ho ripiegato su altro perche esisteva solo ibrida. A parte il deterioramento della batteria che le rende meno appetibili nell'usato, risulta pure completamente inutile per chi come me lascia l'auto in garage in media 5 giorni la settimana.
Paganetor24 Aprile 2020, 19:04 #2
sono nella stessa situazione di Ragerino: ho una Yaris 1.3 a benzina che ormai ha 15 anni, ma la uso davvero poco (ha su 148.000 km) e per me non ha senso né l'ibrido, né il diesel.
Un benzina di cilindrata medio-piccola (come appunto un 1.5 o 1.6 da 120 CV) non sarebbe male, soprattutto su una macchina leggera (nell'ordine dei 1.000-1.100 kg a secco).

Poi devo dire che a me il variatore proprio non piace. Giù il cambio automatico non mi esalta, ma quelli robotizzati in modalità sequenziale li accetto. Il frullatore no.

Si sa quanto peserà questa "Yaris"? (che di Yaris ha poco o niente)
Perché temo che sarà vicina ai 1.500 kg, un abominio...
\_Davide_/24 Aprile 2020, 20:01 #3
Considerate che i CV dichiarati sulle ibride sono sempre un calcolo teorico: nella realtà vanno molto meno.
polkaris25 Aprile 2020, 10:39 #4
Era ora, sono contento, finalmente una simil yaris/chr che non si ferma davanti a una buca o a una strada sterrata. A livello di prestazioni sono un po' perplesso, ma la proverò per dire la mia. L'estetica la trovo accettabile. Sarà importante sapere quanto costa, perché la concorrenza c'è.
\_Davide_/25 Aprile 2020, 13:56 #5
Originariamente inviato da: polkaris
che non si ferma davanti a una buca o a una strada sterrata.




Al massimo può aiutare un po' sulla neve, ma non ho grandi esperienze con l'ibrido a riguardo

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^