TT Zero 2019, vince Rutter del team Mugen, iridato dal 2014: situazione di stallo per la categoria?

TT Zero 2019, vince Rutter del team Mugen, iridato dal 2014: situazione di stallo per la categoria?

Dal 2014 Mugen, azienda specializzata nei veicoli elettrici supportata da una stretta collaborazione con il colosso delle due ruote Honda, domina la categoria contendendo la vittoria tra i propri alfieri

di pubblicata il , alle 18:01 nel canale Tecnologia
 

Il team Mugen fa da padrone al TT Zero, gara di moto zero emissioni che si tiene ormai da dieci anni per le strade dell'Isola di Man, accanto ai tradizionali eventi dedicati alle moto a combustione: per la quinta volta la vittoria è andata al britannico Michael Rutter davanti al compagno di squadra John McGuinness.

Dal 2014 Mugen, azienda specializzata nei veicoli elettrici supportata da una stretta collaborazione con il colosso delle due ruote Honda, domina la categoria contendendo la vittoria tra i propri alfieri: quest'anno il vincitore è riuscito a ritoccare anche il precedente record, sia di velocità massima sia del giro più veloce, rispettivamente 18'34"172, soli 784 millesimi meglio del precedente primato, con velocità media di 195 km/h e massima di 283,5 km/h.

Record che non si discostano di niente da quello dell'anno passato, condizione che può far pensare ad una situazione di stallo per quanto riguarda l'evoluzione di queste due ruote elettriche, magari in attesa di nuove tecnologie più adatte alla categoria o magari di un team diverso da quello Mugen che sia in grado di rimescolare le carte in gioco, cercando così di risollevare l'interesse per il TT zero, categoria attualmente più d'immagine ma a suo tempo nata anche per offrire una fucina di nuove moto per sviluppatori e squadre.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Benna8011 Giugno 2019, 15:03 #1
A me sta roba delle moto e delle auto elettriche sa tanto di un settore creato per propinarci qualcosa di nuovo più che in risposta ad una effettiva esigenza. Tant'è che il seguito mi sembra esiguo proprio perchè nessuno sente l'esigenza di vedere delle corse auto-motociclistiche elettriche
active "director"11 Giugno 2019, 16:29 #2
Originariamente inviato da: Benna80
A me sta roba delle moto e delle auto elettriche sa tanto di un settore creato per propinarci qualcosa di nuovo più che in risposta ad una effettiva esigenza. Tant'è che il seguito mi sembra esiguo proprio perchè nessuno sente l'esigenza di vedere delle corse auto-motociclistiche elettriche


Se parli del settore corse sono d'accordo con te, non ha alcun senso dato il tremendo "rumore" che azzera ogni appeal.
Chiaro che le corse teoricamente alimentano il marketing per il settore consumer e migliorie tecniche per l'industria a seguito di maggiori studi.

Per quanto riguarda invece il mero mercato auto-moto elettrico è più che necessario a mio avviso, soprattutto se abiti in città.
Benna8011 Giugno 2019, 17:26 #3
Originariamente inviato da: active "
Se parli del settore corse sono d'accordo con te, non ha alcun senso dato il tremendo "rumore" che azzera ogni appeal.
Chiaro che le corse teoricamente alimentano il marketing per il settore consumer e migliorie tecniche per l'industria a seguito di maggiori studi.

Per quanto riguarda invece il mero mercato auto-moto elettrico è più che necessario a mio avviso, soprattutto se abiti in città.


Confermo, parlo di corse.
Poi, se mi chiedi: "ti compreresti mai una moto elettrica?" ti rispondo che anche se mi fa lo 0-100 in 2" non l'acquisterei mai, ma si sa, è questione di abitudine

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^