WRC ibride, dal 2022 vetture con 100 kW extra oltre ai 380 CV già disponibili?

WRC ibride, dal 2022 vetture con 100 kW extra oltre ai 380 CV già disponibili?

La novità dell'elettrico riguarderebbe la sola categoria massima dei rally, ovvero le vetture WRC, le quali dal 2022 dovranno lasciar spazio, se pur in minima parte, a nuove motorizzazioni ibride

di pubblicata il , alle 18:41 nel canale Tecnologia
 

L'elettrificazione negli ultimi anni ha coinvolto sotto varie sfumature un po' tutte le discipline del motorsport, come ad esempio la Formula 1, il mondiale MotoGP, le gare di endurance come la 24 Ore di Le Mans, cronoscalate come la Pikes Peak e chi più ha più ne metta. Una disciplina nella quale non si è mai sentito parlare di batterie e motori a magneti permanenti è quello dei rally, settore tutto sommato nel quale ha sempre contato più la tecnica e l'esperienza di guida piuttosto che le strategie di condotta della gara: ma se nuove tecnologie possono portare più potenza e più spettacolo gli organizzatori vogliono provarci.

La novità dell'elettrico riguarderebbe la sola categoria massima dei rally, ovvero le vetture WRC, le quali dal 2022 dovranno lasciar spazio, se pur in minima parte, a nuove motorizzazioni ibride: dal 2011 il regolamento prevede che queste auto siano si 1.600 di cilindrata, siano equipaggiate di turbo ed abbiano una potenza inferiore ai 300 CV, dato portato a 380 CV con l'arrivo delle più recenti WRC Plus.

Oltre a queste specifiche si parla che i costruttori dovranno integrare sotto il cofano un sistema ibrido, probabilmente identico per tutte le vetture, in grado di fornire una potenza extra di 100 kW pensato per facilitare gli spostamenti in zone affollate ed in ambito cittadino e fornire maggiori prestazioni durante le gare Power Stage; maggiori dettagli dovranno arrivare dai vertici FIA entro aprile 2020 al fine di lasciar tempo sufficiente ai costruttori per adeguare le proprie vetture in tempo per il via del campionato 2022.

Il pilota del mondiale WRC Thierry Neuville, in occasione del salone dell’auto di Bruxelles, è intervenuto sull’argomento elettrico:

"Inutile negare che l’avvento dell’elettrico aumenta i rischi per l’equipaggio. Ma non solo per noi, pensate un attimo agli spettatori che vengono ad aiutarci in caso di uscita di strada. Come possiamo spiegare a questa gente oppure ai tanti bambini che toccare le vetture potrebbe rappresentare un pericolo? E poi bisognerebbe addestrare in maniera sicura con dei corsi tutti i commissari impegnati nelle gare, i verificatori e chiunque ruoti attorno ad una vettura. In caso di incidente, magari un impatto contro un albero con tutti i pezzi sparsi e le batterie ancora collegate, mi spiegate con che tempistica e modalità si dovrebbe intervenire per fare il tutto in massima sicurezza? Ho notato che la Formula E tra gli appassionati non è così popolare, ma al contrario diverse grandi case investono budget faraonici per uno spettacolo con poco pubblico"

Dice la sua anche il navigatore di Neuville, Nicolas Gilsoul:

"Spero di non arrivare mai a dar le note in un auto da rally completamente elettrica…non voglio minimamente pensarci"

Altri pensieri invece per Malcolm Wilson, patron M-Sport, struttura responsabile dello sviluppo delle vetture Ford WRC, il quale esamina l'arrivo di sistemi ibridi dal punto di vista dei costi:

"Le auto sarebbero troppo costose, sarebbe snaturare il DNA dei rally. Penso sia da pazzi, guidare una vettura da un milione di euro sulle strade dissestate dell’Argentina, bisogna ragionare, perché anche con le vetture attuali lo spettacolo non manca. Il prezzo delle attuali R5, che per intenderci sono le auto che vedete nel WRC2 e WRC3 si aggira sui 190/200 mila euro"

"A me preoccupa, quello che potrebbe accadere nel 2022, si rischia seriamente di perdere la filiera dei giovani e questo non possiamo permettercelo, il rischio che questi ragazzi dopo il WRC2 si perdano è altissimo, perché andrebbero a sbattere su ostacoli altissimi per mettere in piedi un budget per alcune gare con le vetture della classe regina. Non sono contro l’ibrido, però questo sistema potrebbe essere sviluppato sulle più economiche e meno potenti R5, ...magari con l'aggiunta di ali aerodinamiche più grandi e un sistema ibrido per aumentarne le performance"

Un salto tecnologico che dovrà mettere d'accordo molti e cercare di aumentare lo spettacolo, anche se questo già non manca di sicuro in questa disciplina.

