4box annuncia la presa shuko con caricatore integrato: porta USB type-C e fino 3.0 A

4box annuncia la presa shuko con caricatore integrato: porta USB type-C e fino 3.0 A

Si chiama P40 USB3.0 ed è una classica presa shuko nella quale è stato integrato un caricatore USB con corrente massima di 3.0 A: una soluzione impiantistica che viene incontro a tutte quelle situazioni dove è primaria l'esigenza di ricaricare dispositivi USB senza dover per forza occupare una presa elettrica magari necessaria per altri utilizzatori

di pubblicata il , alle 08:21 nel canale Tecnologia
4box
 

L'azienda italiana 4box, specialista dei componenti per impianti elettrici, propone la sua ultima idea di presa elettrica aggiornata per soddisfare le moderne esigenze per la ricarica di dispositivi mobile.

Si chiama P40 USB3.0 ed è una classica presa shuko nella quale è stato integrato un caricatore USB con corrente massima di 3.0 A: una soluzione impiantistica che viene incontro a tutte quelle situazioni dove è primaria l'esigenza di ricaricare dispositivi USB senza dover per forza occupare una presa elettrica magari necessaria per altri utilizzatori.


Clicca per ingrandire

La sigla P40 indica una presa che somma lo standard tedesco, il cosiddetto shuko, con la presa da 10 e 16 A dello standard italiano, definitiva bivalente o bipasso, a questa base i tecnici di 4box hanno trovato spazio sufficiente a posizionare l'elettronica necessaria per offrire un caricatore con relativa porta USB Type-C posta in un angolino del frutto, mantenendo l'ingombro frontale di 2 moduli ed una profondità massima di 52 mm, compatibile con le principali scatole da incasso o da parete.

La presa 4box P40 USB3.0 sarà disponibile per le principali serie civili come bTicino Matix, Livinglight e Living Now, Vimar Plana e Arkè e Gewiss.

4box ha comunicato che la disponibilità di questa sua originale presa è in fase di distribuzione, su Amazon si trovano già varie inserzioni che indicano un prezzo nell'ordine di circa 25 € che varia a seconda di serie e finitura, adattatore da Type-C a Type-A femmina; per maggiori immagini e dettagli a riguardo vi invitiamo a visitare la pagina dedicata a questa ingegnosa presa.


Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
montanaro7909 Luglio 2020, 09:00 #1
Poco pratica...
montanaro7909 Luglio 2020, 09:00 #2
Poco pratica...
marcram09 Luglio 2020, 09:07 #3
Bella soluzione.
Però costa molto più di un alimentatore esterno, non si può muovere, e si tratta di un trasformatore perennemente collegato alla corrente.
Al momento, secondo me, i contro sono maggiori dei pro.
nx-9909 Luglio 2020, 09:59 #4
Originariamente inviato da: marcram
si tratta di un trasformatore perennemente collegato alla corrente.
Pare sia proprio così.

Poi ci fanno venire i sensi di colpa per la lucina rossa sempre accesa...
andbad09 Luglio 2020, 10:19 #5
Originariamente inviato da: nx-99
Pare sia proprio così.

Poi ci fanno venire i sensi di colpa per la lucina rossa sempre accesa...


L'assorbimento a vuoto di un alimentatore switching è trascurabile. Probabilmente parliamo di un decimo di W o giù di lì. Direi che non arriviamo ai 30 centesimi annui.

By(t)e
zoomx09 Luglio 2020, 10:21 #6
Qui conta anche la durata. Un alimentatore perennemente chiuso in una presa quanto dura?
Piuttosto un alimentatore con presa passante, così come dovrebbero essere con presa passante i powerline e tanti altri accessori.
Certo, basta che a valle uno poi non metta una utenza da 2000W
nx-9909 Luglio 2020, 10:37 #7
Originariamente inviato da: andbad
L'assorbimento a vuoto di un alimentatore switching è trascurabile. Probabilmente parliamo di un decimo di W o giù di lì. Direi che non arriviamo ai 30 centesimi annui.

By(t)e


Vedila in ottica di milioni di installazioni, poi vediamo quanti watt e quanto inquinamento si produce per generarli.
Poi come fanno notare è anche una questione di usura tenere in perenne tensione i dispositivi.
Piedone111309 Luglio 2020, 10:56 #8
Originariamente inviato da: nx-99
Vedila in ottica di milioni di installazioni, poi vediamo quanti watt e quanto inquinamento si produce per generarli.
Poi come fanno notare è anche una questione di usura tenere in perenne tensione i dispositivi.


Esistono gia alimentatori usb in frutti da incasso e sono molto più diffusi ( e pratici ) di quello che si creda.
Certamente un sistema apri/chiudi ad inserimento del cavetto sarebbe un plus, ma certamente poco utile dato che si tenderà a lasciare il cavo di carica perennemente collegato
andbad09 Luglio 2020, 11:08 #9
Originariamente inviato da: nx-99
Vedila in ottica di milioni di installazioni, poi vediamo quanti watt e quanto inquinamento si produce per generarli.
Poi come fanno notare è anche una questione di usura tenere in perenne tensione i dispositivi.


Io lascio perennemente gli alimentatori collegati. E come me milioni di persone. Una cosa del genere non avrebbe alcun impatto sui consumi e sull'inquinamento globale.

By(t)e
StIwY09 Luglio 2020, 11:28 #10
Come ha scritto qualcuno, c'è da vederne la durata. Ad un mio amico che se l'è fatte installare in quasi tutte le prese di casa, gliene sono saltate già un paio dopo nemmeno due anni...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^