Yamaha presenta, installato in una Alfa Romeo 4C, un motore elettrico ''modulare e compatto'' da massimo 200 kW

Yamaha presenta, installato in una Alfa Romeo 4C, un motore elettrico ''modulare e compatto'' da massimo 200 kW

Un'azienda con tanta esperienza tecnologica che ha deciso di concentrare i propri sforzi in un progetto incentrato sulla realizzazione di un motore elettrico "modulare e compatto", pensato per il settore automobilistico, presentato in abbinamento alla piccola supersportiva Alfa Romeo 4C

di pubblicata il , alle 09:01 nel canale Tecnologia
Yamaha
 

Yamaha è un marchio noto nel mondo in vari settori, da quello degli strumenti musicali o più in generale dei dispositivi audio, al mercato delle due ruote, principalmente moto, ma ultimamente anche in quello elettrico delle e-bike.

Un'azienda con tanta esperienza tecnologica che ha deciso di concentrare i propri sforzi in un progetto incentrato sulla realizzazione di un motore elettrico "modulare e compatto", pensato per il settore automobilistico, presentato in abbinamento alla piccola supersportiva italiana Alfa Romeo 4C.

Il quattro cilindri 16V sovralimentato da 240 CV che questa vettura monta di serie è stato sostituito dal motore sincrono a magneti permanenti progettata dalla casa di Iwata proposto in un breve test nel video qui riportato.

Una power unit definita modulare in quanto in grado di mettere a disposizione differenti configurazioni con potenze nominali comprese tra 35 e 200 kW: sulla due porte italiana il motore utilizzato è in grado di erogare fino 272 CV, ma la stessa unità, alla necessità, può essere rimodulata per adattarsi ad altre categorie di veicoli, arrivando ad una potenza minima di 47 CV.

Quindi dimensioni compatte, ampio range di potenza ed ipotizziamo un sofisticato sistema di gestione dell'intera unità, un prodotto che per Yamaha potrebbe rappresentare un ottimo biglietto da visita per tutti i costruttori che in futuro vorranno equipaggiare i propri veicoli con power unit di questo tipo, e non sarebbe da sorprendersi se il costruttore giapponese abbia in serbo qualcosa di simile anche per il settore navale e per quello delle due ruote, nei quali i rispettivi motori a combustione sono già noti per prestazioni ed affidabilità.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

17 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Zappz13 Febbraio 2020, 09:04 #1
Sara' anche compatto, ma dubito pesi molto meno del motore termico e con l'aggiunta del peso per le batterie diventa completamente inutile... Giusto un esercizio di stile, nulla di piu'.
Alfhw13 Febbraio 2020, 09:21 #2
Originariamente inviato da: Zappz
Sara' anche compatto, ma dubito pesi molto meno del motore termico e con l'aggiunta del peso per le batterie diventa completamente inutile... Giusto un esercizio di stile, nulla di piu'.

Quoto. Soprattutto su un'Alfa Romeo 4c il cui punto di forza è proprio il peso ridottissimo.
Riky197913 Febbraio 2020, 09:30 #3
L'auto è irrilevante contate che in Giappone l'Alfa è un marchio amato da appassionati. Hanno presentato la tecnologia, poteva anche montarlo su una Ferrario o una Porsche non cambiava il target della presentazione.
La parte interessante è che abbiano un motore elettrico con una cosa ampia gamma di potenza, se rimane facile passare dal minimo al massimo in fase di produzione è eccellente. Se pensate le Tesla usano un motore elettrico + batteria al pari di una macchina che monti il motore yamaha.
Zurlo13 Febbraio 2020, 09:31 #4
Se la yamaha iniziasse a fare moto elettriche "serie", non ce ne sarebbe piu' per nessuno. Adesso il problema principale e' il peso delle batterie; che ne consente l'installazione solo nelle vetture ... vediamo cosa accadra' fra dieci anni.
Zappz13 Febbraio 2020, 09:35 #5
Originariamente inviato da: Zurlo
Se la yamaha iniziasse a fare moto elettriche "serie", non ce ne sarebbe piu' per nessuno. Adesso il problema principale e' il peso delle batterie; che ne consente l'installazione solo nelle vetture ... vediamo cosa accadra' fra dieci anni.


