Volvo XC40 è la prima auto elettrica del produttore svedese

Volvo XC40 è la prima auto elettrica del produttore svedese

Volvo ha svelato la sua prima auto completamente elettrica in un evento a Los Angeles. Si tratta del SUV XC40. Il produttore svedese aveva promesso un veicolo full electric entro la fine del 2019, ed eccolo qui

di pubblicata il , alle 15:21 nel canale Tecnologia
Volvo
 

Volvo è stata molto esplicita quando ha affermato che il suo futuro è strettamente connesso con la propulsione elettrica. Mantenendo le promesse, ha appena tolto i veli da Volvo XC40 Recharge, un SUV full electric che costituisce nel design una versione quasi completamente speculare rispetto della già esistente variante con motore termico. Si tratta di un'auto molto apprezzata, capace di vincere il titolo di auto europea dell'anno 2018.

La nuova versione di Volvo XC40 acquisisce una serie di accortezze aerodinamiche che ne migliorano le prestazioni e, conseguentemente, riducono i consumi di elettricità, aumentando l'autonomia della batteria. Tra le altre cose, il produttore svedese ha rivisto il disegno della calandra e migliorato le dotazioni di sicurezza.

Volvo XC40 si avvale di trazione integrale con motori diversi tra l'asse anteriore e l'asse posteriore. Il SUV Compatto vanta un'autonomia, secondo dati Volvo, di 400 km nel test WLTP. La ricarica fino all'80% su un sistema di ricarica rapida DC richiede circa 40 minuti. All'interno di Volvo XC40 troviamo un pacco batteria da 78-kWh. Il sistema di ricarica utilizza una potenza di carica fino a 150 kW con caricatore interno trifase da 11 kW.

Per quanto riguarda la capacità di propulsione di questo motore elettrico, Volvo XC40 Recharge mette a disposizione 408 cavalli. Non ci sono, invece, dettagli sull'accelerazione. La coppia massima è di 660 Nm.

Anche il prezzo esatto rimane ancora un mistero. L'anno scorso, il CEO Håkan Samuelsson ha dichiarato che l'obiettivo di Volvo era di introdurre sul mercato questo veicolo al prezzo di 50 mila dollari. In un segmento, quello delle auto elettriche, che per le case automobilistiche tradizionali non dà certezze sulla redditività dei veicoli sin dal lancio, il CEO di Volvo sosteneva che il nuovo SUV sarebbe stato profittevole fin da subito.

Polestar 2 appartiene a una sussidiaria separata da Volvo
Il crossover compatto è il risultato più recente degli investimenti del produttore svedese sull'elettrificazione, che hanno l'obiettivo di portare i veicoli con propulsione elettrica al 50% rispetto al totale delle auto vendute entro il 2025. Ovviamente questi piani sono paralleli rispetto a ciò che viene portato avanti con il brand Polestar. Ricordiamo che il primo Polestar è un veicolo ibrido e, sebbene Polestar 2 sia un'auto a propulsione completamente elettrica, appartiene a una sussidiaria separata da Volvo. Si tratta di una relazione simile a quella che Volkswagen ha con Audi che permette al produttore svedese di dire che XC40 è il primo veicolo a marchio Volvo completamente elettrico.

Volvo userà il brand Recharge per spingere le vendite dei veicoli ad alimentazione ibrida o completamente elettrica, ancora molto limitate, soprattutto in certi stati europei. Il produttore, che dal 2010 appartiene al gruppo cinese Geely Holding, ha venduto in tutto il mondo 355 mila veicoli nella prima metà del 2019, con un miglioramento del 2,5% rispetto allo scorso anno. Nei prossimi cinque anni lancerà, secondo i piani, un veicolo elettrico ogni 12 mesi.

All'inizio dell'anno, Volvo ha fatto sapere che fonderà il proprio reparto di sviluppo propulsori con quello di Geely Holding, per favorire le economie di scala e ridurre i costi. La nuova unità così formatasi andrà a produrre due milioni di motori diesel e a benzina, contro i 600 mila motori che Volve produce oggi.

Nel corso degli anni Volvo ha saputo costruirsi un'ottima reputazione nel design e nelle soluzioni di sicurezza. Conoscenze che sono state capitalizzate nella progettazione di Volvo XC40, con una nuova struttura frontale che tiene conto dell'assenza di un motore a combustione interna. La nuova calandra non deve avere uno scopo di raffreddamento, mentre lo spazio risparmiato per via dell'assenza del motore termico ha consentito di aumentare la capacità di carico di 30 litri.

Proprio come Tesla e altri veicoli elettrici, la batteria dell'XC40 si trova nella superficie sottostante al veicolo, dove è protetta da una "gabbia di sicurezza" realizzata con un telaio in alluminio estruso. Le batterie Volvo sono prodotte da LG Chem e dalla cinese CTAL. Per venire incontro alle preoccupazioni dell'utenza circa le possibilità di ricarica dei veicoli elettrici, Volvo concederà gratuitamente l'energia elettrica necessaria alla ricarica nel primo anno dall'acquisto del veicolo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Dumah Brazorf17 Ottobre 2019, 18:08 #1
Carino si faccia riferimento ai 30litri nel cofano motore come un plus mentre si nicchia sui litri in meno nel baule e l'altezza da terra inferiore per via delle batterie.
Seicentocinquanta. Pesa 650kg in più della versione a motore endotermico.
Spyto17 Ottobre 2019, 20:15 #2
Peserà 2 tonnellate per portare 1 persona a lavoro. Stiamo fallendo su tutta la linea in questo modo.
biffuz18 Ottobre 2019, 10:11 #3
SUV + batterie... uhm, serve la patente C?
Mparlav18 Ottobre 2019, 11:32 #4
Originariamente inviato da: Dumah Brazorf
Carino si faccia riferimento ai 30litri nel cofano motore come un plus mentre si nicchia sui litri in meno nel baule e l'altezza da terra inferiore per via delle batterie.
Seicentocinquanta. Pesa 650kg in più della versione a motore endotermico.


Il baule è 31+413/1342 contro 460/1336 delle endotermiche.

Trattandosi di un suv, l'altezza da terra inferiore, oltre al baricentro più basso per le batterie, almeno allevia il problema rispetto agli endotermici.

La differenza di peso che indichi è rispetto al motore endotermico base a trazione anteriore e cambio manuale. Un paragone sbagliato.

Rispetto alle diesel/benzina/ibrida a trazione integrale e cambio automatico la differenza va' dai 300 ai 500 Kg, ed hanno 190/260 CV
Una differenza comunque notevole, ma non hanno 408 CV

P.S.: Un Audi RS3 da 400 CV pesa quasi 300 Kg in più della benzina da 150 CV con trazione anteriore e cambio manuale e parliamo di benzina vs benzina giusto per rendere l'idea del tuo paragone.
nx-9920 Ottobre 2019, 12:40 #5
Originariamente inviato da: Spyto
Peserà 2 tonnellate per portare 1 persona a lavoro. Stiamo fallendo su tutta la linea in questo modo.


La penso uguale, una bella sovrattassa, ma salta, sulla cubatura del mezzo privato e fai passare la voglia a chi si atteggia.
Rello75cl31 Ottobre 2019, 21:59 #6
Bravo Spyto, la possiamo chiamare "tassa dell'invidia" visto che altro senso non ha

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^