Volkswagen sposta la produzione del suo furgone elettrico e-Crafter dalla Germania alla Polonia

Volkswagen sposta la produzione del suo furgone elettrico e-Crafter dalla Germania alla Polonia

VW aveva iniziato la produzione dei furgoni full electric in Germania presso lo stabilimento di Hannover utilizzando i componenti in arrivo dalla Polonia. Per poter scalare la produzione VW ha deciso di unire la produzione in un solo sito, evitando la spedizione dei componenti tra Polonia e Germania

di pubblicata il , alle 15:21 nel canale Tecnologia
Volkswagen
 

La scelta era inevitabile, soprattutto per una questione di ottimizzazione dei costi. Volkswagen ha deciso di spostare in Polonia la produzione dei furgoni elettrici e-Crafter, dove raggiungono i fratelli a marchio MAN eTGE, già prodotti interamente nel sito produttivo polacco.

VW aveva iniziato la produzione dei furgoni full electric in Germania presso lo stabilimento di Hannover utilizzando i componenti in arrivo dalla Polonia. Per poter scalare la produzione VW ha deciso di unire la produzione in un solo sito, evitando la spedizione dei componenti tra Polonia e Germania, mettendo a frutto il corposo investimento da un miliardo di euro che ha portato all'apertura del sito di produzione polacco di Września, aperto nel 2016.

I due furgoni sono praticamente gemelli e possono contare su un motore elettrico da 100 kW e 290 Nm di coppia e su un pacco batterie montato nel sottoscocca da 35,8 kWh, che dovrebbe garantire un'autonomia (secondo lo standard WLTP) da 140 a 160 km in ciclo urbano e da 110 a 115 km in ciclo combinato, con velocità massima limitata a 90 km/h. Lo stabilimento produttivo dovrebbe sfornare entro la fine del 2020 circa 2000 veicoli, di cui 1200 e-Crafter.

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Cappej28 Luglio 2020, 17:12 #1
"VW aveva iniziato la produzione dei furgoni full electric in Germania presso lo stabilimento di Hannover utilizzando i componenti in arrivo dalla Polonia. Per poter scalare la produzione VW ha deciso di unire la produzione in un solo sito, evitando la spedizione dei componenti tra Polonia e Germania, mettendo a frutto il corposo investimento da un miliardo di euro che ha portato all'apertura del sito di produzione polacco di Września, aperto nel 2016."

si certamente... solo una questione di logistica... il fatto che il sistema "polacco" costi 1/3 di quello "tedesco" (costo del personale, Tasse, incentivi ecc..) è marginale...

la prossima sarà..? "tutti in smartworking perchè così potrete passare più tempo con le vostre famiglie!!!!"

OPS..." Google ufficializza 200.000 dipendenti in smart-working"

Ridicoli
pols2k28 Luglio 2020, 17:37 #2
Ho un paio di battute... maledetto politically correct!
Cappej28 Luglio 2020, 17:59 #3
"Amico mio, moriremo di "politicamente corretto!" (G. Cruciani - La Zanzara"
OttoVon29 Luglio 2020, 03:18 #4
È il sistema che si è voluto e che si continua a scegliere: vuoi per ignoranza, pressione mediatica o menefreghismo.

Per citare il celeberrimo assessore ai rifiuti, Ray Patterson:
"Non sono un granché con in discorsi, ma è così gratificante lasciarvi sguazzare nel casino da voi creato. Siete fottufi, grazie, ciao.
"

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^