Traghetti 100% elettrici: dalla Norvegia dati di riduzione emissioni del 95% e costi dell'80%

Traghetti 100% elettrici: dalla Norvegia dati di riduzione emissioni del 95% e costi dell'80%

I dati sono stati raccolti dall'imbarcazione Ampere, un classico traghetto diesel convertito all'elettrico nel Maggio del 2015, sono stati riscontrate emissioni ridotte del 95% e costi di gestione contenuti dell'80%

di pubblicata il , alle 14:01 nel canale Tecnologia
 

Fjord1, azienda per il trasporto marittimo norvegese, ha comunicato dati relativi ai primi due anni di servizio del suo primo, ed attualmente unico, traghetto 100% elettrico, attirando l'attenzione sull'effettivo potenziale di questa politica di riconversione dei vecchi mezzi a combustibile fossile.

I dati sono stati raccolti dall'imbarcazione Ampere, un classico traghetto diesel convertito all'elettrico nel Maggio del 2015, sono stati riscontrate emissioni ridotte del 95% e costi di gestione contenuti dell'80%, questi dati hanno spinto alla costruzione di altri sette traghetti alimentati a batterie che questa volta saranno realizzati da zero e non saranno dei semplici revamping di mezzi esistenti.

A vantaggio di questa tecnologia la possibilità di stoccare a bordo grandi quantitativi di batterie, ottimizzarne facilmente i consumi, sfruttare rendimenti più elevati dei motori elettrici e soprattutto contare sulla possibilità di ricarica dalla rete elettrica nei momenti in cui la nave è attraccata tra una rotte e l'altra, andando ad immagazzinare energia più che sufficiente per coprire percorsi brevi tipici dei traghetti.

Fjord1 attualmente possiede una flotta di 75 navi, ed i sette nuovi traghetti green entreranno in funzione già a partire dal 1° gennaio 2020.

Altre aziende marittime hanno percepito il grande vantaggio della tecnologia elettrica, ad esempio la Stena Line, azienda che si occupa del servizio traghetti tra Danimarca e Svezia, ha annunciato di avere già un progetto per convertire una delle sue più grandi navi, la Stena Jutlandica, alla propulsione elettrica, installando un pacco batterie da ben 1 MWh per alimentare l'intera nave lunga ben 185 m, rendendola praticamente, una delle più grandi navi 100 % elettriche del mondo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

23 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
PeK14 Marzo 2018, 15:25 #1
Originariamente inviato da: Veradun
Queste cose sono fichissime, poi però c'è da considerare che gran parte delle emissioni sono semplicemente state spostate altrove e si aggiunge un problema di smaltimento che prima o poi bisognerà pure affrontare se l'elettrico diventerà mainstream.


sbagliato: per produrre la benzina consumi molta più corrente
voodooFX14 Marzo 2018, 15:27 #2
Originariamente inviato da: Veradun
Queste cose sono fichissime, poi però c'è da considerare che gran parte delle emissioni sono semplicemente state spostate altrove e si aggiunge un problema di smaltimento che prima o poi bisognerà pure affrontare se l'elettrico diventerà mainstream.


inutile, questa cosa non la vuole ne sentire ne capire proprio nessuno...

il top poi sono i governi che annunciano "solo elettrico dal 202x" ...
Sputafuoco Bill14 Marzo 2018, 15:39 #3
Nel loro calcolo si sono dimenticati l'inquinamento portato dall'estrazione e lavorazione di litio e cobalto nel costruire batterie.
Vash8814 Marzo 2018, 15:48 #4
Originariamente inviato da: Sputafuoco Bill
Nel loro calcolo si sono dimenticati l'inquinamento portato dall'estrazione e lavorazione di litio e cobalto nel costruire batterie.

