L'ultimo giorno di Alitalia: come low cost e treni ad alta velocità l'hanno lentamente eliminata

L'ultimo giorno di Alitalia: come low cost e treni ad alta velocità l'hanno lentamente eliminata

Questa sera decollerà l'ultimo volo Alitalia, che scomparirà per lasciare spazio alla nuova Ita. Si chiude così una storia travagliata, resa ancora più difficile negli ultimi anni dalla competizione agguerrita di compagnie low cost e treni sempre più efficienti

di pubblicata il , alle 15:47 nel canale Trasporti elettrici
TrenitaliaAlitaliaIta
 

Il 14 ottobre 2021 sarà sicuramente una data che verrà ricordata a lungo, come scenario dell'ultimo volo della compagnia di bandiera italiana. Questa sera infatti, dall'aeroporto di Cagliari, decollerà l'ultimo aeromobile targato Alitalia, che sparirà definitivamente dopo l'atterraggio a Roma Fiumicino, intorno alle ore 23.

Una storia fatta di continui crolli, rinascite e aiuti di stato, a cui gli italiani si erano quasi abituati, ma che ora giunge al termine. È tanta l'attenzione mediatica in queste ore, e non solo dalla stampa nostrana, ma anche da quella estera. Ed è proprio da un report della CNN che apprendiamo numeri molto interessanti, che dimostrano come il trasporto su rotaia sia stato un killer silenzioso per Alitalia.

Già, perché la compagnia nazionale non ha dovuto fare i conti solo con le nuove realtà dell'aviazione low-cost, che hanno invaso sempre più le tratte nazionali, ma anche con i treni ad alta velocità, diventati nel giro di pochi anni una solida alternativa al trasporto nella penisola. E per Alitalia, sempre più orientata ai voli domestici, è stato un colpo al cuore.

Italo

Nella sua analisi la CNN prende in considerazione il tipico viaggio degli uomini d'affari Roma-Milano. Il numero di passeggeri sui treni di quella tratta è quadruplicato nel giro di 10 anni, passando da 1 milione nel 2008 a 3,6 milioni nel 2018. Numeri che diventano ancora più rilevanti se la si vede in un modo diverso: oltre i due terzi delle persone che devono fare quel viaggio, usano oggi il treno.

Numeri schiaccianti nei confronti dei voli, che soffrono soprattutto delle lungaggini dovute a check-in, spesso anticipati di ore, e della posizione degli aeroporti, quasi sempre lontani dal centro città. Tutto il contrario dei treni ad alta velocità, dove si può salire un minuto prima della partenza, dal centro della propria città, arrivando sempre nella parte principale della città di destinazione. Il tutto senza una sostanziale differenza di comodità e di servizi, anzi, spesso in treno lo spazio a disposizione è maggiore.

L'Italia poi è l'unico Paese ad avere due diverse compagnie per l'alta velocità, da quando nel 2012 i treni Italo si sono affiancati alle Frecce di Trenitalia. Sempre considerando il decennio 2008-2018, la flotta dei treni è raddoppiata, arrivando a 144 convogli, che hanno trasportato il 69% di tutti i passeggeri in viaggio tra Roma e Milano, e questi dati non includono Italo. Numeri ribaltati per gli aerei, con solo il 19,5% del mercato.

Lo stesso è successo con i turisti nel Belpaese. Nonostante la maggiore propensione all'uso dell'aereo, si pensi agli statunitensi, il numero di turisti che ha utilizzato il treno è passato da 1,8 milioni nel 2008, a ben 7,3 milioni nel 2018, con Roma-Firenze e Roma-Venezia le tratte principali, quest'ultima una volta regno incontrastato delle ali.

37 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Unrue14 Ottobre 2021, 15:57 #1
Ma in soldoni cos'è cambiato? Solo il nome?
StylezZz`14 Ottobre 2021, 15:57 #2
Diciamo anche grazie ai ladri che l'hanno amministrata nel corso degli anni.
Pino9014 Ottobre 2021, 16:00 #3
Originariamente inviato da: StylezZz`
Diciamo anche grazie ai ladri che l'hanno amministrata e mangiato nel corso degli anni.


Conosco una delle persone che circa 15 anni fa fu incaricata di aggiustarne i conti. Mi disse che fondamentalmente è impossibile renderla profittevole a causa della quantità di persone che c'è dentro e che ci deve mangiare. I sindacati ovviamente non volevano nessun esubero, ma l'azienda era usata per parcheggiare persone "bisognose" e alla fine a rimetterci sono stati i lavoratori veri, piloti e equipaggio di volo inclusi.
Purtroppo hai perfettamente ragione: ladri e delinquenti. Lui sosteneva che più che il top management il marcio era a partire dal livello medio, ma ovviamente siamo a livello di dicerie e non si potrà (probabilmente) mai sapere...
io78bis14 Ottobre 2021, 16:02 #4
Ora speriamo che nella nuova compagnia di soldi pubblici non ne entrino più.