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
igiolo22 Gennaio 2020, 18:59 #1
concordo con le obiezioni su costi (e relativi piloti con valigia) e pericolosità
cercano di sdoganare elettrico (e relativi costi di r&d) sul racing, giustamente magari, ma è un giochino pericoloso
non tutti son la F1
Notturnia23 Gennaio 2020, 09:17 #2
questa moda di mettere pile ovunque sta stufando..
il rally non è elettrico e se vogliono fare una formula e-rally la facciano ma non tocchino la passione di chi guida le attuali WRC..

l'elettrico sta affossando economicamente molti sport proprio per i costi folli.. non avevo pensato alla sicurezza ma effettivamente basta ricordare l'incidente di Richard con la vettura elettrica da milioni di euro..

lasciateci un po' di romanticismo nello sport e continuate a mettere le pile altrove..
Zappz23 Gennaio 2020, 09:35 #3
Basta davvero, siamo nell'insensato piu' assoluto, stanno propinando l'elettrico ovunque tranne dove serve sul serio, si contrassero a fare delle city car e non delle auto da rally.
futu|2e23 Gennaio 2020, 09:39 #4
Già negli ultimi anni si sta appiattendo come intrattenimento, mò gli togliamo
gradualmente anche il sound siamo a posto
v10_star24 Gennaio 2020, 08:22 #5
da lassu, la s1 e la s4 impersonificandole direbbero: "dove andremo a finire"
ronthalas18 Febbraio 2020, 12:07 #6
non lo so... la sfida ibrida secondo me ci starebbe.
la sicurezza però in questo caso viene prima: non sei in un circuito chiuso, dove hai commissari e staff addestrati alle casistiche di rischio (e anche per loro il rischio zero non esiste), qui hai pericoli di ogni genere: alberi, pubblico, mucche... la qualunque insomma. Se la vogliono fare, la devono studiare bene, con eccesso di prudenza, e non basterà lo stesso. Dal fuoco ci stai lontano, ma la corrente non la vedi in tempo.

personalmente ne sarei favorevole, in generale: di sicuro aiuta anche la R&D sul mercato delle auto di serie.
nickname8818 Febbraio 2020, 14:35 #7
Originariamente inviato da: Notturnia
questa moda di mettere pile ovunque sta stufando..

L'ibrido è la tecnologia di riferimento attuale in realtà, il fatto che il motorsport si stia allineando per generare esperienza sulla tecnologia in teoria era doveroso, specie sulle categorie più alte.
E WRC è la massima ( sottolineo "massima" ) categoria del Rally, quindi ci sta, anzi ci doveva essere già da prima.
Flortex18 Febbraio 2020, 16:25 #8
Come distruggere anche i rally, che già non se la passano troppo bene.

Le "ecologiche" F1 che alla fine andavano a miscela come un 2 tempi, spendendo miliardi, non insegnano nulla?
I prototipi ibridi Le Mans, praticamente spariti per i costi eccessivi, neanche?

Ha ragione Vettel: abolire sti bidoni, e tornare ai motori giusti.
nickname8818 Febbraio 2020, 16:31 #9
Originariamente inviato da: Flortex
Come distruggere anche i rally, che già non se la passano troppo bene.

Le "ecologiche" F1 che alla fine andavano a miscela come un 2 tempi, spendendo miliardi, non insegnano nulla?
I prototipi ibridi Le Mans, praticamente spariti per i costi eccessivi, neanche?

Ha ragione Vettel: abolire sti bidoni, e tornare ai motori giusti.

No infatti non insegnano nulla, sono solamente i motori termici con la più alta percentuale di efficienza mai raggiunta al mondo con oltre il 50% del Mercedes già qualche anno fa.

Vettel aveva ragione ? Vettel dovrebbe pensare a capire come fare a non rovinare i mondiali alla Ferrari e le gare a Leclerc.

Come distruggere anche i rally, che già non se la passano troppo bene.
eh si la trazione fornita dall'elettrico sarebbe inutile negli sterrati ....
Non se la passano bene ? E la colpa di chi sarebbe ?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^