Hanno usato ruspe elettriche

Irionia OFF: ottimo progetto, sicuramente risparmieranno un sacco di soldi e limitereanno l'inquinamento
Capozz14 Marzo 2018, 16:38 #5
Teniamo pure presente che si tratta di un traghetto piuttosto piccolo, lento e che ha un'ora scarsa di autonomia.
Simili navi sono utilizzabili solo per tratte brevissime (l'Ampere copre una distanza di soli 5.7 km) ma, tanto per dire, già da Piombino all'Elba non ci arriva.
Capozz14 Marzo 2018, 17:01 #6
Originariamente inviato da: Bivvoz
Nel 2013 il 98% del fabbisogno elettrico della Norvegia è stato coperto con l'energia idroelettrica, ma anche solare ed eolico vanno molto forte e sono molto in crescita.
FONTE: https://www.regjeringen.no/en/topic...rway/id2343462/

Ma ripetete sempre le solite tristi obbiezioni senza ricordarvi che il resto del mondo non è come l'Italia (che ha menti geniali tra gli scenziati ma politici miopi e vecchi).

La conversione all'elettrico è il futuro, questo ovviamente deve essere accompagnato da una conversione della produzione energetica da fonti rinnovabili.
Specificarlo è giusto, ripetere continuamente "le emissioni sono semplicemente state spostate altrove" è inutile e in questo caso è pure falso.


Considera pure che le condizioni ambientali tra l'Italia e la Norvegia sono piuttosto differenti.
Li hanno la possibilità di produrre di 130 TWh l'anno di corrente tramite l'energia idroelettrica, ed hanno ancora margine, qui con l'idroelettrico ne produciamo 60 e lo sfruttamento è al 100%.
Allo stato attuale delle cose, se volessimo aumentare la nostra produzione dovremmo obbligatoriamente costruire altre centrali a gas, visto che il nucleare è fuori legge.
harlock1014 Marzo 2018, 18:03 #7
Produrre energia da combustibiki fossili relativamente puliti come il metano, sfruttando centrali a ciclo combinato moderne permette di avere rendimenti impensabili per un piccolo motore di una nave o di un mezzo di trasporto, giá solo così si possono ridurre di molto le emissioni.
battalion7514 Marzo 2018, 18:06 #8
no problem signori...

già partito il progetto reggio calafrica - messina per il passaggio a elettrico dei traghetti italioti

progetto per il 2115

soli 65 anni per le pratiche burocratiche 34 anni per decidere a quale gruppo farlo mangiare e 6 mesi per la realizzazione...

scherzi a parte...almeno si riciclano subito i vecchi traghetti ,abbatti i costi di gestione manutenzione e (utopia in italia) abbassare i costi

ok che produrre energia costa...passiamo a solare eolico geotermico maree etc...incentivate e si lavora tutti...

invece di pensare come rubare che poi non restano manco i soldi per comprare le siringhe al pronto soccorso!

ecco perche molti se ne andranno dalla barca italia che affonda se i nuovi al governo non faranno davvero qualcosa...tipo schiodare i dinosauri dalle poltrone etc

scusate off topic ma apprezzo i norvegesi e la loro intraprendenza...e pensate che una delle menti nel progetto è un italidiota che conosco,faceva lo stage alla magnetimarelli di mantova e aveva seguito il primo kers ferrari a 900€ al mese...giudicate e pensate

finalmente se ne è andato dall'italia e sono felice per lui
Mparlav14 Marzo 2018, 18:24 #9
Potrebbero benissimo fare come le navi vichinghe: remi e vela, riduci ulteriormente l'impatto ambientale e mantieni in forma i passeggeri
marcorrr14 Marzo 2018, 19:28 #10
Originariamente inviato da: Bivvoz
Nel 2013 il 98% del fabbisogno elettrico della Norvegia è stato coperto con l'energia idroelettrica, ma anche solare ed eolico vanno molto forte e sono molto in crescita.
FONTE: https://www.regjeringen.no/en/topic...rway/id2343462/



Grazie al piffero, hanno una superficie simile a quella dell'Italia (323 mila kmq contro 301 mila), sono un decimo degli italiani (5,1 milioni contro 60,5 milioni) e consumano la metà (133 miliardi di KWh contro 296) fonte:https://www.indexmundi.com/map/?t=0...p;r=eu&l=it

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^