Elettrico, benzina o GPL per chi ha reddito ISEE basso. È il leasing inclusivo Dacia

Elettrico, benzina o GPL per chi ha reddito ISEE basso. È il leasing inclusivo Dacia

Una nuova formula, elettrico, benzina o GPL per chi ha reddito ISEE basso, con zero anticipo e rata sostenibile. Si parte in quattro città

di pubblicata il , alle 16:44 nel canale Auto Elettriche
Dacia
 

Come cambiare auto quando il reddito è basso, soprattutto se si punta ad una utilitaria elettrica? Dacia prova a dare la risposta, con l'apertura del Programma Mobilità Inclusiva.

Molto semplicemente, si tratta di una proposta di leasing agevolato, per le fasce deboli della popolazione, proprio per due utilitarie tra le più vendute del mercato, Dacia Sandero e Dacia Spring. Per poter accedere alla formula è necessario rispettare alcune condizioni di eleggibilità.

L'offerta è riservata alle persone fisiche, che secondo la documentazione ISEE hanno un reddito non superiore a 15.000 euro. Saranno valutate inoltre diverse tipologie di impiego, anche non stabile, come colf, prima assunzione, apprendistato, lavoratori stagionali, dipendenti agricoli senza continuità. Il cliente dovrà anche essere residente in una delle quattro città dove parte il progetto, ovvero Milano, Roma, Napoli e Bologna. Nel corso del 2024 l’operazione di Mobilità Inclusiva sarà progressivamente estesa a tutte le città metropolitane.

Dacia Spring

È possibile scegliere tra Sandero benzina, Sandero benzina+GPL e Spring 100% elettrica. Per la Sandero benzina l'anticipo è zero, e successivamente 148 euro per 47 mensilità. Il TAN è 0,99%, il TAEG 2,19%, ed il valore di riscatto è fissato a 8.755 euro. Per Sandero benzina e GPL la rata è la stessa, sempre senza anticipo, ma il TAEG è 2,16% e il valore di riscatto è pari a 9.170 euro.

Se si punta all'elettrica Dacia Spring, resta l'anticipo zero, ma la rata sale a 220 euro al mese, 47 mensilità, TAN 0,99%, TAEG 2,25%, e valore di riscatto più accessibile a 5.962,65 euro. Le offerte sono indicate con scadenza 31 dicembre 2023, e per la Spring è segnalato anche un numero limitato di vetture a disposizione, oltre alla necessità di accedere ai pieni incentivi statali con rottamazione di un vecchio veicolo.

Per chi fosse interessato, trova tutte le informazioni e la documentazione necessaria alla pagina dedicata del sito Dacia.

113 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
omerook15 Dicembre 2023, 16:54 #1
Una famiglia che vive con meno di 15.000 l'anno ha piú bisogno dei bonus trasporti per i mezzi pubblici.
ferste15 Dicembre 2023, 17:00 #2
Originariamente inviato da: omerook
Una famiglia che vive con meno di 15.000 l'anno ha piú bisogno dei bonus trasporti per i mezzi pubblici.


In città si, se abita fuori città vede passare un treno ogni 4 ore e fa come Il Ragazzo di Campagna.
Muiron15 Dicembre 2023, 17:34 #3

fantascenza ma anche no

un nucleo famigliare con ISEE a 15000, che attenzione non è solo il reddito da lavoro ma comprende anche altro come casa o comunque beni accessori vuol dire che ad andar bene porta a casa la media di 800 euro mensili e 150 dovrebbe spenderli in leasing per una macchina, con riscatto a 10.000 e dove li trova e come li mette via quei 10000 euro se ne avanza 650-700 per vivere in quei 4 anni? si potranno permettere un usato a 3000 euro scontati e stop.
forse qualche evasore ha iSEE a 15000 o meno ma se lo è e ha i soldi si prende altro che una Dacia, poi la intesta alla nonna di 150 anni e siamo tutti contenti
bonzoxxx15 Dicembre 2023, 18:45 #4
Il mio isee, monoreddito famiglia a carico, prima di andarmene dall'Italia era poco meno di 18000€. Si campa, ma certo non si più sgarrare e bisogna tenere d'occhio ogni singola spesa
barzokk15 Dicembre 2023, 19:40 #5
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
È il leasing inclusivo Dacia

Io vorrei un leasing WOKE
E anche un leasing LGBTQ+-xy.


Originariamente inviato da: bonzoxxx
Il mio isee, monoreddito famiglia a carico, prima di andarmene dall'Italia era poco meno di 18000€. Si campa, ma certo non si più sgarrare e bisogna tenere d'occhio ogni singola spesa

Appunto. Vedo gli amici che hanno reddito basso, vanno in giro con auto usate di 10 anni, pandini e roba del genere.
Frega un caxxo delle EV
Darkon15 Dicembre 2023, 19:43 #6
Una famiglia con un ISEE da 15.000 o meno € non dovrebbe per nessun motivo comprare un'auto con o senza incentivi.

Con un reddito del genere le sole spese fisse come assicurazione e bollo già sono insostenibili, mettici poi carburante e manutenzione e hai la ricetta perfetta per annientare anche la minima speranza di risparmiare qualcosa per poter migliorare il tenore di vita nel tempo.

Ovviamente questo a prescindere da EV o termica o qualsiasi altra auto.
PapaStreamer15 Dicembre 2023, 20:33 #7
La vita a debito inizia a prendere forma.
Evilquantico15 Dicembre 2023, 20:58 #8
15.000 euro anno sono 1250 euro al mese cioė lo stipendio medio Italiano
Mars9515 Dicembre 2023, 21:11 #9
Originariamente inviato da: Evilquantico
15.000 euro anno sono 1250 euro al mese cioė lo stipendio medio Italiano


Si ma l'ISEE è un'altra cosa.
Tasslehoff15 Dicembre 2023, 21:50 #10
Originariamente inviato da: Darkon
Una famiglia con un ISEE da 15.000 o meno € non dovrebbe per nessun motivo comprare un'auto con o senza incentivi.

Con un reddito del genere le sole spese fisse come assicurazione e bollo già sono insostenibili, mettici poi carburante e manutenzione e hai la ricetta perfetta per annientare anche la minima speranza di risparmiare qualcosa per poter migliorare il tenore di vita nel tempo.

Ovviamente questo a prescindere da EV o termica o qualsiasi altra auto.
Eccolo qua il solito pregiudizio per cui esistono sempre e solo le città, anzi esistono solo Milano o Roma (e buona fortuna con i mezzi pubblici romani...).

Il resto del paese? Che mangino brioches... anche se rappresenta il 66% della popolazione.

Tra l'altro persino il fatto che in città si possa vivere senza auto è un pregiudizio bello e buono considerando che la stragrande maggioranza delle persone un'auto ce l'ha anche se vive in una metropoli.

Perchè finchè sei single e giovane e tutto quello che desideri è un aperitivo sui navigli va bene, ma quando hai famiglia hai voglia a fare la spesa per 3 o 4 con il carrellino incastrato in metropolitana, oppure hai voglia a portare i figli alla partita di calcio/basket/rugby o altro coi mezzi... e quando sali d'età e l'aperitivo è un vago ricordo, magari ti viene pure la voglia di lasciare la città nel week end per respirare un po' di aria pulita e farti due passi in mezzo a qualcosa di diverso da casermoni e tangenziali, non a caso le barriere autostradali in ingresso alle metropoli la domenica sera sono sempre piene.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^