Iscriviti al nostro nuovo canale YouTube, attiva le notifiche e rimani aggiornato su tutti i nuovi video

Un'Audi e-tron per lanciare un aereo solare: ecco il Kea Atmos Mk1

Un'Audi e-tron per lanciare un aereo solare: ecco il Kea Atmos Mk1

Kea Aerospace ha completato con successo il volo dell'Atmos Mk1, un velivolo solare senza pilota per il monitoraggio dell'ambiente. Il passo successivo sarà realizzare un modello con mesi di autonomia capace di raggiungere i 65.000 piedi di altitudine.

di pubblicata il , alle 18:01 nel canale Tecnologia
 

Kea Aerospace ha completato con successo il primo volo dell'Atmos Mk1, un aereo solare senza pilota. Per realizzare il lancio è stata utilizzata un'Audi e-tron S Sportback sulla quale è stato installato il supporto del velivolo. Si tratta di un aereo rivolto alla raccolta dati, monitoraggio del meteo e altri usi agricoli.

Il Kea Atmos Mk1 ha un'apertura di 12,5 metri e riesce a raggiungere un'altitudine di circa 50.000 piedi. Per avere un metro di paragone, gli aerei di linea viaggiano tra i 33.000 e i 42.000 piedi. L'intera superficie alare è ricoperta da pannelli solari che ricaricano la batteria consentendo all'aereo di volare per 16 ore continue. Il peso complessivo del velivolo ammonta a soli 40 kg.

I vantaggi rispetto ai satelliti, che convenzionalmente operano ad altitudini 20 volte superiori, sono la capacità di raccogliere dati più precisi e scattare immagini con una qualità 20 volte superiore a parità di sensore. Tutto questo comporta una serie di miglioramenti che, tuttavia, l'azienda conta di raggiungere solo con il prossimo prototipo, l'Mk2.

Il nuovo modello, infatti, avrà un'apertura alare di ben 30 metri, oltre il doppio dell'Mk1, garantendo una superficie per i pannelli sensibilmente maggiore. Kea Aerospace conta di raggiungere un'autonomia di volo nell'ordine di mesi a un'altitudine massima di 65.000 piedi.

La startup intende utilizzare l'aereo per diversi scopi tra i quali: rilevamento dell'inquinamento terrestre e marino, il monitoraggio delle aree forestali e della salute degli alberi, anticipare eventi metereologici estremi, individuare pescherecci illegali e altro.

Insomma, l'obiettivo è quello di raggiungere un monitoraggio ottimale dell'ambiente e delle attività marine e terrestri per massimizzare la salvaguardia del pianeta. Un obiettivo a dir poco ambizioso che probabilmente richiederà ancora diversi anni di ricerca, considerando che l'autonomia massima di volo raggiunta da Kea attualmente è di 36 ore con il prototipo X10.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^