Milano ha deciso: stop ai motori diesel Euro 5, si punta a una metropoli ciclo-pedonale

Milano ha deciso: stop ai motori diesel Euro 5, si punta a una metropoli ciclo-pedonale

La città di Milano si prepara a un'altra stretta contro le auto. Tra pochi mesi sarà vietata la circolazione in Area B anche alle diesel Euro 5, mentre prosegue la trasformazione di strade in aree pedonali e ciclabili

di pubblicata il , alle 09:23 nel canale Urban Mobility
Diesel
 

Chi frequenta o abita nella città di Milano conosce bene la trasformazione che la giunta di Beppe Sala sta portando avanti da qualche anno a questa parte. La città punta ai modelli delle grandi capitali del nord Europa, dove si è dichiarato guerra alle auto e al trasporto privato, in virtù di centri città allargati e più vivibili (e di conseguenza meno inquinati).

Tra pochi mesi, a ottobre 2022, nel capoluogo lombardo ci sarà un'altra scadenza, che sancisce l'addio ai motori diesel Euro 5 all'interno dell'Area B. Tuttavia per chi non potrà cambiare veicolo ed avrà esigenze inderogabili - come la presenza della propria abitazione - sarà possibile installare un dispositivo, detto Move-in, che come una sorta di scatola nera registra i chilometri percorsi all'interno della zona vietata, ed ha un limite annuale ben preciso che non si può superare.

Milano

Resta ovviamente invariata l'Area C, inaccessibile se non con pagamento di un salato pedaggio, mentre per gli altri quartieri continua una trasformazione in zone residenziali più green e sempre meno a misura di automobile. Anche in queste aree verranno istituite delle ZTL, così come delle zone con limite a 30 km/h, e continuerà l'espansione di aree pedonali e piste ciclabili. Di fatto si punta a una Milano ciclo-pedonale.

Milano

Ma non è tutto. La trasformazione interessa anche le aree a bordo strada, con marciapiedi che verranno sempre più ricoperti da aree verdi e erba, per ottenere due risultati: raffreddamento della città e assorbimento acque piovane. Questi cambiamenti potranno però interessare anche stalli oggi utilizzati per la sosta delle auto, che potrebbero diminuire a vantaggio del verde, sempre per disincentivare l'arrivo delle vetture all'interno dei quartieri residenziali.

124 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Darkon25 Febbraio 2022, 09:32 #1
Sempre troppo poco.

Le grandi città dovrebbero vietare la circolazione a TUTTI i mezzi privati salvo casi di emergenza (soprattutto sanitaria) e precisi limiti per i mezzi ad utilizzo aziendale per evitare abusi.

A quel punto la città tornerebbe quantomeno vivibile.
[?]25 Febbraio 2022, 09:36 #2
Originariamente inviato da: Darkon
Sempre troppo poco.

Le grandi città dovrebbero vietare la circolazione a TUTTI i mezzi privati salvo casi di emergenza (soprattutto sanitaria) e precisi limiti per i mezzi ad utilizzo aziendale per evitare abusi.

A quel punto la città tornerebbe quantomeno vivibile.


LOL...
coschizza25 Febbraio 2022, 09:41 #3
Originariamente inviato da: Darkon
Sempre troppo poco.

Le grandi città dovrebbero vietare la circolazione a TUTTI i mezzi privati salvo casi di emergenza (soprattutto sanitaria) e precisi limiti per i mezzi ad utilizzo aziendale per evitare abusi.

A quel punto la città tornerebbe quantomeno vivibile.


geniale e poi come fai le cose che ti servono, con il teletrasporto?
nickmot25 Febbraio 2022, 09:42 #4
Originariamente inviato da: Darkon
Sempre troppo poco.

Le grandi città dovrebbero vietare la circolazione a TUTTI i mezzi privati salvo casi di emergenza (soprattutto sanitaria) e precisi limiti per i mezzi ad utilizzo aziendale per evitare abusi.

A quel punto la città tornerebbe quantomeno vivibile.


Milano punta a quello, in un tempo congruo ovviamente.
In ogni caso, con Move-In sono previsti 10000Km all'interno dell'area, direi piú che sufficienti per coprire le esigenze di chi non puó cambiare auto.