Era così difficile fare questo report anni fa invece di continuare a finanziare una realtà che non aveva nessuna possibilità di sopravvivere?
nyo9014 Ottobre 2021, 16:05 #5
Ed è proprio da un report della CNN che apprendiamo numeri molto interessanti, che dimostrano come il trasporto su rotaia sia stato un killer silenzioso per Alitalia.


Un po' come dire che il vero problema di Palermo è il traffico.

Originariamente inviato da: Unrue
Ma in soldoni cos'è cambiato? Solo il nome?


È cambiato che con questo giochetto hanno potuto lasciare i debiti ad Alitalia e ripartire con una società senza debiti. In sostanza un mare di persone e di aziende perderanno soldi, nel nome di Alitalia che spera così di avere una ventata d'aria fresca.
Unax14 Ottobre 2021, 16:31 #6
ITA tra 2 anni (forse prima) sarà nella situazione di Alitalia
gd350turbo14 Ottobre 2021, 16:31 #7
Eh ma se non eliminano il magna magna che ci deve essere sotto non serve a nulla, nessuno di costoro si è mai chiesto perche le altre compagnie europee non siano al fallimento ?
Zappz14 Ottobre 2021, 16:37 #8
Originariamente inviato da: Pino90
Conosco una delle persone che circa 15 anni fa fu incaricata di aggiustarne i conti. Mi disse che fondamentalmente è impossibile renderla profittevole a causa della quantità di persone che c'è dentro e che ci deve mangiare. I sindacati ovviamente non volevano nessun esubero, ma l'azienda era usata per parcheggiare persone "bisognose" e alla fine a rimetterci sono stati i lavoratori veri, piloti e equipaggio di volo inclusi.
Purtroppo hai perfettamente ragione: ladri e delinquenti. Lui sosteneva che più che il top management il marcio era a partire dal livello medio, ma ovviamente siamo a livello di dicerie e non si potrà (probabilmente) mai sapere...


Esattamente, avevano almeno 4 volte i dipendenti necessari ed era il parcheggio di tutti gli amici dei raccomandati e politici vari.

Poi la cosa ridicola che dirottavano su Roma qualsiasi volo, costringendo a fare lo scalo obbligato per cercare di giustificare tutto quel personale inutile.
Vash_8514 Ottobre 2021, 16:41 #9
Originariamente inviato da: Pino90
Conosco una delle persone che circa 15 anni fa fu incaricata di aggiustarne i conti. Mi disse che fondamentalmente è impossibile renderla profittevole a causa della quantità di persone che c'è dentro e che ci deve mangiare. I sindacati ovviamente non volevano nessun esubero, ma l'azienda era usata per parcheggiare persone "bisognose" e alla fine a rimetterci sono stati i lavoratori veri, piloti e equipaggio di volo inclusi.
Purtroppo hai perfettamente ragione: ladri e delinquenti. Lui sosteneva che più che il top management il marcio era a partire dal livello medio, ma ovviamente siamo a livello di dicerie e non si potrà (probabilmente) mai sapere...


In altre aziende "italiche" e ben più grandi di alitalia hanno avuto problemi del genere in passato, gran parte di queste persone erano "illicenziabili" ma che fondamentalmente non facevano un azzo dalla mattina alla sera e se gli chiedevi di fare il proprio lavoro si mettevano in mutua per 3 mesi.
Risolsero creandogli un area ad hoc in un altra località dove non facevano nulla ma almeno non disturbavano chi aveva voglia di lavorare, mi dicono che parecchi sono andati via ma sono rimaste circa 800 persone che "ufficialmente" imballano componentistica per ricambi.
Unrue14 Ottobre 2021, 16:44 #10
Originariamente inviato da: Pino90
Conosco una delle persone che circa 15 anni fa fu incaricata di aggiustarne i conti. Mi disse che fondamentalmente è impossibile renderla profittevole a causa della quantità di persone che c'è dentro e che ci deve mangiare. I sindacati ovviamente non volevano nessun esubero, ma l'azienda era usata per parcheggiare persone "bisognose" e alla fine a rimetterci sono stati i lavoratori veri, piloti e equipaggio di volo inclusi.
Purtroppo hai perfettamente ragione: ladri e delinquenti. Lui sosteneva che più che il top management il marcio era a partire dal livello medio, ma ovviamente siamo a livello di dicerie e non si potrà (probabilmente) mai sapere...


Beh, ringraziamo i sindacati allora. Ci sono situazioni in cui licenziare mi pare più che naturale, per non far naufragare l'azienda. Invece no, tutti sul carrozzone.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^