Una moto da enduro elettrica che non inquina e non fa rumore e' il mio sogno, dobbiamo solo aspettare l'evoluzione delle batterie.
Zappz13 Febbraio 2020, 09:38 #6
Originariamente inviato da: Riky1979
L'auto è irrilevante contate che in Giappone l'Alfa è un marchio amato da appassionati. Hanno presentato la tecnologia, poteva anche montarlo su una Ferrario o una Porsche non cambiava il target della presentazione.
La parte interessante è che abbiano un motore elettrico con una cosa ampia gamma di potenza, se rimane facile passare dal minimo al massimo in fase di produzione è eccellente. Se pensate le Tesla usano un motore elettrico + batteria al pari di una macchina che monti il motore yamaha.


Mi ricordo quando stavo in Giappone della loro passione per l'Alfa, pero' ricordo anche discorsi del tipo l'auto italiana e' bella perche' si rompe spesso e te ne devi prendere cura...
andbad13 Febbraio 2020, 10:18 #7
Originariamente inviato da: Zappz
Sara' anche compatto, ma dubito pesi molto meno del motore termico e con l'aggiunta del peso per le batterie diventa completamente inutile... Giusto un esercizio di stile, nulla di piu'.


In teoria il motore elettrico è molto più compatto e leggero di uno a combustione di pari potenza. Poi ovviamente con il peso delle batterie si compensa abbondantemente.

Originariamente inviato da: Zappz
Una moto da enduro elettrica che non inquina e non fa rumore e' il mio sogno, dobbiamo solo aspettare l'evoluzione delle batterie.


Beh, Zero potrebbe avere qualche prodotto adatto a te. Ma non è il mio settore (io sono uno stradaiolo) quindi non saprei consigliarti il modello adatto.

By(t)e
Utonto_n°113 Febbraio 2020, 11:12 #8
Originariamente inviato da: andbad
In teoria il motore elettrico è molto più compatto e leggero di uno a combustione di pari potenza. Poi ovviamente con il peso delle batterie si compensa abbondantemente.

By(t)e


A titolo informativo, due esempi di quanto pesano le batterie:
- Renault Zoe (lunghezza 408 cm) pesa 1.480 Kg con la batteria più grossa;
- Clio (406 cm) diesel di pari potenza pesa 1.235 Kg
- Clio a benzina 1.165 Kg.

- Smart EQ Fortwo (274 cm) pesa 1.085 Kg
- Smart a benzina d’ingresso (15 cavalli in più pesa 890 Kg;
in questo secondo caso la differenza è ridotta perché la EQ ha una batteria molto piccola.

Il motore elettrico pesa decisamente meno, il solo blocco cambio di un'auto pesa come un motore elettrico (quasi tutte le EV non hanno il cambio), ma poi le batterie buttano su di molto il peso complessivo...
andbad13 Febbraio 2020, 11:16 #9
Originariamente inviato da: Utonto_n°
A titolo informativo, due esempi di quanto pesano le batterie:
- Renault Zoe (lunghezza 408 cm) pesa 1.480 Kg con la batteria più grossa;
- Clio (406 cm) diesel di pari potenza pesa 1.235 Kg
- Clio a benzina 1.165 Kg.

- Smart EQ Fortwo (274 cm) pesa 1.085 Kg
- Smart a benzina d’ingresso (15 cavalli in più pesa 890 Kg;
in questo secondo caso la differenza è ridotta perché la EQ ha una batteria molto piccola.

Il motore elettrico pesa decisamente meno, il solo blocco cambio di un'auto pesa come un motore elettrico (quasi tutte le EV non hanno il cambio), ma poi le batterie buttano su di molto il peso complessivo...


Solo un appunto: della Zoe hai preso la potenza di immatricolazione? Perché quella reale è di molto superiore.
Comunque si, naturalmente il peso della batterie incide tantissimo. In un ottica sportiva, non c'è molto da fare, per il momento.

By(t)e
TonyStriker13 Febbraio 2020, 12:27 #10
La Zoe non è paragonabile a una Clio. Praticamente è mezza macchina con dotazione ridotta all'osso per farla pesare poco, il modello base non ha neanche gli sportelli...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^