Originariamente inviato da: coschizza
geniale e poi come fai le cose che ti servono, con il teletrasporto?


Mezzi pubblici, compri "sotto casa" (che tanto ci sono negozi e supermercati in abbondanza) o fai consegnare a domicilio.
Paganetor25 Febbraio 2022, 09:44 #5
CERTO

ma con mezzi pubblici già al limite ora, vincolare ulteriormente il transito delle auto private significa creare solo casino.

A Sala non interessa, lui questo problema non ce l'ha, lui vuole solo che la gente venga a Milano, consumi a Milano, spenda a Milano, sprechi a Milano. Per il resto, sono cavoli altrui.

Cominciassero a lavorare per RENDERE POSSIBILE un simile passaggio. Avete presente le ciclabili che abbiamo? Il traffico disordinato e le soste in doppia e tripla fila senza che i vigili facciano nulla? I monopattini e le biciclette sul marciapiede, che se non stai attento quando esci di casa ti ammazzano?

Se no facciamo Milano 4, la facciamo da zero senza veicoli e amen.

Ah, ci sono veicoli "green" che emettono più CO2 della mia Yaris a benzina di 17 anni fa che possono entrare senza pagare.
coschizza25 Febbraio 2022, 09:45 #6
Originariamente inviato da: nickmot
Milano punta a quello, in un tempo congruo ovviamente.
In ogni caso, con Move-In sono previsti 10000Km all'interno dell'area, direi piú che sufficienti per coprire le esigenze di chi non puó cambiare auto.



Mezzi pubblici, compri "sotto casa" (che tanto ci sono negozi e supermercati in abbondanza) o fai consegnare a domicilio.


e se non mi bastano? cambio città
quartz25 Febbraio 2022, 09:45 #7
Questo è ciò che significa "avere una visione di futuro".

In Olanda sono arrivati a capirlo con qualche decennio di anticipo, ma meglio tardi che mai!

Brava Milano, speriamo che altre città retrograde seguano il tuo esempio.
Darkon25 Febbraio 2022, 09:46 #8
Originariamente inviato da: [?]
LOL...


Perché ha senso che a Roma per fare 10Km ci metti 2 ore? Quanto inquina anche la migliore delle auto a stare accesa 2 ore per trasportare UNA persona?

Ha senso per la qualità della vita delle persone passare ore in coda in centro?

Ha senso per chi abita in centro respirarsi lo smog di eterne code?


Poi sia chiaro io ho volutamente scelto di abitare quanto più lontano possibile dalla città quindi a un certo punto il problema è di altri ma è assurdo che ancora si stia a ragionare su euro 5 o euro 6 in centri urbani a così alta densità che l'unica possibilità di avere anche solo una qualità dell'aria respirabile è eliminare tutto il trasporto privato.

Successivamente si dovrebbe nei limiti del possibile iniziare ad attaccare i riscaldamenti privati vietando stufe e altri sistemi a legna/pellett e provvedendo successivamente a stimolare il passaggio a pompe di calore eliminando gradatamente anche il metano.
Paganetor25 Febbraio 2022, 09:46 #9
Originariamente inviato da: nickmot
Milano punta a quello, in un tempo congruo ovviamente.
In ogni caso, con Move-In sono previsti 10000Km all'interno dell'area, direi piú che sufficienti per coprire le esigenze di chi non puó cambiare auto.



Mezzi pubblici, compri "sotto casa" (che tanto ci sono negozi e supermercati in abbondanza) o fai consegnare a domicilio.


scusa, 10.000 km dove lo hai letto?

Per il resto, le consegne a domicilio chi le fa, il fattorino in monopattino o in bicicletta?
coschizza25 Febbraio 2022, 09:48 #10
Originariamente inviato da: Darkon
Successivamente si dovrebbe nei limiti del possibile iniziare ad attaccare i riscaldamenti privati vietando stufe e altri sistemi a legna/pellett e provvedendo successivamente a stimolare il passaggio a pompe di calore eliminando gradatamente anche il metano.


una pompa di calore consuma e inquina molto di piu di una a legna che esempio assurdo che fai

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^