Iscriviti al nostro nuovo canale YouTube, attiva le notifiche e rimani aggiornato su tutti i nuovi video

Anche le auto elettriche Deepal sono in arrivo in Europa, con lo zampino di Huawei

Anche le auto elettriche Deepal sono in arrivo in Europa, con lo zampino di Huawei

Il marchio di Changan dedicato ai veicoli elettrificati punta ai mercati globali, Europa compresa. Ha stretto anche un'alleanza con Huawei

di pubblicata il , alle 12:34 nel canale Auto Elettriche
DeepalHuaweiChangan
 

L'Europa è sempre più nel mirino dei produttori di auto asiatici, che cercano di sfruttare le incertezze dei marchi storici, per guadagnare quote di mercato, soprattutto per l'elettrico, dove mancano proposte economiche e in determinati segmenti.

Un altro nome che forse potremo conoscere meglio nel prossimo futuro è quello di Deepal, divisione di Changan che si occupa di veicoli elettrici, elettrificati, e fuel cell a idrogeno. La stessa Changan in Cina è una potenza: è una delle quattro principali case automobilistiche statali, insieme a FAW, SAIC e Dongfeng.

Deepal

Il CEO di Deepal Deng Chenghao, ha spiegato su Weibo, il social network cinese, che la casa intende espandersi nei mercati dove l'elettrico è in rampa di lancio, e tra questi ovviamente c'è l'Europa. Al momento Deepal propone la berlina SL03 (conosciuta come L07 in Thailandia), disponibile come elettrica, EREV e Fuel Cell, e il SUV di fascia media S07.

Deepal

Sono in arrivo altri due modelli che, secondo i media cinesi, verranno sviluppati insieme a Huawei. Vi avevamo già parlato della collaborazione di Huawei e Changan per la joint venture Avatr, e dunque sembra che il dualismo si ripeterò anche per Deepal. L'azienda conosciuta soprattutto per gli smartphone, potrebbe occuparsi non solo di software, ma anche di molte altre parti del veicolo, diventando un produttore automobilistico di fatto.

Nel frattempo, Deepal ha consegnato circa 102.000 auto in Cina, secondo i numeri registrati fino a ottobre. Potrebbe quindi chiudere l'anno a quota 150.000, un numero più che discreto per un nuovo marchio, ma molto lontano da quel 450.000 di cui parla il CEO quando discute dell'espansione in tutto il mondo.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^