Zurigo sceglie la mobilità elettrica per il ritiro dei rifiuti urbani

Zurigo sceglie la mobilità elettrica per il ritiro dei rifiuti urbani

La città elvetica ha ordinato 26 veicoli elettrici a Designwerk, specialista svizzero di eMobility, che si è aggiudicato l'appalto; i mezzi a zero emissioni saranno destinati alla raccolta dei rifiuti urbani (ricilcabili e non) della città di Zurigo a partire dal 2027

di pubblicata il , alle 15:23 nel canale Trasporti elettrici
 

La città svizzera di Zurigo ha scelto l'elettrico per il ritiro dei rifiuti urbani, ordinando a Designweek, la società elvetica che ha vinto la gara di appalto, la consegna di 26 mezzi a batteria, che verranno consegnanti in un'unica trance nel 2027.

L'azienda e la pubblica amministrazione della città svizzera hanno alle spalle precedenti esperienze di proficua collaborazione, con la consegna del primo veicolo ERZ [ndr Entsorgung + Recycling Zürich, ovvero destinato ai servizi di ritiro e riciclo dei rifiuti urbani] nel 2020, cui ne sono seguiti altri 10 nel 2023.

Zurigo raccolta rifiuti elettrica

Il punto di forza del modello LOW CAB Collect 6x2R 450E è il suo passo estremamente corto (una specifica espressamente richiesta nel bando di gara di Zurigo, vista come necessaria per destreggiarsi nel traffico cittadino) pari a 3,45 metri, che, secondo l'azienda fornitrice, rappresenta un "punto di forza unico".

Il pacco batteria montato sui mezzi elettrici ha una capacità di 450 kWh, che, riferisce Designweek, garantiranno un'autonomia sufficiente a coprire un'intera giornata di servizio, sia in estate sia in inverno, con un degrado minimo dopo dieci anni di utilizzo. I veicoli gestiscono una potenza di ricarica in AC fino a 44 kW, ideale per la carica notturna.

Zurigo raccolta rifiuti elettrica

"La vincita di questa gara conferma la nostra leadership tecnologica nei veicoli commerciali, che non sono "pronti all'uso" e si differenziano sempre più dai veicoli della serie OEM", ha affermato Reto Schmid, direttore vendite E-LKW Europe South presso Designwerk Technologies AG. "Grazie alla nostra flessibilità e alla nostra profonda conoscenza e produzione, siamo in grado di soddisfare i requisiti sempre più complessi imposti ai veicoli".

La scelta di Zurigo per veicoli a zero emissioni che gestiscano la raccolta dei rifiuti è solo l'ultimo tassello di un mosaico iniziato nel 2008, quando la città elvetica decise di favorire una politica dei veicoli e dei trasporti più sostenibile.

Il Dipartimento di gestione dei rifiuti e riciclaggio della Città di Zurigo, intende portare l'intera flotta verso la mobilità a zero emissioni entro il 2032.

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
r134819 Gennaio 2024, 17:18 #1
Oh no! Moriranno tutti!
VanCleef19 Gennaio 2024, 19:36 #2
Km, turni e impieghi fissi. La situazione perfetta per poter provare ad adottare i veicoli elettrici...
Opteranium19 Gennaio 2024, 21:12 #3
I mezzi pubblici con tratte predefinite vanno benissimo per l'elettrico
sichenia19 Gennaio 2024, 23:46 #4
Sai che notiziona. Anche nel modenese hanno fatto questa scelta (o meglio hanno premiato chi in sede di gara dichiarava che li avrebbe usati).
Poi però alla prova dei fatti li usano solo per la raccolta dei sacchi della differenziata e non per vuotare i cassonetti, perchè i mezzi più grandi elettrici non esistono e se esistessero starebbero più tempo in carica che in giro.
E anche così i mezzi che sono elettrici danno un sacco di problemi perchè dato che sono piccoli devono andare continuamente a svuotarsi e poi tornare per strada, svuotarsi e tornare per strada. E con sto avnti e indietro perdono tempo e si scaricano. E i rifiuti restano in strada e la gente è furiosa.
r134820 Gennaio 2024, 11:37 #5
Originariamente inviato da: sichenia
Sai che notiziona. Anche nel modenese hanno fatto questa scelta (o meglio hanno premiato chi in sede di gara dichiarava che li avrebbe usati).
Poi però alla prova dei fatti li usano solo per la raccolta dei sacchi della differenziata e non per vuotare i cassonetti, perchè i mezzi più grandi elettrici non esistono e se esistessero starebbero più tempo in carica che in giro.
E anche così i mezzi che sono elettrici danno un sacco di problemi perchè dato che sono piccoli devono andare continuamente a svuotarsi e poi tornare per strada, svuotarsi e tornare per strada. E con sto avnti e indietro perdono tempo e si scaricano. E i rifiuti restano in strada e la gente è furiosa.


Eh già, è cosa nota che ormai il modenese è praticamente un set di Mad Max!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^