La nuova Saab elettrica in cattive acque: si cercano nuovi investitori o acquirenti

La nuova Saab elettrica in cattive acque: si cercano nuovi investitori o acquirenti

La società nata dalle ceneri di Saab, la National Electric Vehicle Sweden, sta subendo la crisi della proprietà, in mano al gruppo Evergrande. Per garantire continuità si cercano quindi nuovi investitori

di pubblicata il , alle 16:33 nel canale Auto Elettriche
NEVS
 

Dal fallimento della Saab è nata National Electric Vehicle Sweden (NEVS), che ne ha mantenuto l'identità svedese, e in un primo momento anche il design, molto vicino alle vetture un tempo con motore endotermico.

Il core business di NEVS è poi diventato quello di fornitore di servizi, più che di produttore in senso stretto, con la progettazione e la produzione di veicoli elettrici per conto terzi. NEVS da questo punto di vista ha già chiuso accordi di collaborazione con diverse realtà, tra cui Sono Motors e Koenigsegg.

Tuttavia l'azienda svedese non ha ancora iniziato a fare sul serio, ma nel frattempo il gruppo cinese proprietario, Evergrande, è entrato in una grande crisi finanziaria che ha coinvolto diverse divisioni, tra cui appunto quella automotive. Oltre a NEVS, Evergrande ha lanciato anche il brand Hengchi, sussidiaria per la produzione di soli veicoli elettrici, in cui ha bruciato svariati miliardi di dollari.

NEVS

Secondo il CEO di NEVS, Stefan Tilk, la situazione al momento non è particolarmente delicata, con fondi sufficienti ancora per un medio periodo ma, non sapendo come potranno evolvere le cose, sono iniziati i colloqui con possibili investitori o proprietari.

Un nulla di fatto per ora, ed esiste anche l'opzione che Evergrande possa uscire dalla crisi, e dunque voler mantenere la sua presenza nel mercato europeo. L'azienda cinese infatti non ha mai nascosto la volontà di presidiare anche il Vecchio Continente con una fabbrica, un sito di test e un laboratorio.

Intanto però NEVS è stata costretta a lasciare a casa circa metà dei 650 dipendenti della sede di Trollhättan, con la promessa di una possibile riassunzione nel caso passi la bufera.

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Notturnia18 Ottobre 2021, 17:45 #1
saab.. la storia si ripete ?..
acerbo18 Ottobre 2021, 19:01 #2
non é cha besta rispolverare un marchio storico e ficcarci dentro una batteria per vendere le auto eh?! La gente oggi ha strumenti molto piu' avanzati per informarsi e non compra le macchine solo in base al brand o alla marchetta sul mensile allegato al giornale che non legge piu' nessuno.
ciolla200518 Ottobre 2021, 19:10 #3
Ma non stanno vendendo tantissimo le auto elettriche?

A sentire i giornalisti c'è la fila al concessionario...
LMCH18 Ottobre 2021, 19:18 #4
Originariamente inviato da: acerbo
non é cha besta rispolverare un marchio storico e ficcarci dentro una batteria per vendere le auto eh?! La gente oggi ha strumenti molto piu' avanzati per informarsi e non compra le macchine solo in base al brand o alla marchetta sul mensile allegato al giornale che non legge piu' nessuno.


In questo caso il vero problema é che il gruppo cinese Evergrande sta per fallire e/o verrà smembrato, quindi per quel che riguarda NEVS in ogni caso o trova un acquirente interessato a continuare a mandarla avanti oppure verra chiusa con beni immobili ed IP venduti a chi capita.
acerbo18 Ottobre 2021, 19:49 #5
Originariamente inviato da: LMCH
In questo caso il vero problema é che il gruppo cinese Evergrande sta per fallire e/o verrà smembrato, quindi per quel che riguarda NEVS in ogni caso o trova un acquirente interessato a continuare a mandarla avanti oppure verra chiusa con beni immobili ed IP venduti a chi capita.


Beh cosa c'é di nuovo? Io non investirei mai su un marchio cinese, guarda che fine ha fatto l'Inter, vinto lo scudetto non avevano manco i soldi per pagare gli stipendi
Quando c'é uno Stato Comunista dietro un' azienda non puo' che andare tutto a puttane ad ogni cambio di politica nazionale e le aziende cinesi sono tutte statali.
LMCH18 Ottobre 2021, 22:27 #6
Originariamente inviato da: acerbo
Beh cosa c'é di nuovo? Io non investirei mai su un marchio cinese, guarda che fine ha fatto l'Inter, vinto lo scudetto non avevano manco i soldi per pagare gli stipendi
Quando c'é uno Stato Comunista dietro un' azienda non puo' che andare tutto a puttane ad ogni cambio di politica nazionale e le aziende cinesi sono tutte statali.


Ed il tuo punto riguardo questa notizia sarebbe ... ?

In questo caso un azienda cinese aveva investito in una svedese ed ora l'azienda svedese cerca un altro investitore.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^